INDURENTE nel Fissaggio

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: Silverprint, chromemax

Avatar utente
maramau
esperto
Messaggi: 139
Iscritto il: 12/07/2012, 14:07
Reputation:
Località: Valle Maira Prov. Cuneo

INDURENTE nel Fissaggio

Messaggioda maramau » 12/12/2012, 22:14

Ciao a Tutti,
posto questa domanda per capirne di più o forse e meglio dire per CAPIRNE e BASTA!!!!!!!!!!
L'Indurente quando si usa?
A cosa serve?
Si usa sia per la pellicola e la carta?
Come sempre Grazie in anticipo a Tutti quelli che daranno anima alla domanda.
Saluti dalla Val Maira
Maramau ;)


Il Maramau della Valle Maira

Ho sempre pensato che la fotografia sia come una barzelletta: se la devi spiegare non è venuta bene.
Ansel Adams

Advertisement
Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11557
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: INDURENTE nel Fissaggio

Messaggioda Silverprint » 12/12/2012, 22:58

Ciao Cristiano!

Si usa(va) per le pellicole dalla gelatina fragile o per i trattamenti ad alta temperatura. la gelatina in uso (da qualche decennio) è già abbastanza dura di suo.
Non si usa più... tranne che forse in climi equatoriali o in qualche vecchio processore un po' violento. Agisce sulla gelatina e la rende più dura, ma al contempo più impermeabile per cui dopo bisogna aumentare il tempo di lavaggio.
Di usarlo sulle carte non ne ho mai sentito parlare, ma immagino che oltre che inutile renda il lavaggio davvero improbo.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
maramau
esperto
Messaggi: 139
Iscritto il: 12/07/2012, 14:07
Reputation:
Località: Valle Maira Prov. Cuneo

Re: INDURENTE nel Fissaggio

Messaggioda maramau » 13/12/2012, 1:21

Me lo hanno consigliato per delle lastre. Efke 25 dove ho avuto problemi di emulsione saltata Rispettando tutti i procedimenti,temperature,dosaggi vari,da qui nasceva la mika domanda,visto che sapevo le cose che mi hai detto. BHO!!!!!!


Il Maramau della Valle Maira

Ho sempre pensato che la fotografia sia come una barzelletta: se la devi spiegare non è venuta bene.
Ansel Adams

Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11557
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: INDURENTE nel Fissaggio

Messaggioda Silverprint » 13/12/2012, 2:16

Ah be'. Non le conosco, è una tecnologia antica: provacelo! Se sono rognose come si sente dir forse potrebbe aiutare, sempre che i danni avvengano dopo il fissaggio... :ymdevil:
Le sviluppi in bacinella o hai un qualche accrocchio?

Prova anche a ridurre al minimo il tempo bagnato totale (lavaggio ilford, prebagno max 90", sviluppi brevi), a fare uno stop delicato (1%, metà dose) ed usare un fissaggio poco aggressivo sull'emulsione (Agefix) evitando i più aggressivi (Hypam e Rapid fix Ilford, Superfix Ornano).


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Advertisement
Avatar utente
maramau
esperto
Messaggi: 139
Iscritto il: 12/07/2012, 14:07
Reputation:
Località: Valle Maira Prov. Cuneo

Re: INDURENTE nel Fissaggio

Messaggioda maramau » 13/12/2012, 2:28

Come contenitore di sviluppo uso il MOD54,prebagno di 75-80", non faccio stop ma un semplice lavaggio con demineralizzata a temperatura 20°,anche perchè ho notato che con arresto normale la cosa è ancora peggio, fissaggio con TETENAL SUPERFIX PLUS 1000 il più diluito (in base alla tabella allegata) e lavaggio ilford finale 5-10-20-40. Ma tutte le lastre presentano i micro fori in abbondanza. Provo e poi vedremo se si risolve.


Il Maramau della Valle Maira

Ho sempre pensato che la fotografia sia come una barzelletta: se la devi spiegare non è venuta bene.
Ansel Adams

Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11557
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: INDURENTE nel Fissaggio

Messaggioda Silverprint » 13/12/2012, 2:52

:(

La mod-54 a me piace, e lavorando in tank i rischi di danni meccanici si riducono alla sola fase di inserimento.
Non so se l'induritore possa servire, bisognerebbe capire quando avviene il fattaccio (se non sono proprio difettose lastre). La mancanza del bagno di arresto, eventualmente dovrebbe peggiorare la cosa, e un arresto delicato dovrebbe essere di aiuto e non causa di danni, quindi è un po' strano.

Che dire, bisogna fare un po' di prove cambiando i prodotti. Inizierei provando con l'Agefix.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
maramau
esperto
Messaggi: 139
Iscritto il: 12/07/2012, 14:07
Reputation:
Località: Valle Maira Prov. Cuneo

Re: INDURENTE nel Fissaggio

Messaggioda maramau » 13/12/2012, 3:04

Messo nell'elenco di Babbo Natale, anzi hai miei tempi di Gesù Bambino........da trovare sotto l'albero


Il Maramau della Valle Maira

Ho sempre pensato che la fotografia sia come una barzelletta: se la devi spiegare non è venuta bene.
Ansel Adams

Avatar utente
impressionando
superstar
Messaggi: 4653
Iscritto il: 28/08/2011, 11:08
Reputation:
Località: Reggio Emilia

Re: INDURENTE nel Fissaggio

Messaggioda impressionando » 13/12/2012, 8:57

Sulle Efke è provvidenziale. Normalmente un'azione maldestra del polpastrello stacca/sposta l'emulsione se indurisci no. Comunque io con lo stop acetico a mezza dose non ho mai avuto puntini mentre li ho avuti (appunto da frittura) a dose normale.
Occhio a non mischiare i due chimici puri (fix e indurente), fanno i pugni. Occhio pure alla durata del fix; io non ricordo bene che inconvenienti avesse ma quando lu osavo lo usavo solo per trattamenti consecutivi poi lo buttavo.
L'indurente lo usavo anche per favorire la smaltatura e il distacco con le carte molto lavate. Lo mettevo dopo il lavaggio poi lavavo ancora un po' ma poco.





  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti