Pellicole e spessori (curiosità malsana)

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: Silverprint, chromemax

Avatar utente
RolloTommasi
esperto
Messaggi: 121
Iscritto il: 30/10/2011, 1:46
Reputation:
Località: Sasso Marconi (BO)
Contatta:

Pellicole e spessori (curiosità malsana)

Messaggioda RolloTommasi » 28/12/2012, 9:45

Nonostante sviluppi non da molto, mi sono accorto che FP4 e HP5 hanno consistenze piuttosto diverse: la FP4 è più sottile (passa meglio sotto alle sfere della spirale, ma da asciutta resta molto curva) mentre la HP5 è più "tosta" (più rigida nella spirale, ma da asciutta resta bella tesa).
Quest'ultima è così tosta, che al buio (e alle mie tozze dita di neofita! ;) ) quasi si scambia per la carta di protezione.
Ho letto che tutte le pellicole sono costituite da una base di acetato di cellulosa. Quindi mi chiedo: cosa spinge un fabbricante ad usare basi di spessori diversi? Non conviene, industrialmente, standardizzarle?
O è l'emulsione stessa a rendere così differente lo spessore?


«Oggi siamo più abili di ieri, domani saremo più abili di oggi. Per tutta la vita, giorno per giorno, siamo sempre migliori» (Hagakure)
http://www.nicolafocci.com

Advertisement
Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11670
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Pellicole e spessori (curiosità malsana)

Messaggioda Silverprint » 28/12/2012, 10:17

Non mi sono mai messo a misurarle (nelle specifiche a volte sono riportati gli spessori del supporto), ma la tatto sono tutte un po' diverse e hanno spessori e non solo diversi.

La qualità del supporto è spesso sottovalutata e invece ha un ruolo abbastanza deciso sulle qualità della stampa (di sottigliezze fine art, si parla, sia chiaro). I supporti possono essere più meno trasparenti, diffondere la luce in maniera diversa, restare più o meno piani, sopportare meglio gli strati applicati...

Tanti anni fa Ilford per un breve periodo stese l'emulsione della HP5 (35 mm) su un supporto molto sottile, tanto sottile che in un rullo entravano ben 72 fotogrammi. A detta di molti la solita emulsione su quel supporto sottile dava risultati migliori. Purtroppo erano gli anni '80 e non ero ancora abbastanza bravo per poter verificare di persona. :))

Di solito le pellicole 120 sono quelle col supporto più sottile, le 35 mm hanno bisogno di resistere a maltrattamenti (il trascinamento dai forellini...), mentre quelle in lastra devono essere sufficientemente rigide da avere una buona planarità anche in assenza di pressa-pellicola e sono le più spesse e rigide.
Non ho condotto test scientifici di confronto, ma direi che si possa essere d'accordo con chi sostiene che le pellicole medio formato offrano, a parità di superficie usata ed emulsione, una qualità più alta per via del supporto più sottile.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
DanieleLucarelli
guru
Messaggi: 1152
Iscritto il: 12/08/2010, 16:56
Reputation:
Località: Livorno
Contatta:

Re: Pellicole e spessori (curiosità malsana)

Messaggioda DanieleLucarelli » 28/12/2012, 11:12

Il supporto ilford mi pare sia lo stesso per tutte le pellicole a parità di formato, la sensazione di spessore potrebbe essere dato dall'emulsione.



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11670
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Pellicole e spessori (curiosità malsana)

Messaggioda Silverprint » 28/12/2012, 11:41

Il supporto è diverso per ogni formato. Ed è uguale a parità di formato (in casa Ilford almeno), quindi se danno sensazioni diverse è perché è diverso quel che c'è sopra.

Le Ilford usano:

35 = 0.125mm/5mil in acetato (non trasparente)
120 = 0.110 mm/4mil in acetato (trasparente)
Lastre = 0.180/7mil in poliestere. (naturalmente per quelle fatte anche in lastra)


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Advertisement
Avatar utente
upupup
esperto
Messaggi: 194
Iscritto il: 15/03/2010, 13:28
Reputation:

Re: Pellicole e spessori (curiosità malsana)

Messaggioda upupup » 28/12/2012, 12:26

Silverprint ha scritto:Il supporto è diverso per ogni formato. Ed è uguale a parità di formato (in casa Ilford almeno), quindi se danno sensazioni diverse è perché è diverso quel che c'è sopra.

Le Ilford usano:

35 = 0.125mm/5mil in acetato (non trasparente)
120 = 0.110 mm/4mil in acetato (trasparente)
Lastre = 0.180/7mil in poliestere. (naturalmente per quelle fatte anche in lastra)

Visto che ho intenzione di invertire un rullo 120 hp5........in formato 6x6 ,se proiettato con telaino senza vetro, vi sono problemi?



luca_dega
superstar
Messaggi: 1506
Iscritto il: 17/11/2011, 13:34
Reputation:

Re: Pellicole e spessori (curiosità malsana)

Messaggioda luca_dega » 28/12/2012, 12:30

in attesa che risponda Andrea, a mio avviso un 6x6 senza vetri con il caldo della lampada ti si flette come un ginocchio.



Avatar utente
upupup
esperto
Messaggi: 194
Iscritto il: 15/03/2010, 13:28
Reputation:

Re: Pellicole e spessori (curiosità malsana)

Messaggioda upupup » 28/12/2012, 12:38

luca_dega ha scritto:in attesa che risponda Andrea, a mio avviso un 6x6 senza vetri con il caldo della lampada ti si flette come un ginocchio.

Sono disperato poichè non riesco ad eliminare la polvere dai telaini con il vetro........ho comperato 7 scatole di telaini Gepe senza vetro 6X4,5 , con il supporto Provia non vanno male.......ma 6x6 , credo che sia diverso



Avatar utente
impressionando
superstar
Messaggi: 4768
Iscritto il: 28/08/2011, 11:08
Reputation:
Località: Reggio Emilia

Re: Pellicole e spessori (curiosità malsana)

Messaggioda impressionando » 28/12/2012, 14:15

Io non sopporto le dia 6x6 sotto vetro. Gli togli la maggior parte della trasparenza... si vede lontano un km che c'è il vetro. Vai tranquillo senza vetro e se poppano c'è l'AF che fa il suo dovere.
Per quanto riguarda l'inversione della HP5 non penso possa uscire il massimo. I migliori risultati si ottengono con pellicole sottili e lente esposte per il doppio del nominale. Parlando di pellicole "normali" viene ottima la PanF esposta a 100iso. Fantastiche le Orthocromatiche. La HP5 ha pure un supporto leggermente meno trasparente della PanF; ciò comporta un riscaldamento maggiore (che comunque la ventola disperde facilmente.
Le diapositive MF nei telaietti Gepe 7031 vanno fissate su 4 punti per avere il massimo della stabilità.



Avatar utente
upupup
esperto
Messaggi: 194
Iscritto il: 15/03/2010, 13:28
Reputation:

Re: Pellicole e spessori (curiosità malsana)

Messaggioda upupup » 28/12/2012, 14:19

impressionando ha scritto:Io non sopporto le dia 6x6 sotto vetro. Gli togli la maggior parte della trasparenza... si vede lontano un km che c'è il vetro. Vai tranquillo senza vetro e se poppano c'è l'AF che fa il suo dovere.
Per quanto riguarda l'inversione della HP5 non penso possa uscire il massimo. I migliori risultati si ottengono con pellicole sottili e lente esposte per il doppio del nominale. Parlando di pellicole "normali" viene ottima la PanF esposta a 100iso. Fantastiche le Orthocromatiche. La HP5 ha pure un supporto leggermente meno trasparente della PanF; ciò comporta un riscaldamento maggiore (che comunque la ventola disperde facilmente.
Le diapositive MF nei telaietti Gepe 7031 vanno fissate su 4 punti per avere il massimo della stabilità.

Una volta usavo l inversore GHE...ora ho intenzione a spedire a Trieste 3 superpan 200 135 ed un hp5 120 http://www.agenzialuce.it/listino.pdf (vedi pg 17)



Avatar utente
impressionando
superstar
Messaggi: 4768
Iscritto il: 28/08/2011, 11:08
Reputation:
Località: Reggio Emilia

Re: Pellicole e spessori (curiosità malsana)

Messaggioda impressionando » 28/12/2012, 14:56

Si, li conosco, lavorano molto bene.
Tornando hai telaietti vai tranquillo. Fissa la pellicola in 4 punti e vedrai che se il proiettore fa il suo dovere non dovrebbe succedere nulla.





  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti