Fotografia "serale"

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: chromemax, Silverprint

Avatar utente
paolob74
guru
Messaggi: 820
Iscritto il: 30/05/2010, 10:48
Reputation:

Fotografia "serale"

Messaggioda paolob74 » 28/12/2012, 19:09

Ciao a tutti e buone feste....

In questi giorni di relax sto provando qualche scatto in esterni tipo "architettura", è un genere nuovo per me perchè solitamente sono in montagna o nel sottobosco...

Adesso ho nuovi problemi...

Ho fatto degli scatti presso un monastero qua vicino a casa mia:

http://heartrek.bloog.it/info-e-prenota ... o-maggiore

Diciamo che ho provato a fare la seconda foto con il 4 x 5 in un orario quasi serale e con il cielo nuvolo.

Il cielo era molto bello e variegato con nuvoloni neri e macchie di luce.

Le misurazioni davano per il punto più scuro f 2,8 (il sottotetto) e le macchie di luce dietro le nuvole a f64.

Considerando di esporre il sottotetto a f 5,6 per averlo in zona III ho le alte luci che vanno in zona XII, il cielo era bello quindi mi piacerebbe tenere un buon dettaglio.

Nell'indecisione ho esposto 4 lastre, 2 a f 5,6 e 2 a f 4.

Adesso ho il dubbio circa la gestione dello sviluppo, consigli ragazzi?



Advertisement
Avatar utente
paolob74
guru
Messaggi: 820
Iscritto il: 30/05/2010, 10:48
Reputation:

Re: Fotografia "serale"

Messaggioda paolob74 » 28/12/2012, 22:45

Ps.... Mi sono dimenticato un dato importante...

Pellicola usata Fuji neopan acros

:-w :ympray:



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11535
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Fotografia "serale"

Messaggioda Silverprint » 28/12/2012, 22:50

Dici che serve qualcosa di particolare oltre al solito N-2?

Come erano i toni medi, ok o bassini?


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
paolob74
guru
Messaggi: 820
Iscritto il: 30/05/2010, 10:48
Reputation:

Re: Fotografia "serale"

Messaggioda paolob74 » 28/12/2012, 23:10

Ok N-2 ma vado a zona X cioè bianco carta.... No?

Poi la brucio e la porto alla densità corretta.

Ma non amo particolarmente l'effetto della contrazione, mi si impastano i toni medi, è sicuramente colpa mia.

Mi chiedevo se poteva bastare N-1 e bruciare maggiormente, a proposito:

Come faccio a sapere fino a che densità modula una pellicola?

Con la neopan ho misurato anche 1,90 di densità....



Advertisement
Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11535
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Fotografia "serale"

Messaggioda Silverprint » 28/12/2012, 23:37

Non ti vanno in zona X, ma IX circa. Se la X scende in VIII la XII scende (abbastanza) sotto alla X.
Quindi eventualmente con N-2 sarà da farsi una bruciatura piccina (circa 1/3 di stop).

Se vai ad N-1 invece la bruciatura da farsi sarà di circa 1 stop, quindi dipende: puoi scendere di contrasto in stampa (non poco), pre-velare, bruciare con contrasto più basso...

La pellicola modula bene finché non vedi arrivare la spalla in maniera evidente... e mi pare che con la Acros non arriva mai. In sostanza finché la densità aumenta all'aumentare dell'esposizione col solito ritmo modula più che bene. Tieni comunque conto che stai sul piede della carta e che quindi quasi sempre (pellicole dalla spalla precoce con sviluppi compensatori escluse) è la carta che modula male.

Ti chiedevo dei toni medi proprio perché la capacità di modulare i toni alti della Acros giocoforza viene fuori da una pendenza non elevata della curva sui toni medi. Credo sia questo che non ti soddisfa appieno.

Quindi, bisognerebbe riuscire ad evitare la sovra-esposizione, anche leggera, quando la scena ha contrasto elevato in modo da essere sicuri di avere la zona II ben sul piede, insomma evitare di avere tutto in zona lineare e ritrovarsi con una roba simile ad una T-max 100.
Altre cose che puoi fare sono in casi simili sono intervenire sull'agitazione riducendola, facendo per es N-1 con agitazione ridotta, o se fai con la Jobo aumentare la diluizione in modo da snervare un pochino il rivelatore. In pratica cercare di fargli fare un pochino di spalla.

Prova una prima lastra N-2 normalmente e vedi come ti viene la stampa, se ti viene voglia di alzare il contrasto anche se le alte luci sono ok, per aumentare la separazione dei medio chiari, allora devi fargli fare un pochino di spalla... MA attenzione che se si esagera poi non ti modula più bene i chiarissimi. :))


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp



  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite