qualche delucidazione

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: chromemax, Silverprint

Avatar utente
mordred71
esperto
Messaggi: 115
Iscritto il: 04/12/2012, 18:53
Reputation:

qualche delucidazione

Messaggioda mordred71 » 29/12/2012, 11:26

ciao..leggendo nei vari post del forum mi è capitato di leggere che alcuni sviluppi si "mangiano gli iso" ma che vuol dire ? :D
poi ho letto anche che gli iso scritti non corrispondono quasi mai a quelli reali....come faccio a sapere quali sono i reali appunto ?
grazie in anticipo



Advertisement
Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11535
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: qualche delucidazione

Messaggioda Silverprint » 29/12/2012, 11:49

Ciao Mordred!

OT: A Nicò che te credi! Stavo scrivendo! L'introduzione, diciamo...

mordred71 ha scritto:mi è capitato di leggere che alcuni sviluppi si "mangiano gli iso" ma che vuol dire ?

=))

Sono io che l'ho detto... mannaggia a me! :((

La composizione chimica dei vari rivelatori è diversa, alcune formulazioni in particolare non riescono a sfruttare a fondo gli Iso disponibili.
La dizione gergale "si mangiano qualche iso" significa appunto che quel tale rivelatore non sfrutta a fondo la sensibilità, ovvero che usandolo si ha una perdita di Sensibilità Effettiva.

La Sensibilità Effettiva non è quella indicata sulle confezioni, sulle confezioni viene indicato l'Exposure Index (indice di esposizione). Sono due cose molto diverse anche se usano la stessa unità di misura. Come dire... mele e pere si comprano sempre al kilo, ma son frutti diversi.

L'Indice di Esposizione è un valore arbitrario e non corrisponde ad alcuno standard misurabile, in pratica significa solo che usandolo, in unione ad un determinato tempo di sviluppo suggerito, si ottengono toni medi abbastanza corretti.

La Sensibilità Effettiva è invece un valore misurabile e preciso (segue delle norme stabilite) e rappresenta la quantità minima di luce necessaria a produrre sul negativo una densità significativa, ovvero in grado a sua volta di produrre un risultato sulla stampa.

Usare un la S.E. o l'I.E. non è indifferente. Se ne è parlato varie volte, e il discorso è lungo e complesso perché coinvolge tutto il metodo operativo.

Prova a leggere il thread "lezioni di fotografia"... qui: rivelatore-tri-x-400-lezioni-di-fotografia-t3018.html

Se sopravvivi... sei un vero duro! :D


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
mjrndr
guru
Messaggi: 1261
Iscritto il: 21/06/2012, 10:19
Reputation:
Località: Bergamo

Re: R: qualche delucidazione

Messaggioda mjrndr » 29/12/2012, 14:56

Io ti dico solo che dopo averlo letto, riletto e sottolineato mi sono preso un mese sabbatico dalla fotografia :D. (giuro!) adesso scatto col cellulare e vado a pesca con gli amici

Andrea



Avatar utente
mordred71
esperto
Messaggi: 115
Iscritto il: 04/12/2012, 18:53
Reputation:

Re: qualche delucidazione

Messaggioda mordred71 » 29/12/2012, 17:34

AHAHAHAHAH............... =)) grazie comincio subito a leggerlo così forse per la fine di gennaio ce la faccio a finirlo..scherzi a parte grazie grazie



Advertisement


  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti