consiglio carta baritata opaca

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: chromemax, Silverprint

Avatar utente
marco.baldina
appassionato
Messaggi: 20
Iscritto il: 15/03/2011, 10:02
Reputation:

consiglio carta baritata opaca

Messaggioda marco.baldina » 13/01/2013, 16:58

Ciao a tutti,
devo stampare un piccolo progetto fotografico su venezia e per volontà del fotografo devo utilizzare un supporto opaco.
Le immagini che dovrò stampare sono principalmente paesaggi urbani e alcuni scatti street (molto contrastati).
Qualcuno di voi mi potrebbe dare un paio di consigli su che carta comprare?
grazie mille



Advertisement
anonymous1

Re: consiglio carta baritata opaca

Messaggioda anonymous1 » 14/01/2013, 18:47

Ciao Marco, io non so consigliarti molto perchè sono una chiavica in questo mondo fatto in toni di grigio.
Posso dirti che la scorsa settimana ho fatto la stronzata di prendermi 50 fogli della mia prima carta baritata.
E' una risma della foma di baritata opaca.
Tenendo presente che non ho mai stampato baritata cerco anche io lumi o critiche o cazziatoni riguardanti il mio gesto.

Grazie!!



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11658
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: consiglio carta baritata opaca

Messaggioda Silverprint » 14/01/2013, 18:58

Non capisco tanto la domanda...
Di carte opache ce ne sono varie, dire opaca e basta, non basta per scegliere.

Non avendo motivi per sceglierne una o l'altra, prenderei la versione opaca (se c'è) di una carta che conosco bene.

@Foen. La carta opaca è un pochino più difficile da usare: cambia di più tra bagnata ed asciutta, ma a parte questo, sempre carta fotografica è. Ci sono molte cose egregie stampate su carta opaca, perché mai bisognerebbe cazziarti?


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
franny71
superstar
Messaggi: 2635
Iscritto il: 21/11/2011, 12:53
Reputation:
Località: Anzio (RM)

Re: consiglio carta baritata opaca

Messaggioda franny71 » 14/01/2013, 19:24

io l'ho utilizzata un paio di volte, roba vecchia regalatami con il primo ingranditore, e non so se per la sua vetustà, mi sono trovato i neri mosci mosci...
se gli scatti sono come dici tu contrastati, potrebbe pure starci, fatto sta che io non credo di utilizzarla mai più...
my 2 cents.


Franco
il mio Flickr

Я родилась даже не узнал

Advertisement
Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 9407
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: consiglio carta baritata opaca

Messaggioda chromemax » 14/01/2013, 23:18

Esistono diversi tipi di superfici opache o con la trama della carta e quando la texture della superficie entra in sintonia con le texture di certi soggetti si ottengono dei risultati ineguagliabili. I neri delle carte opache sono per forza di cose un po' meno neri della carta lucida, ma non per questo una stampa opaca è meno bella, dipende molto dal soggetto e dal "mood" che si vuole dare all'immagine. Non esistono solo stampe con neri profondi e bianchi brillanti, anzi un bell'esercizio è stampare la stessa immagine anche con toni molto morbidi, si scoprono cose interessanti e magari più piacevoli. La stampa è "l'esecuzione" del negativo, l'assolo di "telegraph road" di Knopfler è diverso ad ogni concerto ma non si riesce a decidere quel'è il migliore :)



anonymous1

Re: consiglio carta baritata opaca

Messaggioda anonymous1 » 15/01/2013, 9:19

Silverprint ha scritto:Non capisco tanto la domanda...
Di carte opache ce ne sono varie, dire opaca e basta, non basta per scegliere.

Non avendo motivi per sceglierne una o l'altra, prenderei la versione opaca (se c'è) di una carta che conosco bene.

@Foen. La carta opaca è un pochino più difficile da usare: cambia di più tra bagnata ed asciutta, ma a parte questo, sempre carta fotografica è. Ci sono molte cose egregie stampate su carta opaca, perché mai bisognerebbe cazziarti?


Andrea, dove ho preso la baritata opaca fomabrom variant 112 il venditore mi ha detto che sono pazzo perche tutti vogliono la lucida e non l'opaca.
Non ho mai stampato baritata, anzi faccio parecchio schifo pure con la politenata, ma ho un sacco di foto del mio matrimonio da dover stampare (con molta calma) e mi incuriosiva questo supporto che sento che è rognoso a dir poco! Non saprei da che parte iniziare eheheh



Avatar utente
sarrasani
esperto
Messaggi: 110
Iscritto il: 18/06/2011, 12:39
Reputation:

Re: consiglio carta baritata opaca

Messaggioda sarrasani » 19/01/2013, 12:57

carta opaca.....beh, un po' più difficile (giustissimo come ti hanno detto, cambia ancora di più da asciutta) ma forse anche un po' più facile dal punto di vista della dinamica complessiva assai inferiore (leggo sull'Adams/la stampa che il rapporto scuri/chiari estremi è di meno della metà rispetto alla lucida, e si vede....).
Personalmente trovo un controsenso cercare toni neutri o freddi su carta opaca, mi pare quasi automatico che ad un "tessuto" morbido si associ un'intonazione ed un fondo
altrettanto morbido, cioè caldo.
Trovo molto bella, ed uso spesso, la Bergger CB style. attenzione è però una semimatt, il riflesso della luce un minimo c'è, molto di meno che sulle lucide ma un po' più che sulle matt ortodosse. Il fondo è avorio, i neri belli, le sfumature ed il dettaglio sono in pratica da lucida, la texture non disturba nulla.
Sviluppo Ansco 130 versione AA, comunque morbido, va bene anche un ilford warm tone ma un po' di glicina qui la voglio e la uso.
La CM (sempre Bergger) è a fondo non bianco, ma bianco abbagliante, quasi fluorato. Bella, ancora con intonazione calda (in selenio va sul rosa abbastanza presto) ma quei
bianchi li trovo un po' in contrasto con l'impostazione un po' sognante che ci si attende dal fondo opaco. Ripeto, i miei 2 cent e le mie impressioni.
Conosco poi la foma opaca (non mi piace, mentre mi piacciono altre foma). La Bergger Portrait contact e la Ilford mg300 sono poi ancora un mondo a parte: senza barite,
texture rilevata (più la ilford), calda la ilford, da provare perchè sono ripeto proprio un'altra cosa rispetto a quelle di cui sopra (o altre che non conosco); più un mondo a parte, direi pittorialista, che parenti seppure non strette delle stampe su carta lucida.
Il dettaglio, come da tradizione pittorialista, con queste ultime (soprattutto ilford mg300) si perde, quindi ovvio che se il dettaglio è importante non è cosa...
S.





  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 10 ospiti