Vai ANSCO, doma le bestiacce!

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: Silverprint, chromemax

Avatar utente
sarrasani
esperto
Messaggi: 110
Iscritto il: 18/06/2011, 12:39
Reputation:

Vai ANSCO, doma le bestiacce!

Messaggioda sarrasani » 24/01/2013, 0:41

Grande ANSCO 130!
primo chimico che mi preparo dalle polveri e non già pronto.
Ho stampato 8 copie dello stesso negativo, 2 su Ilford galerie gradaz.3 e le altre su Bergger CB,
tra 0,5 e 3. Cavolo, sono molto soddisfatto! Soprattutto di quelle a contrasto basso, che toni medi da favola!
Avevo già usato uno sviluppo con glicina (Moersh sepia) che è peraltro ottimo, ma qui mi pare che siamo messi ancora meglio.
Ora proverò la variante AA, senza idrochinone, così magari potrò tenere valori un po' più alti di contrasto, o usare senza problemi di contrasto eccessivo
la Galerie o altre carte a gradazione. E' che i miei negativi (13X18, pirogallolo) sono veramente velenosi, tanto sembrano molli quanto poi (sarà anche per il condensatore) "sparano" cattivi sulle estreme. Boh, vedremo, comunque grande serata di camera oscura, finalmente qualcosa (come intonazione e morbidezza, eh, non ci allarghiamo!)
di quelle splendide (IMHO) stampe di Weston che ho visto di recente. Contentissimo, potrebbero davvero avere ragione i tipi di Formulary a pubblicizzarlo come il più vicino all'amidolo, anche se leggo che probabilmente il selectol soft (o il suo erede, non so se c'è ancora con quel nome)......
Sarà una fissazione mia, ma mi sembra che sulla separazione nella zona delle alte luci la glicina abbia da dire la sua.....
Ciao a tutti,
sandro.



Advertisement
Avatar utente
impressionando
superstar
Messaggi: 4768
Iscritto il: 28/08/2011, 11:08
Reputation:
Località: Reggio Emilia

Re: Vai ANSCO, doma le bestiacce!

Messaggioda impressionando » 24/01/2013, 8:36

La glicina è forse l'unico a far brillare le luci senza perdere i dettagli e su alcune carte ha un tono inarrivabile.
Io purtroppo ho perso la voglia e il tempo di preparare i chimici.... soprattutto da quando si fatica a trovarli a un presso accettabile.



Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 9413
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: Vai ANSCO, doma le bestiacce!

Messaggioda chromemax » 24/01/2013, 14:59

Grande ANSCO 130!

Dove hai preso la glicina?



Avatar utente
RagazzoElfo
fotografo
Messaggi: 79
Iscritto il: 16/01/2012, 22:27
Reputation:
Località: Vinci (FI)

Re: Vai ANSCO, doma le bestiacce!

Messaggioda RagazzoElfo » 24/01/2013, 16:39



~Sandro~

Advertisement
Avatar utente
Luca Ghedini
guru
Messaggi: 671
Iscritto il: 02/02/2012, 15:26
Reputation:

Re: Vai ANSCO, doma le bestiacce!

Messaggioda Luca Ghedini » 24/01/2013, 17:16

La Foma (lo rilevo dal sito di Fotomatica, non l'ho mai usato), produce uno sviluppo alla glicina.


Luca Ghedini - Bologna (San Lazzaro di Savena)

Avatar utente
impressionando
superstar
Messaggi: 4768
Iscritto il: 28/08/2011, 11:08
Reputation:
Località: Reggio Emilia

Re: Vai ANSCO, doma le bestiacce!

Messaggioda impressionando » 24/01/2013, 18:00

Di Fomatol PW ne presi tre confezioni anni fa. Lo provai usato normalmente ma posso osare a dire che non funzionava occorrevano almeno 5 minuti per far uscire l'immagine e almeno 15 per una densità accettabile. Lo reinterpretai come sviluppo per carta abbronzata..... sembrava eccezionale. Ora non so dirti se si trattasse di sviluppo per tale scopo o se si trattasse di rivelatore avariato.
Se qualcuno lo volesse riprovare.....



Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 9413
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: Vai ANSCO, doma le bestiacce!

Messaggioda chromemax » 24/01/2013, 18:02

La Foma (lo rilevo dal sito di Fotomatica, non l'ho mai usato), produce uno sviluppo alla glicina.

Il Fomatol PW forse era alla glicina tempo fa, ma non il prodotto che viene venduto adesso, è rimasta solo su Fotomatica quella dicitura. L'ho usato molto poco ma da quello cho ho visto è uno sviluppo a base di idrochinone, lento, dal contrasto piuttosto (molto) alto e dal tono tendente al caldo.



Avatar utente
impressionando
superstar
Messaggi: 4768
Iscritto il: 28/08/2011, 11:08
Reputation:
Località: Reggio Emilia

Re: Vai ANSCO, doma le bestiacce!

Messaggioda impressionando » 24/01/2013, 18:14

Allora gli ho dato la giusta interpretazione...
....va usato per quello scopo/tecnica.
Quello che usai io era negli scatolini di cartone e sulle buste c'era chiaramente scritto che c'era la glicina.
...ora non so



Avatar utente
sarrasani
esperto
Messaggi: 110
Iscritto il: 18/06/2011, 12:39
Reputation:

Re: Vai ANSCO, doma le bestiacce!

Messaggioda sarrasani » 24/01/2013, 22:40

http://stores.photoformulary.com/StoreFront.bok

in ansco 130 l'immagine emerge in 90 sec. circa, che è quanto il foglietto dice di tenere a mollo.

per l'ansco 130, o la glicina pura. Diventerò un tifoso di "The formulary". Simpatici gli omini sulle etichette, uno dice all'altro, indicando una stampa:
"see that detail"-
Scusate: "The formulary" e "see that detail", c'è già tutto.
Ah, le stampe all'ansco 130 sono intriganti anche da asciutte. Quelle stampate con contrasto-gelatina 1/2 mi fanno un po' innamorare.
Forse ho sempre stampato troppo contrastato.
Forse, alle porte della quasi pazzia (decine di combinazioni carte/rivelatori, ma sono robe che qui vedo coinvolgere molti, quindi capirete....) ho trovato una combinazione di mio gusto, adatta in pratica a tutto quello che voglio stampare. Cosa che non ho mai pensato prima.
Per quello che conta (ciascuno fa storia a sè, vuole sbagliare di testa sua, inoltre non è che io sia quell'espertone....) credo che godrò finchè potrò con:
13X18 ilford fp4, sviluppo in PMK, stampa su bergger cb o cb style (normalmente i negativi sono contrastati assai con questo sviluppo ed anche con l'accoppiata esposizione
con gli scuri in zona 2-3 e tiraggio in sviluppo se e quanto si può, l'ingranditore (un vecchissimo Lupo) è a condensatore, quindi contrasto standard 1 e appunto ansco 130.
Ho detto :)
Divertitevi e fate delle belle stampe! Io faccio fatica, ma è bello provarci, e comunque, vi garantisco, venendo come me dal digitale 24X36, i risultati che sto ottenendo, pur modesti, RI-DI-CO-LIZ-ZA-NO quanto facevo prima con il mio plotterone ed i jpg. Ma qui immagino di sfondare una porta aperta...
Ciao a tutti,
S.



Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 9413
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: Vai ANSCO, doma le bestiacce!

Messaggioda chromemax » 25/01/2013, 1:08

Quello che usai io era negli scatolini di cartone e sulle buste c'era chiaramente scritto che c'era la glicina.

Probabilmente il mio è più recente, un paio di anni fa, niente scatoline ma una busta di polietilene con la zip e dentro due bustine in carta plastificata... abbastanza sfigata come confezione, in compenso costa veramente poco :) Non c'è niente a riguardo della glicina, neanche nel datasheet della Foma. Lo reclamizzano come sviluppo a tono molto caldo specifco per la fomatone, imho forse se usato stile lith, con una bella sovraesposizione e uno sviluppo ridotto potrebbe dar effettivamente un tono caldo e immagine morbida con la resa intrinsecamente contrastata di questo sviluppo per non slavare troppo i toni scuri. Non l'ho mai provato così, la prossima volta che mi capita faccio una prova. L'ho usato solo come un normale sviluppo sviluppando fino in fondo e il contrasto saliva di un bel po'.





  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti