Sviluppo tmax 100 consigli

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: Silverprint, chromemax

Avatar utente
grassagigia
appassionato
Messaggi: 17
Iscritto il: 20/05/2012, 19:59
Reputation:

Sviluppo tmax 100 consigli

Messaggioda grassagigia » 28/01/2013, 17:10

Salve ragazzi ho appena finito di scattare due rulli di tmax 100 e domani volevo provare a svilupparli. Premetto che sono ancora ai primi sviluppi ma ci sto premdendo la mano :)
Al momento in casa ho solo l'Adonal, andando a girare un po' sul web ho trovato informazioni molto contrastanti( sempre riferendomi al rodinal pero nessuno a quanto pare utilizza l'Adonal).
Ho trovato diluizione 1+50 13 minuti agitazione continua primo minuto poi 10s ogni 30s. Che ne dite voi? Sapete darmi qualche consiglio in più non vorrei perdere qst foto. grazie mille a tutti



Advertisement
Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11273
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Sviluppo tmax 100 consigli

Messaggioda Silverprint » 28/01/2013, 18:15

Ciao!

Il Rodinal con la T-max non è male per niente (imho), ma per darti indicazioni più precise dovresti dirci come hai scattato: sensibilità impostata, metodo di interpretazione dei dati esposimetrici, contrasto della scena...


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
grassagigia
appassionato
Messaggi: 17
Iscritto il: 20/05/2012, 19:59
Reputation:

Re: Sviluppo tmax 100 consigli

Messaggioda grassagigia » 28/01/2013, 18:26

Se devo dirti la verità ho scattato con una nuova leica r4 e non conoscendola molto, ho scattato lasciando la sensibilità a 100 e le foto sono state fatte tutte con luce sufficiente penso...dici che bastano come linee guida. Comunque non ho mai scattato in condizioni diciamo estreme



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11273
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Sviluppo tmax 100 consigli

Messaggioda Silverprint » 28/01/2013, 18:43

Le informazioni che dai non sono sufficienti per dare indicazioni specifiche.

In condizioni di lavoro non controllate tenderei a sconsigliare il Rodinal e a suggerire un rivelatore più tranquillino usato per il tempo suggerito. X-tol, D-76 (per esempio) danno meno rischio di brutte sorprese.

Secondo me si si vuole lavorare col Rodinal è opportuno lavorare alla sensibilità effettiva e avere almeno un po' sotto controllo il contrasto.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Advertisement
Avatar utente
grassagigia
appassionato
Messaggi: 17
Iscritto il: 20/05/2012, 19:59
Reputation:

Re: Sviluppo tmax 100 consigli

Messaggioda grassagigia » 28/01/2013, 19:05

Ma scusa se io utilizzo la tabella della tmax100 cioè 1+50 13 minuti ?



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11273
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Sviluppo tmax 100 consigli

Messaggioda Silverprint » 28/01/2013, 19:24

Un po' di sensibilità il Rodinal se la mangia, e quindi la tabella corrispondente all'IE 100 iso corrisponde ad un sovra-sviluppo (necessario a portare i toni medi a posto) anche più alto del solito (per ie 100 è sempre un po' sovra-sviluppata), ma il sovra-sviluppo in questo caso porta con se anche un contrasto più elevato del solito. Infatti anche 1+50 con la T-max 100 il Rodinal compensa poco... quindi dovendo necessariamente sovra-sviluppare, vista l'esposizione secondo IE, trovo più adatto uno sviluppo maggiormente compensatore.

Il ragionamento è un po' complicato... :( Riprovo.

Il Rodinal non sfrutta bene la sensibilità effettiva e tende a produrre una curva un po' impennata, quindi toni medi e bassi un po' indietro rispetto alle alte luci, significa tutto un po' scuretto SE le luci sono più o meno a posto. Per aggiustare i toni medio bassi servirebbe esporla maggiormente. Se invece di esporla maggiormente si sceglie di svilupparla maggiormente (come suggerito, cioè) quando si ottengono toni medi adeguati le alte luci "sparano"... e le ombre sono comunque indietro.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp



  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 8 ospiti