Arresto e fissaggio inodore

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: chromemax, Silverprint

Avatar utente
gianfranco242
esperto
Messaggi: 218
Iscritto il: 09/04/2012, 8:20
Reputation:

Arresto e fissaggio inodore

Messaggioda gianfranco242 » 03/03/2013, 8:45

Ciao a tutti,
ho deciso, dopo aver ricominciato a scattare a pellicole bn ed a stampare in una camera oscura a noleggio, di riprendere anche a sviluppare a casa (mia moglie ancora non lo sa e devo trovare il posto per il tutto anche se potrei fare una borsa da lasciare in garage e portare a casa quando serve.

Stavo facendo la lista della spesa.
Per lo sviluppo prenderò l'Emofin che usavo ed apprezzavo (quando non era importato in Italia lo contrabbandavo dall'estero quando andavo in vacanza).

Per l'imbibente penso che uno valga l'altro (prenderò quello che trovo).

Nel leggere il catalogo Tetenal, ho trovato che si vendono arresto e fissaggio inodori; mai sentiti prima.

L'odore forte dell'acido acetico e, in misura minore del fissaggio, mi hanno sempre dato un po' fastidio e ci voleva un po' per farli andar via dal bagno; pertanto mi sembra una bella innovazione.

Ho visto che sono un più cari di quelli tradizionali ma non mi sembra una differenza abissale, visto anche l'uso limitato.

Mi chiedo: sono prodotti affidabili? Ci sono controindicazioni con qualche particolare pellicola?

Finora ho scattato con la tradiozionale HP5 ed ho preso una Fuji Neopan 400 ma non interessato anche a provare la Delta 3200.

Grazie
Gianfranco



Advertisement
Avatar utente
isos1977
superstar
Messaggi: 1784
Iscritto il: 13/09/2011, 22:23
Reputation:
Località: Milano

Re: Arresto e fissaggio inodore

Messaggioda isos1977 » 04/03/2013, 10:42

come arresto io uso il Tetenal indicet, che è a base di acido citrico con marcatore del ph. è inodore, dura tantissimo e non costa neanche caro.

il fissaggio invece non l'ho mai provato, ma ne ho sentito parlare bene. l'unica cosa, se ti riferisci a quello in polvere, forse è un po' più scomodo da preparare e una volta preparato non so quanto si conserva. Ma lascio la parola a chi ha esperienza diretta! se si conserva bene, magari lo provo pure io!

Come fissaggio, io uso l'agefix. L'odore non è fortissimo, è comodo da usare, si conserva bene e non costa carissimo

:-h


"Se il fotografo non vede, la macchina fotografica non lo farà per lui" - Kenro Izu

Avatar utente
Beppe Capinch
fotografo
Messaggi: 58
Iscritto il: 20/11/2012, 20:24
Reputation:
Località: Cesenatico

Re: Arresto e fissaggio inodore

Messaggioda Beppe Capinch » 04/03/2013, 14:35

io uso l'Ilfostop, anch'esso a base di acido citrico, completamente inodore.
per il fissaggio il Superfix della Tetenal, che un po' d'odore ce l'ha, ma nulla di che e va via in un'aerata. Idem per il Lavaquick, sempre della Tetenal. I risultati, infine, sono ottimi.



Avatar utente
gianfranco242
esperto
Messaggi: 218
Iscritto il: 09/04/2012, 8:20
Reputation:

Re: Arresto e fissaggio inodore

Messaggioda gianfranco242 » 04/03/2013, 21:39

Grazie, mi par di capire che gli arresti all'acido cidrico sono inodori e si possono usare poi con qualsiasi fissaggio.
Sul catalogo della Tetenal ho trovato che il Superfix inodore si può utilizzare solo con l'arresto inodore, ma evidentemente è possibile il contrario.

@Beppe leggo che il Lavaquick riduce il tempo di lavaggio (molto utile) ma è un imbibente o comunque quest'ultimo va utilizzato per evitare le gocce di calcare (a Roma è molto presente)?

Grazie e ciao
Gianfranco



Advertisement
Avatar utente
Beppe Capinch
fotografo
Messaggi: 58
Iscritto il: 20/11/2012, 20:24
Reputation:
Località: Cesenatico

Re: Arresto e fissaggio inodore

Messaggioda Beppe Capinch » 04/03/2013, 22:09

gianfranco242 ha scritto: @Beppe leggo che il Lavaquick riduce il tempo di lavaggio (molto utile) ma è un imbibente o comunque quest'ultimo va utilizzato per evitare le gocce di calcare (a Roma è molto presente)?

Grazie e ciao
Gianfranco


il Lavaquick è un bagno di un paio di minuti da fare subito dopo il fissaggio (ma io in mezzo ci metto anche un risciacquo di un paio di minuti circa), e ti riduce della metà il lavaggio finale. Alla fine lavo il film per circa un quarto d'ora, cercando di non andare sotto i 18° (tutti i bagni li faccio a 20°, o perlomeno quella è la temperatura del liquido ogni volta che verso in tank). Ciclicamente svuoto la tank durante questo lavaggio perché ho letto che l'iposolfito tende a depositarsi sul fondo e quindi è buona norma fare così per avere un processo di eliminazione migliore.

L'imbibente invece è una specie di sapone che serve a ridurre la tensione superficiale del liquido, l'acqua in questo caso, e si applica per un minuto alla fine del lavaggio finale. Fa scorrere via l'acqua molto velocemente impedendo che s'asciughi malamente sul film impantanandolo di brutto calcare o intrappolando polvere e/o pelucchi vari. Un trattamento a mio avviso FONDAMENTALE, ma occhio ad abusarne perché può dare sorprese inaspettate e poco piacevoli.

c'è anche chi a posto di quest'ultimo usa sapone per le mani, brillantante per stoviglie, ma io a parte l'Ilfotol et similia non ho nessuna esperienza a riguardo. E penso che non ne avrò mai ;)



Avatar utente
gianfranco242
esperto
Messaggi: 218
Iscritto il: 09/04/2012, 8:20
Reputation:

Re: Arresto e fissaggio inodore

Messaggioda gianfranco242 » 04/03/2013, 22:17

Grazie Beppe, i due prodotti vanno utilizzati entrambi.
Ho sempre utilizzato l'imbibente mentre non ho mai utilizzato prodotti similari al Lavaquick, ne avevo sentito parlare per le carte baritate.

Da giovane avevo letto un articolo sulla camera oscura economica (nel tempo ho buttato le riviste) consigliavano di utilizzare uno shampoo neutro.

Concordo con te che non utilizzerò mai tali 'alternative' visto che si tratta di prodotti economicissimi e che durano una vita (non scadono di certo).

Ciao
Gianfranco





  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite