FP4 con Rodinal 1+50: quali sono i tempi giusti? Help!

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: Silverprint, chromemax

Avatar utente
NikMik
superstar
Messaggi: 1911
Iscritto il: 08/11/2012, 21:10
Reputation:
Località: Firenze

FP4 con Rodinal 1+50: quali sono i tempi giusti? Help!

Messaggioda NikMik » 26/05/2013, 15:39

Per quando la vita mi consentirà nuovamente di avere un'ora per sviluppare: Ilford in persona sostiene che la FP4 in Rodinal 1+50 ha bisogno di 15 minuti; ma sulla boccetta di R09 One shot sostiene che il tempo è di 18 minuti ! Mi pare una differenza un po' grande. A 'naso' andrei più sui 15 minuti (tanto più che stampo con ingrnaditore a condensatore); però siamo sicuri che i tempi che dà la Ilford con Rodinal siano applicabili a R09 One shot? Io sapevo che erano la stessa cosa. Qualche esperto lo sa?
Grazie per la pazienza !
N.



Advertisement
Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11611
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: FP4 con Rodinal 1+50: quali sono i tempi giusti? Help!

Messaggioda Silverprint » 26/05/2013, 20:04

Ciao Michele,

La differenza percentuale è piccola: 20%. Variazioni di questa entità sono di solito dovute a differenti parametri esaminati da chi ha suggerito il tempo.

Agfa suggerisce 18 minuti per un IE di 125 iso ed un gamma di 0,65 (0,65 è per luce diffusa).


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
NikMik
superstar
Messaggi: 1911
Iscritto il: 08/11/2012, 21:10
Reputation:
Località: Firenze

Re: FP4 con Rodinal 1+50: quali sono i tempi giusti? Help!

Messaggioda NikMik » 26/05/2013, 20:35

Ora capisco. Io stampo a luce condensata, per cui mi atterrò ai quindici minuti. Certo sarebbe facile specificare sempre (anche sulle boccette o sulle bustine dei rivelatori, per es.) quali sono i differenti parametri a cui si attengono le indicazioni (basterebbe la gamma: 0,55 o 0,65).
Grazie mille !
N.



Avatar utente
vittosss
fotografo
Messaggi: 99
Iscritto il: 29/05/2013, 15:34
Reputation:

Re: FP4 con Rodinal 1+50: quali sono i tempi giusti? Help!

Messaggioda vittosss » 10/06/2013, 11:05

no ma veramente?
dunque, io ho un durst 805 che è a luce condensata ed un 305 che, credo, sia a luce diffusa.
uno per medio formato uno per il piccolo, ovviamente.

quindi a seconda dell'ingranditore che andrò ad usare ( e quindi del formato della pellicola ) dovrò fare 15 min (condensata) piuttosto che 18(diffusa)?



Advertisement
Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11611
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: FP4 con Rodinal 1+50: quali sono i tempi giusti? Help!

Messaggioda Silverprint » 10/06/2013, 11:15

Sì... meglio ancora verificare in stampa che il contrasto che ottieni sia giusto (ovvero che mediamente ottieni stampe sul grado 2 senza interventi) e di tuo gusto e cambiare il tempo di conseguenza. Ridurlo se il contrasto del negativo risultasse troppo elevato, aumentarlo nel caso risultasse troppo basso.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
vittosss
fotografo
Messaggi: 99
Iscritto il: 29/05/2013, 15:34
Reputation:

Re: FP4 con Rodinal 1+50: quali sono i tempi giusti? Help!

Messaggioda vittosss » 10/06/2013, 11:21

dannazione e quindi non posso fare tank unica con dentro 35 e 120....salvo fare la media ponderata fra 15 e 18 -> 16 min 30 sec e salvare capra e cavoli.
uhm....aberrante.
ma scusa ma questo problema c'è solo con fp4+r09 o con tutte le pellicole e tutti gli sviluppi?
( ps si, sono nuovo del giro :-) )



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11611
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: FP4 con Rodinal 1+50: quali sono i tempi giusti? Help!

Messaggioda Silverprint » 10/06/2013, 11:30

Si, si, funziona sempre così!

Il tempo di sviluppo agisce sul contrasto del negativo, più si allunga il tempo di sviluppo più aumenta il contrasto del negativo (ovvero si riduce la latitudine di posa) e viceversa.

Quindi... per avere risultati ottimali il tempo di sviluppo andrebbe regolato in base al contrasto della scena fotografata ed ovviamente anche in base al resto della "catena" cioè al tipo di ingranditore che si usa, alla carta, ai propri gusti, etc.

Insomma dalla oculate scelta di esposizione e tempo di sviluppo dipende il "sapore" che avranno le stampe. Variare questi due parametri, anche sottilmente ha effetti notevolissimi.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp



  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti