Sviluppo a 24 o 25 gradi

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: chromemax, Silverprint

Avatar utente
paolob74
guru
Messaggi: 820
Iscritto il: 30/05/2010, 10:48
Reputation:

Sviluppo a 24 o 25 gradi

Messaggioda paolob74 » 13/07/2013, 21:19

Ciao a tutti...

Mi hanno finalmente portato due pacchi di tri X 13 x 18 dagli USA.

La voglio testare con HC110...

Le temperature ormai sono alte in CO, circa 23 gradi cosi pensavo di fare il test sviluppo a 25.

Che problemi ci possono essere nel risultato?

Ho letto di un americano che utilizza normalmente queste temperature, credo Sexton.... O forse ne avevo parlato con Silverprint...

Che dite?

Lascio perdere e vado in piscina? Aspetto settembre?

;)



Advertisement
Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11652
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Sviluppo a 24 o 25 gradi

Messaggioda Silverprint » 13/07/2013, 21:25

Era Sexton... e con me ne hai parlato.

Non ci sono problemi. Puoi fare tutto sempre a 24°C, nel senso di usare 24°C anche in inverno.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
paolob74
guru
Messaggi: 820
Iscritto il: 30/05/2010, 10:48
Reputation:

Re: Sviluppo a 24 o 25 gradi

Messaggioda paolob74 » 13/07/2013, 21:51

Vado con HC110 secondo tuo consiglio...

Sul sito kodak vedo 3 minuti di tempo con tank a rotazione, così poco?

Parto con 1+31 e 7 minuti...

Qualcuno ha esperienza con questa coppia pellicola/sviluppo?



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11652
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Sviluppo a 24 o 25 gradi

Messaggioda Silverprint » 13/07/2013, 21:56

Forse ti troveresti meglio ad 1+47... Diluizione E.

1+31 è un po' troppo energico, specialmente in rotazione continua e 24°C.
Poi fai attenzione alla quantità di chimico per unità di superficie, devi mantenerla costante.
Un po' di compensazione "da esaurimento parziale" con la Jobo ti serve, ma non troppa né troppo poca.

In pratica devi aggiustare il tiro in base ai risultati delle alte luci in stampa variando la quantità di chimico ed eventualmente anche con la diluizione. Dovresti anche osservare il comportamento OLTRE le densità normalmente stampabili per vedere come si comporta avvicinandosi alla spalla.
Per verificare fai per esempio un sviluppo N, N+1 di una scena che richiederebbe N-2 (tipico paesaggio col cielo con belle nuvole chiare, per es) e vedi come sono quando in stampa le bruci.

In alternativa... disegnati le curve e vedi fino a che livelli di esposizione riesci a far modulare, cioè mantienere grossomodo la pendenza della parte delle densità stampabili.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Advertisement
Avatar utente
paolob74
guru
Messaggi: 820
Iscritto il: 30/05/2010, 10:48
Reputation:

Re: Sviluppo a 24 o 25 gradi

Messaggioda paolob74 » 13/07/2013, 22:12

Con il 13x18 posso fare anche 20 gradini....

Domani o dopo scrivo le densità risultanti...

Per ora grazie e buon sabato sera.

Salutami il tuo amico e la bimba... :-h



Avatar utente
paolob74
guru
Messaggi: 820
Iscritto il: 30/05/2010, 10:48
Reputation:

Re: Sviluppo a 24 o 25 gradi

Messaggioda paolob74 » 14/07/2013, 11:27

Ecco il primo test:

ISO 250

PRELAVAGGIO 3 MIN

SVILUPPO 1+31 PER 6 MIN

I 0,25
II 0,39
III 0,55
IV 0,70
V 0,93
VI 1,17
VII 1,47
VIII 1,75
IX 2,00
X 2,31
XI 2,60
XII 2,82
XIII 3,00

E' una N + 2 ma la sensibilità è esagerata.

Prossimo test 5ml sviluppo sempre 6 min.

Ma cosa mettono in questo sviluppo? Una bottiglia dura un anno...





  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti