Consigli viraggio ORO

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: Silverprint, chromemax

anonymous1

Consigli viraggio ORO

Messaggioda anonymous1 » 22/03/2014, 20:14

E' da un pò di tempo che ho acquistato il viraggio oro con l'intenzione di provarlo su qualche stampa ma finora non ho fatto nulla :(
Consigli? qualcuno l'ha provato?
che tipo di carta si presta meglio? tono neutro o caldo?

Se non erro tra i passaggi è previsto un primo viraggio seppia e solo dopo il viraggio oro (dico giusto?)
se volessi virare solo una parte della foto? sbianca locale e poi viraggio seppia-oro?

ogni suggerimento è ben accetto!
grazie ^:)^



Advertisement
Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 9271
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: Consigli viraggio ORO

Messaggioda chromemax » 22/03/2014, 23:39

Il viraggio all'oro a me piace molto di più usato da solo e da una intonazione fredda all'immagine. Il "freddo" del viraggio all'oro lo trovo molto piacevole, a seconda delle carte può andare dall'appena percettibile ad una colorazione freddo-matallica molto bella. Come per ogni viraggio la resa dipende da moltissimi fattori, la carta e il tipo di sviluppo usati in primis. Con le carte a tono caldo la sua azione è moltopiù pronunciata, con le carte a tono neutro è molto meno visibile; con le carte calde con base avorio si ottiene dopo il viraggio una combinazione di colori che può essere molto interessante per alcuni soggetti, con il bianco della base color avorio o crema e l'immagine d'argento color canna di fucile.
Un'idea della colorazione la puoi avere da questa immagine pubblicata sul blog di una stampa lith; qui la colorazione è estrema, nessuna stampa normale riesce ad arrivare a quel tono di blu, ma si vede abbastanza bene come il colore blu rimane sempre più "grigio" e meno saturo (e imho molto più piacevole) rispetto ai viraggi al ferro. Con una stampa classica si ha un'intonazione accennata verso il tono che si vede nella foto.
Se usato in combinazione col viraggio seppia dà un'intonazione rossiccia/rosata che non trovo molto piacevole, forse più interessante se si "splitta" il viraggio, lasciando incompleto il seppia. Usato in combinazione col selenio può dare risultati interessanti anche qui splittando il viraggio; al contrario del selenio, l'oro comincia ad agire dalle luci, quindi regolando i tempi di immersione nei due viraggio si possono ottenere immagini con i toni chiari tendenti al freddo e i toni scuri tendenti al marroncino-violaceo del selenio.
E' un viraggio lento da morire, con le carte più gnucche ci vogliono anche 20-30 minuti di immersione per vedere qualche reazione, quindi personalmento lo uso a temperatura piuttosto alta (24-26 gradi, ma anche di più); come il selenio tende ad aumentare la densità massima e quindi anche il contrasto, quindi meglio prevedere un leggero sottosviluppo in fase di stampa se non si vuole il correre il rischio di trovarsi la stampa un po' troppo scura e un po' troppo contrastata.
Per fortuna la soluzione dura tantissimo (con quello che costa), oramai sono 3 anni che uso sempre la stessa e ancora funziona, e si può continuare ad usarla finché vira.



anonymous1

Re: Consigli viraggio ORO

Messaggioda anonymous1 » 22/03/2014, 23:52

grazie della risposta!
infatti pensavo proprio di interrompere il seppia per poi passarlo nell'oro.
l'idea era, in base al soggetto che in questo caso e' un paesaggio, di provare a intonare l'immagine con 2 toni diversi.
certo che il selenio potrebbe essere una buona alternativa sicuramente da provare!



anonymous1

Re: Consigli viraggio ORO

Messaggioda anonymous1 » 16/04/2014, 14:41

chromemax ha scritto:Il viraggio all'oro a me piace molto di più usato da solo e da una intonazione fredda all'immagine. Il "freddo" del viraggio all'oro lo trovo molto piacevole, a seconda delle carte può andare dall'appena percettibile ad una colorazione freddo-matallica molto bella. Come per ogni viraggio la resa dipende da moltissimi fattori, la carta e il tipo di sviluppo usati in primis. Con le carte a tono caldo la sua azione è moltopiù pronunciata, con le carte a tono neutro è molto meno visibile; con le carte calde con base avorio si ottiene dopo il viraggio una combinazione di colori che può essere molto interessante per alcuni soggetti, con il bianco della base color avorio o crema e l'immagine d'argento color canna di fucile.
Un'idea della colorazione la puoi avere da questa [url=<a class="vglnk" title="Link added by VigLink" target="_blank" rel="nofollow" href="http://blog.analogica.it/wp-content/uploads/2012/03/lith026.jpg]immagine[/url"><span>http</span><span>://</span><span>blog</span><span>.</span><span>analogica</span><span>.</span><span>it</span><span>/</span><span>wp</span><span>-</span><span>content</span><span>/</span><span>uploads</span><span>/</span><span>2012</span><span>/</span><span>03</span><span>/</span><span>lith026</span><span>.</span><span>jpg</span><span>]</span><span>immagine</span><span>[/</span><span>url</span></a>] pubblicata sul blog di una stampa lith; qui la colorazione è estrema, nessuna stampa normale riesce ad arrivare a quel tono di blu, ma si vede abbastanza bene come il colore blu rimane sempre più "grigio" e meno saturo (e imho molto più piacevole) rispetto ai viraggi al ferro. Con una stampa classica si ha un'intonazione accennata verso il tono che si vede nella foto.
Se usato in combinazione col viraggio seppia dà un'intonazione rossiccia/rosata che non trovo molto piacevole, forse più interessante se si "splitta" il viraggio, lasciando incompleto il seppia. Usato in combinazione col selenio può dare risultati interessanti anche qui splittando il viraggio; al contrario del selenio, l'oro comincia ad agire dalle luci, quindi regolando i tempi di immersione nei due viraggio si possono ottenere immagini con i toni chiari tendenti al freddo e i toni scuri tendenti al marroncino-violaceo del selenio.
E' un viraggio lento da morire, con le carte più gnucche ci vogliono anche 20-30 minuti di immersione per vedere qualche reazione, quindi personalmento lo uso a temperatura piuttosto alta (24-26 gradi, ma anche di più); come il selenio tende ad aumentare la densità massima e quindi anche il contrasto, quindi meglio prevedere un leggero sottosviluppo in fase di stampa se non si vuole il correre il rischio di trovarsi la stampa un po' troppo scura e un po' troppo contrastata.
Per fortuna la soluzione dura tantissimo (con quello che costa), oramai sono 3 anni che uso sempre la stessa e ancora funziona, e si può continuare ad usarla finché vira.


ho seguito i tuoi consigli e ho provato i viraggi. Mi si è aperto un mondo!
Splittando il viraggio si ottiene un gamma molto ampia di toni, seppia split oro è stato abbastanza facile ma ho avuto qualche difficoltà in più tra selenio e oro...insomma mi è parso meno controllabile forse perchè il mio occhio è ancora poco abituato ;)
Grazie dei consigli Chrome!
PS: avevi ragione il viraggio oro da solo da una tonalità quasi metallica moooooolto piacevole! ^:)^



Advertisement
Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 9271
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: Consigli viraggio ORO

Messaggioda chromemax » 16/04/2014, 16:42

OMfan ha scritto:ho avuto qualche difficoltà in più tra selenio e oro...insomma mi è parso meno controllabile

Alcune volte è meglio un selenio più concentrato per tempi di viraggio molto brevi, ma dipende moltissimo dalla carta (ad esempio la Efke si vira in 30" nel selenio 1+20, invece la Ilford FB manco lo sente). Provare, provare e provare, quindi fare tante copie uguali della stessa foto :)



anonymous1

Re: Consigli viraggio ORO

Messaggioda anonymous1 » 16/04/2014, 21:09

infatti ho usato la carta ilford =))
ho gia' provato ad usare un altra carta (foma) ma ora provero' a cambiare anche la concentrazione del selenio!
grazie ancora :)

di copie per ora ne ho fatte talmente tante che non so piu' dove stenderle =))





  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti