Kodak, rivelatori e tanta... indecisione!!

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: Silverprint, chromemax

Avatar utente
Alex.Ds
fotografo
Messaggi: 37
Iscritto il: 21/12/2013, 20:51
Reputation:

Kodak, rivelatori e tanta... indecisione!!

Messaggioda Alex.Ds » 12/04/2014, 18:59

Buonasera a tutti,
Finalmente ho avuto modo di scattare due rullini Kodak: una Tmax 100 e la Trix 400.
Avrei bisogno dei vostri utilissimi e preziosissimi pareri per lo sviluppo di questi due film:
- La Tmax 100 è stata esposta a sensibilità nominale in una giornata con sole (non a picco, dopo le 16:00) e non è stata esposta in condizioni di luce particolari. Vorrei far risaltare la grana fine e la nitidezza della pellicola; leggendo varie recensioni ho quindi pensato di sviluppare in microphen 1+2 per 6min a 22°C e agitazioni da bugiardino.
- Per la Trix condizioni analoghe (meno luce), sensibilità nominale e pensavo di sviluppare in studional.

Vi prego, fatemi sapere cosa ne pensate!!
Grazie mille :)



Advertisement
Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11242
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Kodak, rivelatori e tanta... indecisione!!

Messaggioda Silverprint » 12/04/2014, 22:09

Ciao!

Cosa vorresti ottenere? La grana della T-max 100 è per lo più invisibile, indipendentemente dal rivelatore. Un rivelatore che dia grana fine (in questo caso ancora più fine) non va tanto d'accordo con la sensazione di nitidezza, nel senso che se la grana è fine non è netta e quindi se si usa un rivelatore fine-granulante bisogna cercare nitidezza in altro modo.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
Alex.Ds
fotografo
Messaggi: 37
Iscritto il: 21/12/2013, 20:51
Reputation:

Re: Kodak, rivelatori e tanta... indecisione!!

Messaggioda Alex.Ds » 12/04/2014, 22:43

Innanzitutto ti ringrazio per la risposta,
vorrei ottenere soprattutto una buona nitidezza e un contrasto non troppo accentuato. Inoltre non avrò bisogno di fare forti ingrandimenti.



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11242
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Kodak, rivelatori e tanta... indecisione!!

Messaggioda Silverprint » 12/04/2014, 22:58

Per avere elevata nitidezza dovrai principalmente fare attenzione in fase di ripresa. Le solite precauzioni, cioè usare un cavalletto bello pesante, un ottima lente, il paraluce, il diaframma ottimale, fare attenzione estrema al fuoco, usare lo scatto flessibile e se si usa la reflex, se è possibile, scattare con lo specchio alzato. Insomma non è la scelta del rivelatore che può ri-dare nitidezza eventualmente perduta altrove.

Per il resto, a meno di non cercare l'effetto bordo (che comunque non è mai indolore), è sufficiente usare un rivelatore abbastanza energico (lo Studional 1+30 va bene) e non troppo solfitoso, fare attenzione all'uniformità della temperatura e avere cura di tenere il tempo bagnato al minimo.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Advertisement
Avatar utente
Alex.Ds
fotografo
Messaggi: 37
Iscritto il: 21/12/2013, 20:51
Reputation:

Re: Kodak, rivelatori e tanta... indecisione!!

Messaggioda Alex.Ds » 13/04/2014, 12:40

Dalla tua risposta posso quindi dedurre che utilizzare un rivelatore finegranulante su una pellicola tgrain mi darebbe una grana "a poltiglia", giusto?
Allora potrei utilizzare il microphen per una pellicola con grana più accentuata come la trix, no? E poi questo effetto"bordo" di cui ho molto sentito parlare ( e che non ho mai avuto modo di sperimentare), quando si ricerca?
Grazie ancora per le risposte :)



ciauz

Re: R: Kodak, rivelatori e tanta... indecisione!!

Messaggioda ciauz » 13/04/2014, 16:58

Ne approfitto della discussione.:-)
@
Avatar utente
Silverprint
: cosa si intende per "tenere il bagnato al minimo"? Serve a mantenere la grana al minimo? E cos'altro?

Inviato dal mio GT-I9105P utilizzando Tapatalk



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11242
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Kodak, rivelatori e tanta... indecisione!!

Messaggioda Silverprint » 13/04/2014, 17:56

ciauz ha scritto:cosa si intende per "tenere il tempo bagnato al minimo"? Serve a mantenere la grana al minimo? E cos'altro?

Ciao!
Si intende di ridurre la durata del procedimento di sviluppo del negativo nel suo insieme, da quando si immette il rivelatore alla fine del lavaggio.
Serve a mantenere la grana più netta e quindi ad avere maggior sensazione di nitidezza. La gelatina messa a mollo continua a gonfiarsi molto a lungo e più si gonfia più fa fatica a ritornare com'era. Per lo stesso motivo è importante evitare gli shock termici.

In pratica significa usare rivelatori abbastanza energici, evitare lunghi pre-bagni, usare l'arresto, usare fix rapido concentrato fresco, e fare il lavaggio con una serie di riempimenti e svuotamenti (alla Ilford, solo un po' più lungo).


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11242
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Kodak, rivelatori e tanta... indecisione!!

Messaggioda Silverprint » 13/04/2014, 18:03

Alex.Ds ha scritto:Dalla tua risposta posso quindi dedurre che utilizzare un rivelatore finegranulante su una pellicola tgrain mi darebbe una grana "a poltiglia", giusto?

Sì, all'incirca.

Alex.Ds ha scritto:Allora potrei utilizzare il microphen per una pellicola con grana più accentuata come la trix, no?

Per quanto riguarda la grana certamente sì. Però la Tri-x ha la spalla un po' precoce e di solito usata con rivelatori compensatori non è proprio il massimo. L'HC-110, per esempio, da una grana abbastanza fine e abbastanza netta, ma non è compensatore e quindi le alte luci non si appiattiscono precocemente.

Alex.Ds ha scritto:E poi questo effetto"bordo" di cui ho molto sentito parlare ( e che non ho mai avuto modo di sperimentare), quando si ricerca?

Io lo evito... :)) Comunque quando si usano rivelatori poco energici e magari fine-granulanti, che danno quindi un lungo tempo bagnato e grana spappolata (cioè piccola), è necessario produrre almeno un po' di effetto bordo per compensare in qualche modo quella perdita di nitidezza.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
Alex.Ds
fotografo
Messaggi: 37
Iscritto il: 21/12/2013, 20:51
Reputation:

Re: Kodak, rivelatori e tanta... indecisione!!

Messaggioda Alex.Ds » 13/04/2014, 18:21

Ho capito. Grazie, gentilissimo e preciso come sempre! :)





  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti