FOTO NOTTURNE CON TMAX 400

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: Silverprint, chromemax

Avatar utente
nikos
fotografo
Messaggi: 60
Iscritto il: 14/01/2013, 22:37
Reputation:

FOTO NOTTURNE CON TMAX 400

Messaggioda nikos » 30/04/2014, 15:40

Salve a tutti.
Vorrei fare delle foto notturne in città, con fotocamera medio formato, cavaletto, scatto flessibile, esposimetro spot (sono indeciso se usare obiettivo 50 o 80 ma questo lo vedrò li per li).

Ho letto (spero tutte ) le discussioni sul forum (soprattutto quella sulla FP4+).
A disposizione però avrei tmax 400 e tri-x (che tenderei a non usare per via del grande difetto di reciprocità). Non ho possibilità di acquistare la Acros che sembra quella più indicata, perchè ci voglio andare stasera.....se non piove...)

Per sviluppare posso usare: tmax dev, HC-110 oppure ornano STD (studional).

il mio dubbio/problema è l'esposizione. Cioè non ho capito dove puntare l'esposimetro. Devo scegliere una zona alta (tipo la pavimentazione sotto un lampione di strada e portarlo in zona VIII??? Mi sembra di capire che nella foto notturna non potendo misurare le ombre, si espone per le luci.
avrei una grande confusione in testa.

Poi andrebbe sviluppato in N-2?

grazie a tutti per l'aiuto



Advertisement
Avatar utente
zehner21
esperto
Messaggi: 114
Iscritto il: 31/01/2014, 21:30
Reputation:

Re: FOTO NOTTURNE CON TMAX 400

Messaggioda zehner21 » 30/04/2014, 16:29

Si, ragazzi.. Rispondete perché mi sto arrovellando su questo interrogativo pure io!
Ho trovato una specie di calcolatore su internet che indica l'EV in base all'ambiente selezionato( c'è una lista di eventi come: cielo stellato, cielo illuminato dalla luna eccetera)



Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 9266
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: FOTO NOTTURNE CON TMAX 400

Messaggioda chromemax » 30/04/2014, 16:50

Nelle, poche, foto notturne che ho fatto ho sempre preferito affidarmi a numerosi ed ampi barcketing piuttosto che alle indicazioni dell'esposimetro.



Avatar utente
nikos
fotografo
Messaggi: 60
Iscritto il: 14/01/2013, 22:37
Reputation:

Re: FOTO NOTTURNE CON TMAX 400

Messaggioda nikos » 30/04/2014, 18:23

chromemax ha scritto:Nelle, poche, foto notturne che ho fatto ho sempre preferito affidarmi a numerosi ed ampi barcketing piuttosto che alle indicazioni dell'esposimetro.


Il blacketing ok. Ma come esposizione di partenza quindi non ti regoli su qualcosa (alte luci/altissime luci oppure ombre?)



Advertisement
Avatar utente
joeanty
guru
Messaggi: 423
Iscritto il: 20/01/2013, 0:38
Reputation:
Località: Roma

Re: FOTO NOTTURNE CON TMAX 400

Messaggioda joeanty » 30/04/2014, 18:31

L'esposimetro, sopratutto se spot, potrebbe non essere in grado di leggere le parti più buie della scena e quindi potresti non avere il riferimento sulle ombre.
Esporre per le luci non va bene con la pellicola negativa, nemmeno in notturna.

Personalmente, quando voglio fare le cose "bene", considero circa mezzo stop di meno sulla sensibilità della pellicola, individuo una zona scura di cui voglio che sia reso il dettaglio e la sottoespongo di 2stop (oppure una zona in cui voglio che non ci sai dettaglio e la sottoespongo di 3 stop), poi faccio il barcketing intorno all'esposizione calcolata.
Cerco anche le zone più chiare che voglio siano leggibili e vedo a quanti stop sono rispetto alla zona in cui voglio il dettaglio, poi riduco il tempo di sviluppo di un 10-15% per ogni stop in più oltre i 5 di differenza tra la zona di riferimento delle basse luci (6 se il riferimento è a -3 stop).
Attenzione a non esagerare, altrimenti si appiattisce troppo la parte dei toni medi della scena e vengono fuori effetti innaturali.

Riguardo la pellicola per questo tipo di scatti, paradossalmente le T-MAX 400 sono più difficili da stampare rispetto alle TRI-X, non so perché...

Per quanto riguarda il difetto di reciprocità, in altro post mi è stato chiarito che è legato alla pellicola e non alla sensibilità a cui la si espone.


La creatività è la capacità di immaginare soluzioni non convenzionali rispetto a situazioni che siamo in grado di riconoscere senza difficoltà: l'attenzione viene catturata quando si disattendono le aspettative fondate sulla consuetudine esperenziale.

Avatar utente
nikos
fotografo
Messaggi: 60
Iscritto il: 14/01/2013, 22:37
Reputation:

Re: FOTO NOTTURNE CON TMAX 400

Messaggioda nikos » 30/04/2014, 19:18

joeanty ha scritto:Personalmente, quando voglio fare le cose "bene", considero circa mezzo stop di meno sulla sensibilità della pellicola, individuo una zona scura di cui voglio che sia reso il dettaglio e la sottoespongo di 2stop (oppure una zona in cui voglio che non ci sai dettaglio e la sottoespongo di 3 stop), poi faccio il barcketing intorno all'esposizione calcolata.
Cerco anche le zone più chiare che voglio siano leggibili e vedo a quanti stop sono rispetto alla zona in cui voglio il dettaglio, poi riduco il tempo di sviluppo di un 10-15% per ogni stop in più oltre i 5 di differenza tra la zona di riferimento delle basse luci (6 se il riferimento è a -3 stop).


grazie mi sembra un buon piano.

joeanty ha scritto:Per quanto riguarda il difetto di reciprocità, in altro post mi è stato chiarito che è legato alla pellicola e non alla sensibilità a cui la si espone.


mi riferivo appunto alla pellicola (che con la tri-x è più pronunciato. anche se , l'ho solo sentito dire, non l'ho verificato "scientificamante" con tabelle o esperienza)



Avatar utente
zehner21
esperto
Messaggi: 114
Iscritto il: 31/01/2014, 21:30
Reputation:

Re: FOTO NOTTURNE CON TMAX 400

Messaggioda zehner21 » 30/04/2014, 19:51

Domanda: per la fotografia astronomica come fate? Intendo, per fotografare la volta stellata





  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti