Base telemetrica

Discussioni sugli accessori per il formato 35mm

Moderatore: isos1977

Avatar utente
DLM74
appassionato
Messaggi: 3
Iscritto il: 04/02/2014, 23:10
Reputation:

Base telemetrica

Messaggioda DLM74 » 25/06/2014, 23:37

Ciao a tutti,

dopo tanto analogico e un po' di digitale, torno a "casa" e sto cercando una telemetro -preferib. con ottiche intercambiabili- per cominciare a scattare (telemetro perchè..ho avuto una vecchia kodak che andava una bomba e di reflex oramai non ne posso più!).

Non sono uno scienziato e quindi il mio approccio continua ad essere molto istintivo, cercando di colmare le lacune tecniche leggendo libri e manuali e..provando e provando ..

Grazie ai vostri suggerimenti ho messo gli occhi su una Yashica Electro -le vostre recensioni sullo Yashinon 45 mm sono molto buone-, ma il prezzo sta salendo a livelli per me non più accettabili per una macchina a ottica sostanzialmente fissa.

Allora stavo valutando una voightlander R2a e una R3m. Al di là delle altre differenze tecniche fra le due macchine, quella che mi ha lasciato più perplesso è la base telemetrica, che francamente non ho capito e visto che qualcuno ha postato che "è davvero troppo piccola", volevo qualche spiegazione in più da voi...possibilmente molto, molto semplice :wall: .

Vi ringrazio in anticipo.

Ciao



Advertisement
Avatar utente
bafman
superstar
Messaggi: 1912
Iscritto il: 04/06/2012, 22:25
Reputation:
Località: MO
Contatta:

Re: Base telemetrica

Messaggioda bafman » 26/06/2014, 1:12

immagina di tenere uno specchietto in mano, colpito dalla luce, e di proiettare il riflesso sul muro. se ruoti lo specchietto il riflesso si sposterà in misura tanto maggiore quanto più il muro sarà distante da te. giusto?

bene, lo stesso vale in pratica su un telemetro. maggiore è la distanza fra la "finestra-mirino" e la "finestra-prisma-telemetrico" e maggiore sarà l'accuratezza con cui potrai mettere a fuoco perchè i fuorifuoco saranno più evidenti per via di una immagine più rapidamente e ampiamente sdoppiata.
a questo aggiungi che gli ingrandimenti a mirino (minori di uno, tipo 0,72 o 0,68) fungono da ulteriore "demoltiplicatore" della base e della precisione apprezzabile dal tuo occhio.

le basi lunghe danno un vantaggio soprattutto nell'uso di teleobiettivi moderati, dove il fuoco è più selettivo e dove peraltro già lavori su una finestrella piccola a mirino.



Avatar utente
Elmar Lang
superstar
Messaggi: 2830
Iscritto il: 28/08/2012, 16:11
Reputation:
Località: Trentino A-A

Re: Base telemetrica

Messaggioda Elmar Lang » 26/06/2014, 9:24

Le macchine fotografiche a telemetro con la più ampia base sono le Contax (ante- e postbelliche); le Kiev sovietiche (prosieguo della Contax anteguerra "con altri mezzi", ed ancora le sovietiche FED-2 e Zorki-6.

Comunque, anche le Leica serie M, pur senza esagerate basi telemetriche hanno ben dimostrato di assicurare una buona messa a fuoco, direi.

Ad ottica fissa, personalmente trovo eccellente la Minolta Hi-Matic 7s per la qualità costruttiva, ottica e di sistema d'esposizione.

E.L.


"Evitate il tono troppo aspro e duro, usato dalla maggior parte di coloro che debbono nascondere la loro scarsa capacità".
(Erwin Rommel)



  • Advertisement

Torna a “35mm”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: MSN [Bot] e 0 ospiti