Iniziare con l'8 mm

Spazio Aperto a qualunque tipo di discussione, idea o proposta non necessariamente legata alla fotografia

Moderatore: DanieleLucarelli

Avatar utente
manalog
esperto
Messaggi: 246
Iscritto il: 21/02/2013, 20:33
Reputation:
Località: Roma

Iniziare con l'8 mm

Messaggioda manalog » 22/07/2014, 12:46

Ciao a tutti,
ho trovato una cinepresa 8mm Jelco V-8III, con tre obiettivi "rotanti" (grandangolo, normale, tele).
La cinepresa dovrebbe funzionare perchè la bobina gira senza problemi, ma se non la carico fino a fondo fa fatica a partire.

Mi sembra di aver capito come si usa, c'è il mirino galileiano con tre riquadri diversi per ogni obiettivo, c'è un esposimetro a cellula di selenio che funziona (bisogna tenere la lancetta al centro del mirino?), una leva continua per modificare l'apertura del diaframma (da 1,8 a 16) e un selettore a quattro velocità (12, 16, 24, 36).

Non ho capito come funziona la messa a fuoco: le ottiche sembrano fisse, solamente che ogni tanto nel mirino vedo un cambiamento di messa a fuoco, ma credo siano i miei occhi (anche se non mi era mai successo prima) perchè mi sembra strano che sia autofocus senza elettricità, senza rumori e soprattutto che la messa a fuoco si veda nel mirino ottico! Quindi presumo che dovrò cercare di tenere il diaframma più chiuso possibile.

A proposito di diaframma, quando giro un filmino devo muovere in continuazione la leva per far restare la lancetta sempre sull'esposizione corretta oppure devo cambiarla soltanto quando diventa troppo sbagliata?

Per quanto riguarda la pellicola, una volta aperto lo sportello si vedono due perni, su uno è inserito un rocchetto vuoto, che si inserisce solo nel lato dove c'è scritto "1". I perni sono contraddistinti da "FULL FILM SPOOL" e "EMPTY FILM SPOOL", quindi immagino che devo mettere il rocchetto nuovo su full, far passare la pellicola nei vari meccanismi e inserire la coda della pellicola nel rocchetto empty (presumo al buio?).
Ma quale pellicola? Sulla cinepresa c'è scritto 8mm, mentre noto che la Fomapan 100 è in vendita solo 2x8mm e su internet parlano quasi tutti di doppio 8. Come faccio a capire se è una singolo 8 o una doppio 8? Si trovano le pellicole singolo 8mm?

Arriviamo ora alla parte più difficile: lo sviluppo
Una volta esposta tutta la pellicola, in che spirale posso metterla? Esiste una spirale Paterson compatibile per l'8mm? Altrimenti leggevo della Lomo tank, è l'unico modo (molto costoso) per sviluppare i filmini?
Infine come prodotti chimici devo usare il kit Foma oppure posso anche sviluppare con i chimici standard per l'inversione del bianconero?
Il proiettore per fortuna cel'ho, anche se credo di fattura economica, lo usava mio nonno per proiettare i filmini Disney e di Charlie Chaplin a mia madre e ai miei zii (non siamo ancora riusciti a ritrovare le pellicole).

Per finire, con la Jelco posso aspettarmi buoni filmati oppure non è un granchè di macchina?

Grazie mille e scusate le tante domande ma la mia esperienza da "regista" si ferma alle VHS-C!



Advertisement
Avatar utente
graic
superstar
Messaggi: 4558
Iscritto il: 03/10/2012, 17:15
Reputation:

Re: Iniziare con l'8 mm

Messaggioda graic » 22/07/2014, 13:05

il singolo 8 non esiste la distinzione e' tra 8mm (che sarebbe doppio 8) e Super 8, poi c'era il Single 8, ma quello era solo Fuji


Saluti
Gianni


La situazione è grave ma non seria.

Avatar utente
manalog
esperto
Messaggi: 246
Iscritto il: 21/02/2013, 20:33
Reputation:
Località: Roma

Re: Iniziare con l'8 mm

Messaggioda manalog » 22/07/2014, 13:09

Grazie mille, allora la mia cinepresa è doppio 8 (che si trova facilmente).
Ecco perchè ci sono i numeri sulla bobina, quindi a metà esposizione dovrò mettere la bobina nuova su empty e girare la bobina vecchia su "2" e poi metterla su full per fare la seconda esposizione (prevedo casini...).



Avatar utente
graic
superstar
Messaggi: 4558
Iscritto il: 03/10/2012, 17:15
Reputation:

Re: Iniziare con l'8 mm

Messaggioda graic » 22/07/2014, 13:32

Esatto, tutto nel buio piu assoluto! il Super 8 e' stato un grande passo avanti non solo per le dimensioni del formato ma sopratutto per i caricatori.


Saluti
Gianni


La situazione è grave ma non seria.

Advertisement
Avatar utente
Bruno0.5
guru
Messaggi: 390
Iscritto il: 26/08/2013, 11:12
Reputation:
Località: Busto Arsizio

Re: Iniziare con l'8 mm

Messaggioda Bruno0.5 » 22/07/2014, 14:39

graic ha scritto:Esatto, tutto nel buio piu assoluto! il Super 8 e' stato un grande passo avanti non solo per le dimensioni del formato ma sopratutto per i caricatori.


In realtà l'8mm aveva il pressa pellicola in metallo posizionato nella cinepresa.
Il super 8 aveva il pressa pellicola di plastica e posizionato nel caricatore, questo fatto garantiva meno planeità alla pellicola.

Non tutto nel super 8 era migliore! ;)

Un'altra cosa.
Era (quasi) impossibile col Super 8 (c'è riuscita solo, in parte, la Nizo con le sue cineprese) far tornare qualche centimetro indietro la pellicola per effettuare le dissolvenze incrociate.
Con il Single 8 della Fujica si riusciva facilmente.



Avatar utente
Camillo
esperto
Messaggi: 101
Iscritto il: 02/06/2014, 21:34
Reputation:
Località: Genova

Re: Iniziare con l'8 mm

Messaggioda Camillo » 22/07/2014, 14:45

Devi muovere continuamente la leva per mantenere l'esposizione.
Attenzione però le cellule al selenio si esauriscono quindi avrai l'esposizione da verificare.

Non a metà pellicola ma quando finisci "il rullino" giri i 2 rocchetti ed esponi l'altro lato.

Non vedo la necessità di farlo nel buio assoluto è sufficiente l'ombra di un'albero. Anche se sono 45 anni che non uso più cineprese ho sempre fatto così.

Un consiglio: trovati un laboratorio che lo fa, ma mi sa che ne siano rimasti pochi. Altimenti rinuncia.
Quindi la risposta al finale del tuo primo post è: Ma lo sai a cosa vai incontro?
Non ho la minima idea della bontà della Jelco (mai sentita nominare) comunque avendo 3 obiettivi montati su torretta deveva essere buona. Io ho una Bolex-Paillard con il solo 13mm.

Negli anni 60 si agiva così: dal fotografo si comperava il rullino di solito Kodachrome II, nel costo d'acquisto era compreso lo sviluppo.
Terminata l'esposizione si inviava alla Kodak a Milano il tutto nella sua busta gialla. Dopo un po' di tempo ritornava la cosa sviluppata larga 8mm e non 16. La Kodak o altra marca pensava allo sviluppo e a tagliare la pellicola per lungo.
Nel mio "museo" devo avere ancora una pellicola nuova ed un'altra dentro una cinepresa.
A proposito l'ultimo rullino di Kodachrome è stato impresso nel 2010 e poi l'ultimo laboratorio in grado di svilupparlo è stato chiuso. A mio modesto parere rimane la pellicola diapositiva migliore mai prodotta.


Camillo
...sia fatto un piccolo spiracolo retondo, che tutte le alluminate cose manderanno la loro similitudine per detto spiraculo e
appariranno dentro all'abitazione nella contraria faccia,..., e saranno la punto e sotto sopra;
Leonardo



  • Advertisement

Torna a “Open Space”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti