Il padre della Sposa

Racconta un tuo scatto, le scelte prese, l'inquadratura, il soggetto, la tecnica di sviluppo e la metodologia di stampa...

Moderatore: etrusco

Avatar utente
klaus
esperto
Messaggi: 261
Iscritto il: 01/12/2012, 10:02
Reputation:
Località: Udin

Il padre della Sposa

Messaggio da klaus »

Circa un anno fa mia cugina, per il suo matrimonio, ebbe la non tanto geniale idea di nominarmi come secondo fotografo. Anzi come primo fotografo analogico...
Inutile dirlo il reportage del matrimonio non è cosa mia... non sono in grado di infilarmi tra la ressa e scattare, c'è sempre qualcuno che si piazza in mezzo al momento dello scatto. Compreso il fotografo ufficiale che si è pure preso un colpo in testa a causa del tele che avevo montato in macchina.
Dopo una serie di scatti eseguiti durante la cerimonia, devo dire piuttosto banali, mi imbatto in mio zio (Il padre della sposa) fermo immobile in mezzo a un gazebo. Non so perchè ma ho sentito la necessità di immortalare quell'attimo. Probabilmente sono stato attirato da quello sguardo perso e leggermente velato di tristezza dai molteplici significati...
ipotesi 1: mia figlia è veramente cresciuta e ora se ne andrà via da casa..
ipotesi 2: azz alla faccia dell'antipasto bastava questo come pranzo
ipotesi 3 (la più probabile): finalmente un po' di gente si è tolta dalle palle e posso fumarmi una sigaretta in santa pace...

Scatto eseguto con Minolta XE-1, Rokkor 58 1:1.4, Kodak Tri-X esposta a 400 e sviluppata in R09 semi-stand (ero curioso di provare)
La scansione è da negativo, l'unica stampa di questa foto l'ho regalata al diretto interessato che mi ha quasi insultato perchè l'ho fotografato di profilo e di conseguenza ho messo in evidenza il naso :ymdevil:

ImmagineLucien

Ciao,

Giulio


Un Durst M370 e un po' di ferraccia...

Telegram Vieni a scoprire il canale telegram di analogica.it - tantissime offerte su materiale fotografico analogico nuovo ed usato Offerte materiale analogico


Rispondi