pre-bagno

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: chromemax, Silverprint

Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 9506
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

pre-bagno

Messaggio da chromemax »

In coda all thread Tmax 100 35mm vs. 120 è nata una discussione sulla pratica del pre-bagno delle pellicole prima del trattamento; dato che nella discussione non si è riusciti a quantificare in maniera oggettiva se e in che modo il pre-bagno influenzi lo sviluppo e anche a sostegno di quanto ho affermato, ho deciso di fare una piccola prova che non può e non vuole essere certo esaustiva, ma almeno offre dei dati oggettivi e spero qualche spunto di discussione.
Sono state messe a confronto le due pellicole di cui si è parlato nel thread, la Kodak T-Max 100 e la Fomapan 200, nei formati 4x5 e 13x18 rispettivamente e, per quanto è dato di sapere, le emulsioni dovrebbero essere identiche a quelle stese sui formati in rullo. Ogni singola lastra è stata tagliata a metà ed esposta per contatto con una scala di grigi graduata Stouffer a 21 gradini; la Fomapan 200 ha ricevuto un 'esposizione inferiore di 1 stop rispetto alla T-Max.
Una metà di ciascuna pellicola è stata pre-bagnata per 5 minuti, l'altra metà no e tutte le pellicole sono state quindi trattate nello stesso drum usando una sviluppatrice Jobo. Lo sviluppo usato è stato il Kodak HC-110 diluito 1+63 per 7 minuti a 24°C e la rotazione del drum è stato impostata ad una velocità di circa 75 giri/minuto. I negativi sono stati successivamente letti al densitometro e sono state tracciate le curve caratteristiche.
Questi i risultati:
t-max-100.png
fomapan-200.png
Il tempo di sviluppo è stato troppo lungo per la Fomapan 200 che presenta una curva molto ripida; questa cosa era stata preventivata e, dato che non si dovevano realizzare negativi buoni per la stampa, questo comunque non inficia i risultati del test.
Le curve della Fomapan, contrariamente a quanto si affermava, sono molto simili tra loro, con un leggero rialzo solo sulle parti più chiare del soggetto, tanto che il gradiente medio è praticamente identico (G=0,71 senza pre-bagno e G=0,72 con il pre-bagno). Per la T-Max la variazione di contrasto apportata dal pre-bagno è maggiore e tutta la curva assume un andamento leggermente più a forma di "S" rispetto alla linea più rettilinea della pellicola che non è stata sottoposta al trattamento.
Nel grafico composto di tutte le curve questa differenza si vede bene:
famiglia.png
Come si vede dalle curve caratteristiche, e anche come avevo affermato nell'altro thread, il pre-bagno aumenta il contrasto del negativo. Questo comportamento non è però generalizzabile; test molto più esaustivi di questo hanno dimostarto che alcune pellicole presentano una diminuzione di contrasto se pre-trattate col pre-bagno e la stessa pellicola presenta comportamenti differenti anche a seconda del rivelatore usato.

Nel thread Tmax 100 35mm vs. 120 affermavo che le variazioni tonali apportate dal pre-bagno sono abbastanza facilmente compensabili in fase di stampa e a supporto di questo ho effettuato anche un confronto di resa tonale rispetto ad una carta da stampa, in questo caso la Fomabrom Variant III, per vedere come viene riprodotta la scala tonale nella stampa: per la T-Max è stata scelta una gradazione 2 (filtratura 30Y-30M), mentre per compensare l'elevato contrasto della Foma 200 in questo test, per questa pellicola è stata usata una gradazione equivalente alla 00 (filtratura 130Y), e questi sono i risultati:
stampa.png
Coem si può vedere le scale tonali, con questa carta, sono riprodotte in maniera abbastanza simile: La T-Max 100 con pre-bagno ha le zone più chiare più compresse proprio a causa dell'innalzamento della curva su questi toni e mezzo punto di contrasto in meno può rimettere a posto le cose.
Le barre della Fomapan 200 possono sembrare più mosse ma bisogna tenere in considerazione che le gradazioni di contarsto molto morbide delle carte VC hanno degli andamenti con molte discontinuità e una risposta tonale molto meno lineare; ma anche in questo caso le differenze sono tali da rendere entrambi i negativi facilmente stampabili con gli opportuni piccoli ritocchi.

In conclusione l'uso del prebagno in genere non è consigliato se non in casi in cui si manifestino dei problemi di disuniformità di trattamento a causa di tempi di sviluppo molto brevi o nel trattamento di lastre in drum e quindi il mio consiglio è quello di seguire le indicazioni fornite dai fabbricanti, in ogni caso il prebagno non crea effetti devastanti sulla qualità finale del negativo.

PS: dall'andamento delle curve carattaristiche si vede chiaramente come il pre-bagno aiuti l'assorbimento dello sviluppo da parte dell'emulsione e che quindi risulta più attivo sulle alteluci, a ulteriore dimostrazione, qualora ce ne fosse ancora bisogno, che lo sviluppo agisce prevalentemente sulle alteluci e poco o niente sulle ombre; quindi, più in generale, cercare di aumentare lo sviluppo per alzare la sensibilità (che si misura invece sulle ombre) non serve a niente.

PPS: dal grafico combinato di tutte e 4 le curve si nota come la Fomapan 200 sia assai meno sensibile di quanto dichiarato (oppure è la T-max ad essere più sensibile), dato che il test ha ricevuto un'esposizione inferiore di 1 stop rispetto alla T-max ma il grafico mostra chiaramente il piede della curva che invece è appena accennato nella curva della T-Max, segno questo che l'esposizione per il test della T-Max 100 è stata eccessiva.



Avatar utente
Gvido
esperto
Messaggi: 204
Iscritto il: 18/06/2014, 12:55
Reputation:
Località: Siena

Re: pre-bagno

Messaggio da Gvido »

Ciao chrome, anzitutto grazie per la spiegazione, che ho trovato facilmente comprensibile (anche a me che sono molto ma molto ignorante in materia) e interessante. Avrei una domanda che non è relativa al pre bagno in se, ma all' interpetazione dei grafici da te postati. In particolare, credo di aver capito che in una curva caratteristica in ordinata ci sia la densità della pellicola esposta (anche se non ne conosco l' unità di misura) , ma non mi è chiaro a cosa si riferiscano i dati di esposizione in ascissa, potresti spiegarmelo?

Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 9506
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: pre-bagno

Messaggio da chromemax »

credo di aver capito che in una curva caratteristica in ordinata ci sia la densità della pellicola esposta (anche se non ne conosco l' unità di misura) , ma non mi è chiaro a cosa si riferiscano i dati di esposizione in ascissa, potresti spiegarmelo?
Qui c'è la spiegazione lunga.
Nei grafici qui postati i valori di esposizione sono valori relativi, ci si sarebbero potuti mettere anche i numeri progressivi dei gradini di grigio della step-tablet o anche dei numeri a caso, dato che non è stata fatta una lettura quantitativa della luce che ha colpito l'emulsione; l'unica cosa importante è che man mano che ci si sposta da sx verso dx l'esposizione aumenta.
Se poi hai ancora dubbi chiedi pure.

Avatar utente
LikeAPolaroid
guru
Messaggi: 303
Iscritto il: 30/01/2010, 14:44
Reputation:

Re: pre-bagno

Messaggio da LikeAPolaroid »

Grazie per aver speso del tempo per trarre delle conclusioni scientifiche sul prebagno.
La Fomapan 200, è l'emulsione nuova o quella vecchia? Il supporto è trasparente? Da quello che mi è capitato, la nuova potrebbe essere molto più sensibile al prebagno.

Avatar utente
etrusco
moderatore
Messaggi: 4638
Iscritto il: 08/12/2009, 12:16
Reputation:
Località: Viterbo
Contatta:

Re: pre-bagno

Messaggio da etrusco »

Perfetto come sempre Diego ... Questo thread potrebbe diventare un articolo per il blog, che ne dici ?
ImmaginePssss, Hei! ... Ti sei ricordato di registrare la tua camera oscura su darkroom locator?

Alessandro "etrusco" De Marchi - @trovarigenerati - @trovareflex - @trovaregalodonna

Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 9506
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: pre-bagno

Messaggio da chromemax »

LikeAPolaroid ha scritto:La Fomapan 200, è l'emulsione nuova o quella vecchia? Il supporto è trasparente? Da quello che mi è capitato, la nuova potrebbe essere molto più sensibile al prebagno.
Dovrebbe essere quella rimessa in vendita dopo lo stop della produzione.

Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 9506
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: pre-bagno

Messaggio da chromemax »

etrusco ha scritto:Questo thread potrebbe diventare un articolo per il blog, che ne dici ?
Se po' fà :)
Sarebbe bello farne uno molto più esaustivo, con più pellicole e rivelatori e prebagni di diversa lunghezza, ma chi c'ha il tempo?

Avatar utente
etrusco
moderatore
Messaggi: 4638
Iscritto il: 08/12/2009, 12:16
Reputation:
Località: Viterbo
Contatta:

Re: pre-bagno

Messaggio da etrusco »

Per ora questo è più che sufficiente ...
ImmaginePssss, Hei! ... Ti sei ricordato di registrare la tua camera oscura su darkroom locator?

Alessandro "etrusco" De Marchi - @trovarigenerati - @trovareflex - @trovaregalodonna

Avatar utente
Ottavio Colosio
guru
Messaggi: 352
Iscritto il: 05/08/2014, 22:54
Reputation:
Località: Bergamo/Milano

Re: pre-bagno

Messaggio da Ottavio Colosio »

Personalmente pre bagno solo le pellicole per le quali e' previsto,
meno di un minuto e rigorosamente con acqua demineralizzata e filtrata..
.. nell'acqua del rubinetto calcare, cloro, nitrati, solfati ecc.
e lasciarci a mollo l'emulsione.. mmh. @-)
Saluti

Ottavio


Matematicamente parlando, la fotografia e' un'applicazione lineare da R3 in R2

Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 9506
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: pre-bagno

Messaggio da chromemax »

Ottavio Colosio ha scritto:. nell'acqua del rubinetto calcare, cloro, nitrati, solfati ecc.
e lasciarci a mollo l'emulsione.. mmh. @-)
E invece la mucosa gastrica o quella intestinale si? :)) :)) :))
Se ti trovi bene così allora va bene così :) anche se l'acqua demineralizzata è molto meno innocua di quello che si potrebbe pensare.

Rispondi