preparare e conservare il D76 in polvere?

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: chromemax, Silverprint

Avatar utente
RagazzoElfo
fotografo
Messaggi: 79
Iscritto il: 16/01/2012, 22:27
Reputation:
Località: Vinci (FI)

Re: preparare e conservare il D76 in polvere?

Messaggioda RagazzoElfo » 31/01/2015, 23:07

Non so adesso, ma i prezzi più convenienti (e un'ottima disponibilità) fino a qualche tempo fa li aveva Westernphoto


~Sandro~

Advertisement
Avatar utente
riccardo1982
fotografo
Messaggi: 93
Iscritto il: 27/11/2014, 9:04
Reputation:
Località: Resana (TV)

Re: preparare e conservare il D76 in polvere?

Messaggioda riccardo1982 » 15/03/2015, 16:52

Ciao, secondo me la Kodak, quando imbusta i 415 grammi di D76 non e' che miscela i singoli chimici per ogni busta. Avranno un gran contenitore di preparato D76 che svuotandosi riempira' centinaia di buste. Se allora io prendo dalla busta 55 grammi per preparare 1/2 litro agitando bene la busta prima...non credo di riuscire a ottenere un composto diverso da volta a volta. L' ID11, composto da due preparati da miscelare si presta a maggiore margine di errore.

Comunque, questo e' quello che penso. provo e vi sapro' dire. Ciao!!



Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 9121
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: preparare e conservare il D76 in polvere?

Messaggioda chromemax » 15/03/2015, 17:17

riccardo1982 ha scritto:Se allora io prendo dalla busta 55 grammi per preparare 1/2 litro agitando bene la busta prima...non credo di riuscire a ottenere un composto diverso da volta a volta.
[...]
Comunque, questo e' quello che penso. provo e vi sapro' dire. Ciao!!

Di sicuro ottieni qualcosa ma che sarà probabilmente diverso da quello che otterrai la volta dopo o hai ottenuto la volta prima.
Anche ad agitare la busta quello che si ottiene è una separazione maggiore tra gli elementi in base al loro peso (agitare i miscugli non omogenei è uno dei sistemi usati per separare le diverse sostanze).
Ma il punto imho non è questo: parlando in generale, e quindi non mi riferisco direttamente a te, a questo punto non avrebbe senso spendere decine di euro in un termometro, basta un dito; chiedersi quanto dura una soluzione, finché funziona va bene, o arrovellarsi su 30 secondi in più o in meno di tempo di sviluppo, dato che non si ha la minima certezza che la soluzione di sviluppo che si va ad usare sia quella che è scritta nell'etichetta.
Non è puntiglioseria saccente e spocchiosa; avere un metodo ed essere precisi è il sistema migliore per fare le cose ottenendo buoni risultati, sempre costanti e col massimo risparmio, considerando quanto costa un rullino e il tempo e la (giosa) fatica di scattarlo.
Il D-76 commerciale, preparato tutto e frazionato in bottiglie di vetro scuro con tappo ermetico riempite completamente e conservate al fresco (no frigo) dura 6 mesi (e forse pure qualche giorno in più), c'è tutto il tempo per finirlo tutto e senza sprechi.





  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite