PRO160S dimessa?

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia a colori

Moderatori: chromemax, Silverprint

Avatar utente
NNNN_AAAA
esperto
Messaggi: 229
Iscritto il: 04/08/2017, 16:53
Reputation:

Re: PRO160S dimessa?

Messaggioda NNNN_AAAA » 12/03/2019, 15:46

fabriziog ha scritto:Solo i miei two cents
Con il termine "professionisti" si inglobano tantissimi tipi di fotografi diversi, matrimonialisti, sport, per riviste e giornali, ecc.
Tra questi però ci sono anche i professionisti "da galleria", libro fotografico "artistico", arte contemporanea, ecc.
Secondo me, in questo settore l'uso della pellicola (specialmente banco ottico o medio formato) è molto più diffuso di quel che si pensi.
La maggior parte dei libri fotografici che acquisto sono scattati con pellicola, per cui anche se di nicchia (come è di nicchia questo tipo di fotografia), è comunque un mezzo ancora utilizzato.
Mi vegono in mente Alech Soth (di cui è stato pubblicato l'ultimo lavoro qualche giorno fa se a qualcuno interessa, sempre per Mack), Nadav Kander, Rineke Dijkstra, Todd Hido e moltissimi altri


Per esperienza ti posso dire che quelli che scattano in digitale sono davvero una minoranza irrilevante. Penso sia una questione anche legata al libro stesso inteso come supporto fisico.


(La ricerca ha trovato 3069 risultati: rodinal; la ricerca ha trovato 7 risultati: terry richardson).

Advertisement


  • Advertisement

Torna a “Colore - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti