Provino scalare in frazioni di stop

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: chromemax, Silverprint

Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11535
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Provino scalare in frazioni di stop

Messaggioda Silverprint » 07/09/2013, 18:21

iz7nct ha scritto:Ma per fare la mia scala, da quanto devo partite? 8 o meno? :D

Da dove parti importa poco, è importante dove ARRIVI. :D

È importante che col tempo più lungo ti avvicini alla densità massima della carta anche in sottosviluppo (5 volte il tempo di comparsa per es.). Ti servirà che le prime due o tre strisce siano "nere", e che almeno le prime due siano indistinguibili (il fatto che siano indistinguibili è la conferma che sei vicino alla densità massima).

Se fai i test sul grado 2 o senza filtri, ti serve un intervallo di circa 3 stop, cioè 18 strisce, 20 considerando che le prime 2 o 3 le porterai a "nero".

Quindi per prima cosa farai uno scalare (fatto come ti pare) per determinare il tempo che farà un bel "nero". Trovato il tempo calcolerai a ritroso come arrivarci facendo almeno 20 strisce in intervalli di 1/6 di stop.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Advertisement
Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11535
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Provino scalare in frazioni di stop

Messaggioda Silverprint » 07/09/2013, 18:34

Certo che con tutto questo tribolio forse conviene comprare la scala Stouffer bella e pronta... :))


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
andreab
esperto
Messaggi: 208
Iscritto il: 10/09/2012, 22:23
Reputation:

Re: Provino scalare in frazioni di stop

Messaggioda andreab » 07/09/2013, 20:42

Silverprint ha scritto:Uno stop va da 1 ad 1,4, sa 1 a 2 sono due stop, etc. quindi ha ragione Bafman. La scala riportata è in terzi.


Beh no. Una variazione di uno stop significa una variazione di un fattore 2; si ottiene con una variazione dello stesso fattore nei tempi di esposizione; oppure con una fattore \sqrt(2) nel diametro del diaframma (perche' l'area della pupilla e' proporzionale al quadrato del diametro). In questo caso quindi la tabellina sopra, che parla dei tempi di esposizione, mi sembra che si riferisca proprio a una scala in "sesti di stop".

Un saluto.



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11535
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Provino scalare in frazioni di stop

Messaggioda Silverprint » 07/09/2013, 20:51

=)) =))

AndreaB hai ragione!!! Uffa che stress convertire il tempo in stop!
Se poi si fa una scala a partire da un valore che è anche uno dei numeri consueti per i diaframmi e si vede 1... 1.4 ... 2... basta un attimo e... va be' mi prendo un caffé.

Povero Toni! l'avevi fatta giusta. Con la mia distrazione non faccio altro che generare confusione. :wall:

E così capite perché ho venduto senza pentirmi il mio timer f-stop... e sarei anche uno veloce a far di conto! :))


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Advertisement
Avatar utente
iz7nct
guru
Messaggi: 511
Iscritto il: 11/04/2011, 16:10
Reputation:
Località: Nardò-LE

Re: Provino scalare in frazioni di stop

Messaggioda iz7nct » 07/09/2013, 21:16

Però tribolando si impara molto di più! :D

Ho visto sul sito della Stouffer hanno a listino solo le 120 a 31 e i 4x5 a 31 step 50 e 58$ rispettivamente. Poi devono arrivare in Italia!

In subacquea si chiama effetto Martini quello che mi avete combinato! ;)

Dai tanto ho una settimana di stop prima di scendere in C.O. :D



Avatar utente
bafman
superstar
Messaggi: 1912
Iscritto il: 04/06/2012, 22:25
Reputation:
Località: MO
Contatta:

Re: Provino scalare in frazioni di stop

Messaggioda bafman » 07/09/2013, 21:42

è un malinteso che ho creato io e di cui m'assumo la responsabilità :ymblushing:

ha fatto bene andreab a puntualizzare; il raddoppio di un f-stop è funzione dell'area attraverso le radici del 2, come scrivevo, ma qui - ragionando di tempi di esposizione e quindi di t-stop - il raddoppio è in semplice proporzione diretta con la durata. leggendo la classica progressione del radicale pensavo agli f-, ma qui si chiedeva e discuteva dei t-.
O:-)





  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti