R09 spezial (Studional): tempi e diluizioni

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: Silverprint, chromemax

Fabio Pasquarella
esperto
Messaggi: 272
Iscritto il: 31/07/2016, 20:51
Reputation:

Re: R09 spezial (Studional): tempi e diluizioni

Messaggioda Fabio Pasquarella » 16/10/2016, 16:22

Mi accodo anch'io perchè sono curioso...sulla trix 400 in situazioni di contrasto medio-alto sviluppo in rodinal 1:50 per 9 minuti, con risultati molto buoni per le ombre, ma un po' meno per le luci. Andrea mi consigli di provare a sostituirlo con lo studional? In tal caso per avere un'energia analoga ad 1:30 quanto tempo provo a sviluppare? Se volessi poi sostituire anche la pellicola con una t-max avrei una separazione tonale teoricamente migliore sulle alte luci da quel che capisco, ma le ombre? T-max sempre in studional o è preferibile altro sviluppo? Faccio prevalentemente paesaggi
Grazie mille e mi scuso per il leggero OT



Advertisement
Avatar utente
ammazzafotoni
superstar
Messaggi: 2087
Iscritto il: 03/08/2015, 20:08
Reputation:

Re: R09 spezial (Studional): tempi e diluizioni

Messaggioda ammazzafotoni » 16/10/2016, 21:21

Attento, come da regola, le ombre le "decidi" con l'esposizione, con lo sviluppo agisci preponderantemente sulle luci!



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11278
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: R09 spezial (Studional): tempi e diluizioni

Messaggioda Silverprint » 16/10/2016, 21:31

mordred71 ha scritto:Grazie Andrea, quindi per me che sviluppo non in maniera "continua" mi consigli di rimanere con l'HC vista la durata di conservazione ?

No, provalo. Lo Studional è un ottimo prodotto, il concentrato non durerà decenni, ma dura comunque moltissimo!
I risultati sono un po' diversi da quelli dell'HC.

Santo Niente ha scritto:Mi accodo anch'io perché sono curioso...sulla trix 400 in situazioni di contrasto medio-alto sviluppo in rodinal 1:50 per 9 minuti, con risultati molto buoni per le ombre, ma un po' meno per le luci. Andrea mi consigli di provare a sostituirlo con lo studional? In tal caso per avere un'energia analoga ad 1:30 quanto tempo provo a sviluppare?

Il Rodinal 1+50 è abbastanza compensatore e se la cosa si somma alla spalla relativamente precoce della Tri-X la modulazione dei toni chiari ne risente abbastanza, Con un rivelatore più energico e meno compensatore la situazione migliora sicuramente. Rimane comunque il limite della pellicola. Per il tempo non saprei fare paragoni perché non ho provato la nuova Tri-X in Rodinal (non penso che sia una buona combinazione), con lo Studional 1+30 proverei a vedere che succede intorno ai 6'.

Santo Niente ha scritto:Se volessi poi sostituire anche la pellicola con una t-max avrei una separazione tonale teoricamente migliore sulle alte luci da quel che capisco, ma le ombre? T-max sempre in studional o è preferibile altro sviluppo? Faccio prevalentemente paesaggi

La T-Max ti da sicuramente maggiore modulazione dei toni chiari anche con contrasti davvero molto elevati, nei toni medi la differenza la troverai nella separazione che con la T.max è più morbida e graduale, nelle ombre credo non troverai grandi differenze. Per me Studional e T-max 400 è un'ottima e bella combinazione che ritengo anche molto adatta al paesaggio.
Naturalmente è anche questione di gusti e di catena (carta, ingranditore, etc.) per cui non posso sapere se per te quella combinazione vada veramente bene o sia preferibile altro. Per rispondere dovrei almeno vedere i tuoi lavori e come li stampi.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
mordred71
esperto
Messaggi: 115
Iscritto il: 04/12/2012, 18:53
Reputation:

Re: R09 spezial (Studional): tempi e diluizioni

Messaggioda mordred71 » 17/10/2016, 0:13

Grazie mille Andrea, Studional sia allora !!!!
speriamo bene
grazie ancora :)



Advertisement
Fabio Pasquarella
esperto
Messaggi: 272
Iscritto il: 31/07/2016, 20:51
Reputation:

Re: R09 spezial (Studional): tempi e diluizioni

Messaggioda Fabio Pasquarella » 17/10/2016, 0:27

Silverprint ha scritto: Per me Studional e T-max 400 è un'ottima e bella combinazione che ritengo anche molto adatta al paesaggio.
Naturalmente è anche questione di gusti e di catena (carta, ingranditore, etc.) per cui non posso sapere se per te quella combinazione vada veramente bene o sia preferibile altro. Per rispondere dovrei almeno vedere i tuoi lavori e come li stampi.


Ok per ora uso ilford multigrade fb e conseguente sviluppo dedicato perchè sono alle prime armi con la stampa e mi sembrava la combinazione più semplice, ma sicuramente ne proverò delle altre non a lungo. Ho un ingranditore Durst M601 che è a condensatori. In fase di ripresa uso principalmente una rollei con obiettivo planar. Al momento non ho alcuna stampa con me, ma ne andrò a riprendere qualcuna in settimana. Appena le ho le scansiono e posto qui di seguito, grazie infinite per la disponibilità.



Fabio Pasquarella
esperto
Messaggi: 272
Iscritto il: 31/07/2016, 20:51
Reputation:

Re: RE: Re: R09 spezial (Studional): tempi e diluizioni

Messaggioda Fabio Pasquarella » 18/10/2016, 18:12

Silverprint ha scritto:
mordred71 ha scritto:Grazie Andrea, quindi per me che sviluppo non in maniera "continua" mi consigli di rimanere con l'HC vista la durata di conservazione ?

No, provalo. Lo Studional è un ottimo prodotto, il concentrato non durerà decenni, ma dura comunque moltissimo!
I risultati sono un po' diversi da quelli dell'HC.

Santo Niente ha scritto:Mi accodo anch'io perché sono curioso...sulla trix 400 in situazioni di contrasto medio-alto sviluppo in rodinal 1:50 per 9 minuti, con risultati molto buoni per le ombre, ma un po' meno per le luci. Andrea mi consigli di provare a sostituirlo con lo studional? In tal caso per avere un'energia analoga ad 1:30 quanto tempo provo a sviluppare?

Il Rodinal 1+50 è abbastanza compensatore e se la cosa si somma alla spalla relativamente precoce della Tri-X la modulazione dei toni chiari ne risente abbastanza, Con un rivelatore più energico e meno compensatore la situazione migliora sicuramente. Rimane comunque il limite della pellicola. Per il tempo non saprei fare paragoni perché non ho provato la nuova Tri-X in Rodinal (non penso che sia una buona combinazione), con lo Studional 1+30 proverei a vedere che succede intorno ai 6'.

Santo Niente ha scritto:Se volessi poi sostituire anche la pellicola con una t-max avrei una separazione tonale teoricamente migliore sulle alte luci da quel che capisco, ma le ombre? T-max sempre in studional o è preferibile altro sviluppo? Faccio prevalentemente paesaggi

La T-Max ti da sicuramente maggiore modulazione dei toni chiari anche con contrasti davvero molto elevati, nei toni medi la differenza la troverai nella separazione che con la T.max è più morbida e graduale, nelle ombre credo non troverai grandi differenze. Per me Studional e T-max 400 è un'ottima e bella combinazione che ritengo anche molto adatta al paesaggio.
Naturalmente è anche questione di gusti e di catena (carta, ingranditore, etc.) per cui non posso sapere se per te quella combinazione vada veramente bene o sia preferibile altro. Per rispondere dovrei almeno vedere i tuoi lavori e come li stampi.

Ciao Andrea,

eccomi con la scansione di una stampa che si avvicina un po' di più ai miei gusti, con la foto del negativo. Ti riassumo per comodità la mia catena:

Trix 400 esposta a 200 in rodinal 1:50
Carta Ilford fb multigrade (mi pareva buona per iniziare, considera che sono le mie prime stampe in assoluto)
Sviluppo multigrade
Ingranditore Durst M601 con rodagon

Come vedi prediligo una certa morbidezza, le ombre non mi piace chiuderle praticamente mai. A parte sicuramente vari errori, forse anche nel negativo (un po' sottoesposto?), questa sento che è la mia maniera di rendere in stampa ciò che vedo. Eppure percepisco che manca qualcosa. I toni chiari ad esempio non mi piacciono granchè, le nuvole non hanno per niente volume, ed è una cosa che più mi fa dannare, a differenza di una certa "tridimensionalità" invece sulla gamma media. Se sottoespongo in stampa un po' e aumento il contrasto della carta perdo di morbidezza e il risultato generale comunque non mi piace. Mi consigli di provare con t-max 400 + studional? Oltre a partecipare a un tuo workshop ovviamente - appena potrò verrò più che volentieri :)

Grazie mille!

Immagine

Immagine

Inviato dal mio 6039Y



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11278
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: R09 spezial (Studional): tempi e diluizioni

Messaggioda Silverprint » 18/10/2016, 18:57

A vederlo sul monitor il negativo sembra abbastanza buono, forse solo un poco sottoesposto (se si guarda la donnina in nero),
Riguardo le finezze, ovvero la resa dei toni (specialmente i più chiari) in stampa poco si può dire senza vedere dal vivo.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Fabio Pasquarella
esperto
Messaggi: 272
Iscritto il: 31/07/2016, 20:51
Reputation:

Re: R09 spezial (Studional): tempi e diluizioni

Messaggioda Fabio Pasquarella » 18/10/2016, 20:11

Silverprint ha scritto:A vederlo sul monitor il negativo sembra abbastanza buono, forse solo un poco sottoesposto (se si guarda la donnina in nero),
Riguardo le finezze, ovvero la resa dei toni (specialmente i più chiari) in stampa poco si può dire senza vedere dal vivo.


Capisco, grazie comunque



Avatar utente
Dart
esperto
Messaggi: 225
Iscritto il: 15/03/2017, 9:37
Reputation:
Località: Montepulciano (SI)

Re: R09 spezial (Studional): tempi e diluizioni

Messaggioda Dart » 04/07/2017, 15:16

Buonasera a tutti! Mi accodo anch'io, nonostante sia passato molto tempo dall'ultimo commento, nella speranza di ricevere un suggerimento! :D

Vorrei sviluppare una Tri-x 400 esposta a 200 iso con R09 Studio ( che non ho mai provato e quindi sono curioso visti i vostri commenti positivi ), magari nella soluzione proposta sopra da @
Avatar utente
Silverprint
1+30 a perdere. Essendo tutte le scene riprese ad alto contrasto ed avendo cercato ( nel limite delle mie capacità, peraltro molto limitate ) di esporre per ottenere dettaglio nelle zone in ombra, vorrei sviluppare per ottenere le luci equilibrate. Il bugiardino Agfa suggerisce per esposizione a 250 iso la soluzione 1+15 a 20° per 5'30", quindi in soluzione 1+30 sarebbero addirittura 11'. Non è tantissimo? Se avessi in media sovraesposto di circa 2 stop, non potrebbero essere sufficienti circa 7' ?
Ovviamente solo dal risultato potrò capire quanto sono andato vicino a quello che volevo ottenere, ma volevo chiedere un suggerimento sui tempi in quanto quelli ufficiali mi sembrano eccessivi. Grazie in anticipo! ^:)^



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11278
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: R09 spezial (Studional): tempi e diluizioni

Messaggioda Silverprint » 04/07/2017, 17:19

Il bugiardino Agfa è riferito alla vecchia Tri-x... e anche calcolato per un contrasto elevato (gamma 0,65) e non è quindi utilizzabile.
La nuova Tri-x si sviluppa molto in fretta, tanto che conviene passare ad una diluizione 1+50.
Un tempo di partenza per scene di alto contrasto è intorno ai 7'.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp



  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti