Rivelatore Tri-x 400 - Lezioni di fotografia

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: Silverprint, chromemax

Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11596
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Rivelatore Tri-x 400 - Lezioni di fotografia

Messaggioda Silverprint » 05/09/2012, 17:57

Boh?... Non ho capito molto. Un po' si, un po' non so. :-s

fabdort ha scritto:Presumo che con un intervallo in stop di 5 stop i risultati di 3 tempi di sviluppo diversi sono diversi rispetto ad un intervallo di 10 stop. Con un tervallo di 5 stop le differenze tra i vari sviluppi saranno minori rispetto allo sviluppo di scene con intervallo di 10 stop. Giusto il mio ragionamento?
Questo È Giusto!

L'esperimento lo ricapitolo io:

- 3 rulli. O in tre macchine diverse, o in tre magazzini o almeno 9 "mini" rulli da ca. 7 fotogrammi per chi bobina da se, o se non si bobina e si ha una sola macchina la pazienza di mettere e togliere rulli parzialmente esposti.

- 3 situazioni di luce: alto contrasto, medio contrasto, basso contrasto.
- 3 immagini uguali per rullo. Una per ogni situazione di luce.

- Almeno 3 scatti in bracketing per ogni immagine (meglio 5). Il bracketing spostato verso la sovra-esposizione almeno un po'.

- 3 tempi di sviluppo.

Alla fine dobbiamo avere 3 immagini (alto, medio e basso contrasto) esposte con bracketing e ripetute 3 volte, su tre rulli diversi da svilupparsi con 3 tempi diversi. 9 (3x3) immagini in totale ognuna con bracketing.

Alla fine i risultati forniscono le seguenti combinazioni per ogni immagine:

1) sotto-esposizione e sotto-sviluppo (- -)
2) sotto-esposizione e sviluppo corretto (- 0)
3) sotto-esposizione e sovra-sviluppo (- +)

4) esposizione corretta e sotto-sviluppo (0 -)
5) esposizione corretta e sviluppo corretto (0 0)
6) esposizione corretta e sovra-sviluppo (0 +)

7) sovra-esposizione e sotto-sviluppo (+ -)
8) sovra-esposizione e sviluppo corretto (+ 0)
9) sovra-esposizione e sovra-sviluppo (+ +)

Come siano è da verificarsi in stampa, naturalmente... ;)


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Advertisement
Avatar utente
fabriziog
guru
Messaggi: 1031
Iscritto il: 06/06/2011, 11:05
Reputation:
Località: Paese, Treviso

Re: Rivelatore Tri-x 400 - Lezioni di fotografia

Messaggioda fabriziog » 05/09/2012, 19:22

spiegato male, ma al concetto ci ero arrivato :ympeace: \:D/
a) tre scatti dello stesso soggetto (possibilmente di seguito per mantenere le stesse condizioni di luce) per poi poter sviluppare il film con energia (3 tempi) diversi

3 immagini uguali per rullo.


b) scatti in condizioni di luce / contrasto diversi

3 situazioni di luce: alto contrasto, medio contrasto, basso contrasto.


Il know how si vede anche da uno quanto incasinato ed approsimativamente spiega le cose =))



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11596
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Rivelatore Tri-x 400 - Lezioni di fotografia

Messaggioda Silverprint » 05/09/2012, 20:37

fabdort ha scritto:Il know how si vede anche da uno quanto incasinato ed approsimativamente spiega le cose =))

:)) Tranquillo! C'è il trucco! Prima certe cose le scrivo in brutta copia... poi non contento almeno due, tre volte modifico il messaggio giá postato. :)) C'avrò pure il know-how, ma a scrivere in quasi-comprensibil-ese l'esperimento c'ho faticato lo stesso! :D


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
paolob74
guru
Messaggi: 820
Iscritto il: 30/05/2010, 10:48
Reputation:

Re: Rivelatore Tri-x 400 - Lezioni di fotografia

Messaggioda paolob74 » 05/09/2012, 22:55

Andrea perché non scrivi un libro?

Io lo compro....

:-bd



Advertisement
Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11596
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Rivelatore Tri-x 400 - Lezioni di fotografia

Messaggioda Silverprint » 05/09/2012, 23:22

Ciao Paolo!

17 pagine sono poche, vero? :-s
Ci metto un po' di foto? :-\

Giá me so' spompato co' 'sta tiritera qui, figurate co' 'n libbro! =))


Ps. per chi non lo sapesse: so' dde Roma.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
paolob74
guru
Messaggi: 820
Iscritto il: 30/05/2010, 10:48
Reputation:

Re: Rivelatore Tri-x 400 - Lezioni di fotografia

Messaggioda paolob74 » 06/09/2012, 8:15

Secondo me dovresti pensarci...

Magari un libretto tipo arnica editrice, mai visti?

Estrapolare le spiegazioni togliendo domande e risposte è un macello.

Comunque complimenti per il post, bello davvero.....

Bravi tutti

:ymapplause:



Avatar utente
isos1977
superstar
Messaggi: 1784
Iscritto il: 13/09/2011, 22:23
Reputation:
Località: Milano

Re: Rivelatore Tri-x 400 - Lezioni di fotografia

Messaggioda isos1977 » 06/09/2012, 9:55

magari per un libro sarà poco, però io di manuali ne ho parecchi e nessuno è così "scientifico". Purtroppo temo che editorialmente un libro così tanto tecnico non sarebbe facile da piazzare :-/


chiedo un chiarimento.. spero di non essermi perso qualche pezzo... nel calcolare l'esposizione, ho sempre ragionato cercando di misurare l'esposizione su soggetti che avessero un colore simile al grigio 18% (e ovviamente facendo le varie misure sulle ombre e sulle luci ecc..)

qua si dice che la taratura dell'esposimetro è basata su livelli di luminosità... ora. io ho sempre pensato che prendendo un cartoncino grigio al 18%, l'esposimetro avrebbe misurato correttamente tutti le quantità di luce che lo colpiscono... ora mi sembra di capire che non è così.


"Se il fotografo non vede, la macchina fotografica non lo farà per lui" - Kenro Izu

Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11596
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Rivelatore Tri-x 400 - Lezioni di fotografia

Messaggioda Silverprint » 06/09/2012, 10:25

Ciao Isos!

isos1977 ha scritto:qua si dice che la taratura dell'esposimetro è basata su livelli di luminosità... ora. io ho sempre pensato che prendendo un cartoncino grigio al 18%, l'esposimetro avrebbe misurato correttamente tutti le quantità di luce che lo colpiscono... ora mi sembra di capire che non è così.

Non l'ho capita! :( O almeno mi pare di non capirla...

L'unica cosa che mi viene da dire è questa: prendendo l'esposizione sul grigio medio, sul cartoncino al 18% o su toni che siano "grigi medi" o in luce incidente (è la stessa cosa) abbiamo una ragionevole certezza che quei toni medi si potranno far venire "grigi medi" sulla stampa (giocando tra tempo di sviluppo del negativo e variazioni di contrasto ed esposizione della stampa), ma NON sappiamo con certezza come verranno resi i toni dell'immagine diversi dai toni medi. Infatti non possiamo sapere quanto scuri saranno i toni più scuri e quanto chiari saranno i toni più chiari e tanto più chiari o scuri questi toni saranno tanto più alto sarà il grado d'incertezza ovvero all'aumentare del contrasto della scena aumenta il grado d'incertezza.
Inoltre all'aumentare del contrasto quasi sicuramente il risultato di una esposizione sui toni medi produrrà una sotto-esposizione, cioè una esposizione insufficiente dei toni più scuri...


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
isos1977
superstar
Messaggi: 1784
Iscritto il: 13/09/2011, 22:23
Reputation:
Località: Milano

Re: Rivelatore Tri-x 400 - Lezioni di fotografia

Messaggioda isos1977 » 06/09/2012, 21:58

mmm.. cerco di spiegarmi meglio...

io pensavo che se prendo un cartoncino grigio al 18% e misuro la luce che lo colpisce ed espongo in base a quello che dice l'esposimetro, otterrò sempre un grigio al 18% (sia che il cartoncino sia in ombra o in piena luce....cambiando solo l'esposizione)

invece mi par di capire che la lettura dell'esposimetro potrebbe "sbagliare" e la certezza di avere un grigio 18% ce l'ho solo con una certa luminosità? oppure no?

ma forse è solo una mia confusione sui termini... con tono chiaro e scuro ti riferisci a un colore della scena, oppure alle luci (alte e basse)?


"Se il fotografo non vede, la macchina fotografica non lo farà per lui" - Kenro Izu

Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11596
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Rivelatore Tri-x 400 - Lezioni di fotografia

Messaggioda Silverprint » 06/09/2012, 23:03

Ciao Isos!
isos1977 ha scritto:io pensavo che se prendo un cartoncino grigio al 18% e misuro la luce che lo colpisce ed espongo in base a quello che dice l'esposimetro, otterrò sempre un grigio al 18% (sia che il cartoncino sia in ombra o in piena luce....cambiando solo l'esposizione)invece mi par di capire che la lettura dell'esposimetro potrebbe "sbagliare" e la certezza di avere un grigio 18% ce l'ho solo con una certa luminosità? oppure no?

No, no... qualunque sia la luce, purché sia misurabile.
Misurando sul cartoncino grigio o in luce incidente (è lo stesso) si ottiene quel grigio (confidando sull'elasticità del processo) per le cose che ricevono la quantità di luce misurata e sono di quel grigio. Quello che non si sa con certezza è come verranno resi i toni diversi da quelli medi. Ma il problema principale che si ha lavorando in quel modo è che le cose più scure, non appena sale un poco il contrasto, verranno sotto-esposte.

isos1977 ha scritto:... con tono chiaro e scuro ti riferisci a un colore della scena, oppure alle luci (alte e basse)?

È lo stesso. O no? ;)

Hmmm.... do sempre la stessa risposta! :-s
Da quel che scrivi ho idea che ti sfugga qualcosa... non riesco ancora a focalizzare bene cosa, però! :-?
Scrivi! Scrivi! Anche io voglio capire... :)


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp



  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti