Rivelatore Tri-x 400 - Lezioni di fotografia

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: chromemax, Silverprint

anonymous1

Re: Rivelatore Tri-x 400 - Lezioni di fotografia

Messaggio da anonymous1 »

Niente paura ragazzi, ora scrivo da una tastiera fisica.
Scusate le imprecisioni!!!

e grazie!!!

Chrome, vai a nanna!



Avatar utente
andreafotosg
esperto
Messaggi: 109
Iscritto il: 02/02/2010, 14:35
Reputation:
Località: Bergamo

Re: Rivelatore Tri-x 400 - Lezioni di fotografia

Messaggio da andreafotosg »

Mi intrometto al volo,
per complimentarmi con Silverprint per questo post, per me fondamentale, me lo sono stampato e sto imparando un sacco di cose anche se alle volte devo leggere e rileggere, ed anche il Negativo di Ansel Adams lo sto rileggendo capendolo di più.

Grazie Andrea

Ciao
Andrea
We're just lost souls swimming in a fish bowl,
year after year,
running over the same old ground.
What have we found?
The same old fears

Andrea

Avatar utente
gergio
guru
Messaggi: 1022
Iscritto il: 14/03/2013, 16:57
Reputation:

Re: Rivelatore Tri-x 400 - Lezioni di fotografia

Messaggio da gergio »

Premetto un grandissimo GRAZIE a Silverprint per le enormi delucidazioni date in questo topic, che ho stampato e sto leggendo ormai da diversi giorni :)


Non ho ancora finito di leggere tutto (sono a circa meta', ma da una rapida occhiata mi pare che non si riprenda in seguito l'argomento, tranne in un post piu' avanti ma che comunque non mi chiarisce le idee) e ho dei dubbi sulla S.E. e su come si lega al resto del discorso, dubbi che vorrei dissolvere per avere una lettura piu' sicura.
Il dubbio su cui sto riflettendo da qualche giorno riguarda la S.E.: non sono sicuro di aver capito come facciamo ad ottenere il valore di esposizione (tempo-diaframma) per avere un annerimento con densita 0.1

Prima di fissare i concetti vorrei fare una serie di affermazioni che secondo me sono corrette e vorrei sapere se effettivamente lo sono.

Il valore di 0.1 essendo al limite del nero puro e' influenzato quasi per niente dallo sviluppo (ovvero dal contrasto che daremo al negativo in fase di sviluppo). Quindi immagino che per la S.E. in prima approssimazione possiamo fare dei ragionamenti senza considerare le caratteristiche dello sviluppo (infatti piu' volte si ribadisce il concetto che e' una caratteristica della pellicola).
Silverprint ha scritto: Per determinarla occorre fotografare una superficie uniformemente illuminata (meglio se in ombra aperta) e fare una serie di scatti sottoesponendo 4 stop e variando gli Iso (per es con una 400 esporre a 125, 160, 200, 250, 320).
Ovvero: se fotografo la superficie esponendo correttamente (cioe' 0 stop di variazione) otterro' un grigio (non necessariamente medio, ma dipendente dalla catena completa, inclusa la stampa), la cui densita' sul negativo dipendera' dall'energia data dallo sviluppo.

Se invece sottoespongo di 4 stop (uso come nell'esempio una 400 ISO), e mi ritrovo una densita' di 0.1 sul negativo secondo la scaletta vorra' dire che la S.E. sara' di 400ISO.
Se invece l'annerimento me lo trovo a -5 stop, allora vorra' dire che la S.E. e' di 200ISO. Continuando -5.33 stop implica una S.E. di 160ISO, e cosi' via.

La densita' di 0.1 e' indipendente dallo sviluppo (sempre in prima approssimazione), quindi voglio cercarla perche' se ci associo il punto piu' scuro della scena reale (espongo per le ombre) posso regolare il punto piu' chiaro tramite il contrasto (sviluppo per le luci)

Quindi se la S.E. della mia pellicola sara' ad esempio 160 ISO, allora per esporre per le ombre cerco il punto scuro della scena e faccio si che la coppia tempo-diaframma sia maggiore di 5.33 stop.
In pratica vado a misurare la parte piu' scura della scena reale e l'esposimetro di dara' un certo valore EV; quindi impostero' sulla fotocamera una coppia tempo-diaframma pari a quel valore EV+5.33



La S.E. e' la "rapidita'" della pellicola e oltre a influenzare la comparsa (densita' 0.1) del punto piu' scuro sulla pellicola, definisce anche la velocita' di annerimento delle aree della pellicola con piu' luce: piu' luce c'e' piu' velocemente si annerisce, quindi nello stesso lasso di tempo (tempo di esposizione) avro' una densita' dipendente dalla S.E.



Spero di aver fatto affermazioni corrette, almeno mi pare che non si contraddicono le une con le altre e col resto del discorso... :D



P.S. non ho capito che significa in "ombra aperta"

Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 10061
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: Rivelatore Tri-x 400 - Lezioni di fotografia

Messaggio da chromemax »

Per adesso ti rispondo io, poi magari Andrea rettifica :)
La densita' di 0.1 e' indipendente dallo sviluppo (sempre in prima approssimazione), quindi voglio cercarla perche' se ci associo il punto piu' scuro della scena reale (espongo per le ombre) posso regolare il punto piu' chiaro tramite il contrasto (sviluppo per le luci)
Si cerca perché quel punto, preso in considerazione anche dai fabbricanti di pellicole, definisce la sensibilità della pellicola; alla fin fine dovrò pure settare una sensibilità sull'esposimetro, e da questa dipende poi quanto dettaglio avranno le ombre della scena. Se la SE è troppo alta le ombre saranno senza dettaglio.
La lettura delle luci si fa per misurare il contrasto della scena da riprendere, in modo che poi in stampa sia le ombre che le luci entrino nel range della carta da stampa. Dato che lo sviluppo agisce soprattutto sulle luci, sapere quale è lo scarto tra la lettura delle ombre e quella delle luci, pernette, dopo aver fatto dei test, di poter regolare lo sviluppo in modo che le densità più scure del negativo (luci) siano dense al punto giusto da essere registrate come grigio chiaro/chiarissimo in stampa. Con l'esposizione invece faccio in modo che le densità più tenui del negativo vengano registrate come grigio scuro/scurissimo dalla carta di stampa.
Quindi se la S.E. della mia pellicola sara' ad esempio 160 ISO, allora per esporre per le ombre cerco il punto scuro della scena e faccio si che la coppia tempo-diaframma sia maggiore di 5.33 stop.
In pratica vado a misurare la parte piu' scura della scena reale e l'esposimetro di dara' un certo valore EV; quindi impostero' sulla fotocamera una coppia tempo-diaframma pari a quel valore EV+5.33
No. Se la SE della pellicola è 160 si imposta sull'esposimetro 160 e non c'è bisogno di fare calcoli strani :) . L'esposimetro "per definizione" restituisce il grigio medio (Zona V), quindi per trovare la Zona I (0.1 di densità) sottoespongo di 4 stop quanto suggerito dall'esposimetro.
In pratica però è molto difficile valutare una Zona 1 sul sogetto e in genere si usa la Zona III dato che il valore di questa zona corrisponde alle ombre dove si riesce ancora a vedere con chiarezza la trama del soggetto ed è molto più facile da previsualizzare. Non è obbligatorio usare Zona III; a seconda dei casi si può misurare una Zona II (dettaglio e trama appena visibili) o anche Zona IV, anche se più salgo più si farà sentire l'azione dello sviluppo e più facile sarà l'errore di valutazione e quindi di esposizione.

Avatar utente
gergio
guru
Messaggi: 1022
Iscritto il: 14/03/2013, 16:57
Reputation:

Re: Rivelatore Tri-x 400 - Lezioni di fotografia

Messaggio da gergio »

Ciao chromemax, grazie per la risposta: ci devo pensare un attimo (purtroppo non sono molto pratico, vorrei fare il test delle 3x3 esposizioni ma pare che ancora non mi e' chiaro tutto) e a questo punto devo andare a rivedere alcuni punti, perche' non mi trovo con i valori EV :)

Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11913
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Rivelatore Tri-x 400 - Lezioni di fotografia

Messaggio da Silverprint »

Eccomi!
Ho avuto un w.e. impegnatissimo col corso ai ragazzi di Fotoslow Val Maira (grandi!)... :)

Grazie Chromemax!

Aggiungo solo qualche nota e correggo qualche altro errore di Gergio.
gergio ha scritto:...non ho capito che significa in "ombra aperta"
Per ombra aperta s'intende una zona di ombra in un area aperta, cioè una zona in ombra, ma comunque piuttosto luminosa. Per es. il lato di un edificio in una piazza rivolto a nord è in ombra aperta, invece il lato in ombra di un vicolo, o l'ombra sotto un portico non lo sono.
gergio ha scritto:Se invece sottoespongo di 4 stop (uso come nell'esempio una 400 ISO), e mi ritrovo una densità di 0.1 sul negativo secondo la scaletta vorrà dire che la S.E. sarà di 400 ISO.
Questo è giusto... e invece questo che segue (in rosso) è sbagliato.
gergio ha scritto:Se invece l'annerimento me lo trovo a -5 stop, allora vorrà dire che la S.E. e' di 200ISO. Continuando -5.33 stop implica una S.E. di 160ISO, e cosi' via...
Se la densità di 0,1 fosse a -5 stop la S.E. sarebbe di 800 iso, a 5 e 1/3 sarebbe di 1000, etc.
Con l'esposimetro impostato a 400 iso se la S.E. fosse 200 iso la densità di 0,1 sopra B+V si troverebbe a -3 stop; a -2 e 2/3 sarebbe di 160, a - 2 e 1/3 sarebbe 125, etc.

Riguardo la frase seguente, oltre quanto già detto da Chromemax, c'è un altro "errore" (sempre in rosso)... :)
gergio ha scritto:In pratica vado a misurare la parte più scura della scena reale e l'esposimetro di darà un certo valore EV; quindi imposterò sulla fotocamera una coppia tempo-diaframma pari a quel valore EV +5.33
Quando si misura una zona scura, dato che l'esposimetro la riporterebbe a "grigio medio" se si vuole (e nel caso di esposizione per le ombre, si vuole) renderla più scura questa va sotto-esposta e NON sovra-esposta.
Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it
[email protected]

Avatar utente
gergio
guru
Messaggi: 1022
Iscritto il: 14/03/2013, 16:57
Reputation:

Re: Rivelatore Tri-x 400 - Lezioni di fotografia

Messaggio da gergio »

Grazie Silverprint per le precisazioni/correzioni, ma prima di commentare ho bisogno di riflettere e riordinare un po' le idee :)

Secondo me alla fine e' facile, ma al momento mi manca qualche tassello, pero' intuisco che il mio problema si trova tra la S.E. definita sul -4 stop, la sensibilita' iso dichiarata delle pellicole e la lettura media dell'esposimetro...

Mi sono stampato le mie affermazione, le correzioni di Chromemax e quelle di Silverprint e stasera ci faccio qualche riflessione andando a rivedere alcune parti all'inizio del topic :)

Grazie mille
Gerardo

seconilmapero
esperto
Messaggi: 154
Iscritto il: 23/07/2013, 18:27
Reputation:

Re: Rivelatore Tri-x 400 - Lezioni di fotografia

Messaggio da seconilmapero »

questo thread è stupendo, monumentale direi, complimenti a Silverprint che ci ha messo davvero la passione in tutte le descrizioni e la voglia di tornare sulle ripetizioni.

Avatar utente
roby02091987
guru
Messaggi: 1065
Iscritto il: 06/02/2013, 12:50
Reputation:

Re: Rivelatore Tri-x 400 - Lezioni di fotografia

Messaggio da roby02091987 »

Concordo, è un Thread veramente eccezionale. Da scolpire in tavole di pietra e mostrare al popolo :-D.

Sent from my Galaxy Nexus using Tapatalk 4 Beta

Avatar utente
giofex
guru
Messaggi: 1376
Iscritto il: 22/08/2012, 10:33
Reputation:
Località: BRESCIA
Contatta:

Re: Rivelatore Tri-x 400 - Lezioni di fotografia

Messaggio da giofex »

Oltre che ad essere eccezionale ed utilissimo questo thread sta diventando anche lunghissimo....stiamo quasi per battere dinasty...;)
ciao

Giorgio

Telegram Vieni a scoprire il canale telegram di analogica.it - tantissime offerte su materiale fotografico analogico nuovo ed usato Offerte materiale analogico


Bloccato