Rivelatore Tri-x 400 - Lezioni di fotografia

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: chromemax, Silverprint

Avatar utente
gonfiacani
guru
Messaggi: 388
Iscritto il: 26/06/2012, 9:01
Reputation:

Re: Rivelatore Tri-x 400 - Lezioni di fotografia

Messaggio da gonfiacani »

etrusco ha scritto:Thread da mettere in evidenza ed opportunamente scremato porrebbe diventare un ottimo tutorial per il blog.

Complimenti ai mod e agli esperti che ci hanno messo i contenuti

Etrusco.

Sent from my iPhone using Tapatalk.
Straquoto!



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11913
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: rivelatore trix 400

Messaggio da Silverprint »

franny71 ha scritto:Daje Andrè, aspetto il momento in cui mi spieghi come esporre.... :D
Sinceramente a pellicola ogni tanto "canno" l'esposizione, perchè probabilmente punto l'esposimetro su ciò che ritengo (erroneamente) grigio medio...
Questo è il mio modus operandi, ecco perchè ti dicevo che non padroneggio per nulla la tecnica da te esposta all'inizio del topic (esporre per le ombre).
Come mi devo comportare per esporre a modo? I'm confused... :-?
Ciao Franco!
Non mi sono dimenticato di Te! :)
Aspettavo di concludere la "prima parte"! :-o :)) .... :wall:

Allora... (già sudo) #:-s

Esporre sul grigio medio: perché non sempre funziona?
Perchè, ammesso di trovarlo nella scena ripresa e regolarci sopra l'esposizione, sempre ammettendo che la sensibilità impostata e lo sviluppo scelto producano sul negativo una densita adeguata per far venire un grigio "medio" anche in stampa, non sappiamo quanta differenza c'é tra quel grigio "medio" su cui abbiamo regolato l'esposizione e le parti più scure dell'immagine; parti più scure su cui l'esposizione andrebbe regolata!

Se la differenza di luminosità tra il grigio "medio" e le parti più scure è moderata le parti più scure verranno (probabilmente) ben registrate (esposte) poiché rientrano nella "latitudine di posa", se invece la differenza è consistente l'errore sarà una sotto-esposizione anche essa consistente. In soldoni, più è alto il contrasto più è alto l'errore.

L'omino malefico che a suo tempo scelse questa strada per standardizzare e semplificare (? :-o ) le cose non a caso non perdeva occasione per ripetere che le foto andavano fatte con la luce alle spalle ovvero in condizione di basso contrasto! Era malefico, mica scemo. :))

E si badi bene che l'errore dipende proprio dal sistema per esporre così pensato, non dal non avere "indovinato" quale è "veramente" il grigio medio in una certa inquadratura. Infatti con gli esposimetri esterni a luce incidente il problema è esattamente lo stesso (aumenta l'errore intrinseco all'aumentare del contrasto). L'esposimetro esterno a luce incidente ci risparmia solo la fatica di dover indovinare quale sia "effettivamente" ( :)) ) il grigio medio in una certa inquadratura!

E, come se non bastasse, quando il contrasto è alto oltre ad essere difficile esporre bene, perchè andrebbe evitata anche la sovra-esposizione, diventa critica anche la scelta del tempo di sviluppo... :(
Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it
[email protected]

Avatar utente
mjrndr
guru
Messaggi: 1261
Iscritto il: 21/06/2012, 10:19
Reputation:
Località: Bergamo

Re: R: Rivelatore Tri-x 400 - Lezioni di fotografia

Messaggio da mjrndr »

Mi sa che questo post è il caso che me lo stampi e lo appiccichi sulla copertina del quaderno di fotografia (una moleskine di star wars, per fare felice etrusco).
Davvero una spiegazione esaustiva di tante cose, e che soprattutto ti lascia con tante domande e riflessioni. Non con false certezze e "numeri standard"

Grazie mille, temo che dopo questo mi toccherà comprare tank e chimici...

Andrea

Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11913
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: R: Rivelatore Tri-x 400 - Lezioni di fotografia

Messaggio da Silverprint »

mjrndr ha scritto: temo che dopo questo mi toccherà comprare tank e chimici...
Di corsa, direi! Come si può vivere senza? :-o
Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it
[email protected]

Avatar utente
mjrndr
guru
Messaggi: 1261
Iscritto il: 21/06/2012, 10:19
Reputation:
Località: Bergamo

Re: R: Rivelatore Tri-x 400 - Lezioni di fotografia

Messaggio da mjrndr »

Scattando foto con l'ipad :D
Eresie a parte ho trovato un'associazione che organizza due serate di sviluppo e stampa e noleggia la camera oscura (anche con assistenza) penso di farle per essere assistito la prima volta e per conoscere altre persone appassionate.
Poi lo sviluppo me lo farò a casa e per la stampa mi appoggerò lì.
Non ho voluto cominciare subito con lo sviluppo per prendere prima confidenza con la pellicola e le macchine analogiche.
Dopo l'orgia di digitale delle vacanze posso tornare ai miei giretti fotografici a pellicola!

Andrea

Avatar utente
franny71
superstar
Messaggi: 2635
Iscritto il: 21/11/2011, 12:53
Reputation:
Località: Anzio (RM)

Re: rivelatore trix 400

Messaggio da franny71 »

Silverprint ha scritto:
franny71 ha scritto:Daje Andrè, aspetto il momento in cui mi spieghi come esporre.... :D
Sinceramente a pellicola ogni tanto "canno" l'esposizione, perchè probabilmente punto l'esposimetro su ciò che ritengo (erroneamente) grigio medio...
Questo è il mio modus operandi, ecco perchè ti dicevo che non padroneggio per nulla la tecnica da te esposta all'inizio del topic (esporre per le ombre).
Come mi devo comportare per esporre a modo? I'm confused... :-?
Ciao Franco!
Non mi sono dimenticato di Te! :)
Aspettavo di concludere la "prima parte"! :-o :)) .... :wall:

Allora... (già sudo) #:-s

Esporre sul grigio medio: perché non sempre funziona?
Perchè, ammesso di trovarlo nella scena ripresa e regolarci sopra l'esposizione, sempre ammettendo che la sensibilità impostata e lo sviluppo scelto producano sul negativo una densita adeguata per far venire un grigio "medio" anche in stampa, non sappiamo quanta differenza c'é tra quel grigio "medio" su cui abbiamo regolato l'esposizione e le parti più scure dell'immagine; parti più scure su cui l'esposizione andrebbe regolata!

Se la differenza di luminosità tra il grigio "medio" e le parti più scure è moderata le parti più scure verranno (probabilmente) ben registrate (esposte) poiché rientrano nella "latitudine di posa", se invece la differenza è consistente l'errore sarà una sotto-esposizione anche essa consistente. In soldoni, più è alto il contrasto più è alto l'errore.

L'omino malefico che a suo tempo scelse questa strada per standardizzare e semplificare (? :-o ) le cose non a caso non perdeva occasione per ripetere che le foto andavano fatte con la luce alle spalle ovvero in condizione di basso contrasto! Era malefico, mica scemo. :))

E si badi bene che l'errore dipende proprio dal sistema per esporre così pensato, non dal non avere "indovinato" quale è "veramente" il grigio medio in una certa inquadratura. Infatti con gli esposimetri esterni a luce incidente il problema è esattamente lo stesso (aumenta l'errore intrinseco all'aumentare del contrasto). L'esposimetro esterno a luce incidente ci risparmia solo la fatica di dover indovinare quale sia "effettivamente" ( :)) ) il grigio medio in una certa inquadratura!

E, come se non bastasse, quando il contrasto è alto oltre ad essere difficile esporre bene, perchè andrebbe evitata anche la sovra-esposizione, diventa critica anche la scelta del tempo di sviluppo... :(
Ti ringrazio per la spiegazione Andrea, di cui ho capito il concetto, ma che mi è difficile da mettere in pratica...
forse ci sarebbe bisogno di esempi "pratici" per capire completamente ciò che scrivi, ma forse basterà fare qualche rullo di test per tentare di capire meglio...
certo è che se espongo un paesaggio innevato avrò i bianchi molto spenti, da qui a sovraesporre ci vuol poco per capire...
ma in situazioni in cui ci sono anche delle ombre da dover riprodurre?
ok per la latitudine della pellicola, lo so che dovrò sacrificare qualcosa o nelle luci o nelle ombre, ma per non fare a casaccio io cerco sempre (in situazioni di alto contrasto) di trovare un qualcosa che per me stia in zona V, esporre come grigio medio su quel qualcosa e il resto di conseguenza.
ho provato anche a fare più letture su soggetti chiari e scuri del soggetto da esporre, provando a scattare facendo una media, o privilegiando le luci o le ombre a seconda dei casi, ma per la maggioranza dei casi sono goffi tentativi di riprodurre al meglio la scena.
insomma, credo che con esempi precisi e mirati si possa capire molto di più la procedura da te esposta, almeno per le capocce dure come le mie... ~x(
Franco
il mio Flickr

Я родилась даже не узнал

Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11913
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: rivelatore trix 400

Messaggio da Silverprint »

franny71 ha scritto:...ho capito il concetto, ma che mi è difficile da mettere in pratica...
Forse ci sarebbe bisogno di esempi "pratici" per capire completamente ciò che scrivi, ma forse basterà fare qualche rullo di test per tentare di capire meglio...
Ci arrivo, ci arrivo... ancora un po' di pazienza, per favore... :ympray: Lo so che a questo giro ve ne sto chiedendo tanta. :ymhug:
franny71 ha scritto:ok per la latitudine della pellicola, lo so che dovrò sacrificare qualcosa o nelle luci o nelle ombre
Per la comprensione quasi ci sei, manca un pezzettino, la tua frase qui sopra infatti NON è esattamente "vera": è vera col digitale; è vera con le dia se non si interviene sul processo (allargando la latitudine); col Bianco e Nero e le pellicole attuali è vera solo per intervalli di luminosità "fantascientifici" (18, 20 stop...? :-o ), vale a dire che la latitudine può essere veramente estesissima, ma solo in sovra-esposizione, ovvero verso le luci.
Insomma fissato il livello di dettaglio e resa dei toni scuri con un esposizione per le ombre, la pellicola continua a registrare differenze di luminosità (dettaglio) veramente notevoli, e se sono sul negativo in qualche modo si stampano ;) . Si stamperanno bene se lo sviluppo è corretto, con acrobazie se è sbagliato, ma l'importante è che l'immagine sul negativo ci sia.

Quindi, se esponi per le ombre NON necessariamente sacrificherai qualcosa nelle luci! Mentre se esponi per le luci o per il grigio medio e il contrasto è più alto della latitudine (che ottieni con un determinato sviluppo ed asa impostato) sacrificherai sicuramente qualcosa nelle ombre!

Stu-pe-fa-cen-te! :-o Lo so che per gli ex-digitalisti la cosa suona incredibile, ma è così. :))
Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it
[email protected]

Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11913
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: rivelatore trix 400

Messaggio da Silverprint »

Silverprint ha scritto:Esporre sul grigio medio: perché non sempre funziona?
Perchè, ammesso di trovarlo nella scena ripresa e regolarci sopra l'esposizione, sempre ammettendo che la sensibilità impostata e lo sviluppo scelto producano sul negativo una densita adeguata per far venire un grigio "medio" anche in stampa, non sappiamo quanta differenza c'é tra quel grigio "medio" su cui abbiamo regolato l'esposizione e le parti più scure dell'immagine...


Questa mia frase è decisamente difficile, meglio che ci insista un po'... :-? (per Franco, grazie del feedback ;) ).

Il punto è anche che questo grigio medio... è un riferimento "instabile"! :-o

Abbiamo visto che la resa dei toni più scuri dipende (quasi) solo dall'esposizione (non dal tempo di sviluppo) e che invece la resa dei toni chiari dipende dall'esposizione e anche dal tempo di sviluppo e dipende tanto più dallo sviluppo tanto più chiari sono i toni chiari.
Il grigio medio, anche se chiaro non è, è tuttavia abbastanza chiaro da dipendere anche dallo sviluppo. Non solo, al contrario dei toni più scuri, un tono medio é aggiustabile (entro certi limiti) anche in fase di stampa. Le due cose non hanno poche conseguenze!

Riprendo a brevissimo, pausa forzata... :(
Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it
[email protected]

Avatar utente
lorypiccolo
esperto
Messaggi: 108
Iscritto il: 15/05/2012, 11:43
Reputation:
Località: Moschiano (AV) - Napoli

Re: Rivelatore Tri-x 400 - Lezioni di fotografia

Messaggio da lorypiccolo »

@Silverprint
Anche io, come Franco, stavo per chiederti qualche esempio più "terreno"!
Quindi quando si scatta, dobbiamo preoccuparci maggiormente (o solo?) delle zone al di sotto del grigio medio, cioè delle zone al di sotto della V zona...?!

In riferimento al Sistema Zonale si è parlato di impostare la sensibilità effettiva della pellicola, giusto?
"Considerate la vostra semenza:... "

Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11913
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Rivelatore Tri-x 400 - Lezioni di fotografia

Messaggio da Silverprint »

:))
lorypiccolo ha scritto:Quindi quando si scatta, dobbiamo preoccuparci maggiormente (o solo?) delle zone al di sotto del grigio medio, cioè delle zone al di sotto della V zona...?!
Bene, bene, seguite... (un po' di feedback mi serve :) )
Anzi... giocate d'anticipo! :D

Si, in fase di esposizione bisogna curarsi SOLO dei toni più scuri. Per i toni chiari si prende (eventualmente) solo nota di quanto sono chiari e si interviene successivamente in fase di sviluppo.

Il resto, sensibilità effettiva, etc... arriva a breve. È il seguito del discorso appena iniziato.
Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it
[email protected]

Telegram Vieni a scoprire il canale telegram di analogica.it - tantissime offerte su materiale fotografico analogico nuovo ed usato Offerte materiale analogico


Bloccato