Rolleiflex biottica

Discussioni sugli accessori per il medio formato

Moderatore: etrusco

Avatar utente
bcfoto
esperto
Messaggi: 209
Iscritto il: 22/01/2011, 15:04
Reputation:

Re: Rolleiflex biottica

Messaggio da bcfoto »

Acutanza Umbra ha scritto:
8 - Per chi ha messo in dubbio problemi di micromosso, specchio che sbatte etc, Vi ricordo che c'è un tastino dalla 500C/M in poi che si chiama "Alzamento manuale dello specchio" che permette di utilizzare l'Hasselblad solo con l'otturatore centrale dell'obbiettivo.
Non ignoro l' alzamento dello specchio manuale, ma non è certo un sistema comodo e lo si può usare soprattutto su cavalletto....io ho provato ad usarlo su 35mm per scatti in scarsa luce a mano libera su OM1 e Nikon F2, ma sinceramente se non hai un soggetto immobile e una mano molto ferma i risultati sono imprevedibili, credo che su una 6x6 i problemi sarebbero gli stessi se non amplificati.......almeno colla Bronica non avevo risolto molto.....
Per il resto concordo con te, l' aspetto estetico è solo soggettivo, l' aspetto piacere d' utilizzo lo è in parte anch' esso, altrimenti se volessimo solo lo strumento più performante e funzionale per produrre immagini staremmo qui a parlare della Nikon D4 Vs Canon 1D Mk IV........non essendo professionisti possiamo permetterci di scegliere liberamente di usare ciò che più ci piace, con tutto il rispetto delle altrui convinzioni.
Ciao Bruno

P.S. Anch' io sono un ammiratore delle ottiche tedesche, ma a volte ti confesso che devo stampare molto in grande ed essere ben pignolo per distinguere un negativo di sua maestà Planar da uno del ben più modesto Yashinon......a volte fa più differenza una accoppiata rivelatore-pellicola ben assortita piuttosto che un diverso MTF!



Telegram Vieni a scoprire il canale telegram di analogica.it - tantissime offerte su materiale fotografico analogico nuovo ed usato Offerte materiale analogico


ferod

Re: Rolleiflex biottica

Messaggio da ferod »

parlare degli MTF per me non è importante, quello che conta è la resa che guardo con gli occhi, ma se vogliamo fare i pignoli qui trovate gli MTF e fra i 2 Planar 2.8 Hasselblad e Rolleiflex le differenze sono nulle, mentre lo Xenotar devasta i Planar per non parlare dei Mamiya 7

http://www.hevanet.com/cperez/MF_testing.html

Gli MTF servono per le pippe.

Avatar utente
bcfoto
esperto
Messaggi: 209
Iscritto il: 22/01/2011, 15:04
Reputation:

Re: Rolleiflex biottica

Messaggio da bcfoto »

ferod ha scritto:parlare degli MTF per me non è importante, quello che conta è la resa che guardo con gli occhi..............


Gli MTF servono per le pippe.
:ymapplause: :ymapplause: :ymapplause:

Avatar utente
isos1977
superstar
Messaggi: 1784
Iscritto il: 13/09/2011, 22:23
Reputation:
Località: Milano

Re: Rolleiflex biottica

Messaggio da isos1977 »

Ho iniziato il post con una sorta di confronto tra i due sistemi... mi sono reso conto che il confronto è comunque impossibile e la discussione lo sta facendo emergere ;-)

Penso che parlando di Hasselblad si parla di un mito del medio formato... quindi è difficile non condividere tutti i pregi della Hasselblad elencati... soprattutto perchè Hasselbland non è una macchina fotografica... ma direi un "sistema", mentre chiaramente una rolleiflex è "solo" una macchina fotografica con obiettivo normale... le foto agli uccelli te le scordi! ;-)
è un po' come paragonare l'attrezzatura leggera per un'escursione in giornata con l'attrezzatura per una spedizione artica ;-)
Acutanza Umbra ha scritto: 9 - Non credo che l'Hasselblad sia da relegare solo alle foto in studio, su YouTube è pieno di fotografi che utilizzano l'Hassy per ritratti all'aperto, per fotografia di paesaggio etc. Inoltre ricordo che Victor Hasselblad era un ornitolologo principiante quindi quando ha progettato la migliore "Reflex del mondo" ne ha tenuto conto. Ed infatti sul corredo sono presenti obbiettivi tipo il 500mm f/8 usato regolarmente da Eric Hosking.
quando parlavo di foto in studio (e anche di foto all'aperto "studiate") non volevo relegarla allo studio... volevo dire che una Hasselblad non è una macchina da portarti nello zaino un po' in tutte le occasioni...Se vuoi fare foto di paesaggio oppure naturalistiche e usi Hasselblad sicuramente hai la possibilità di ottenere qualsiasi risultato a livelli "professionali" che non otterresti con altri sistemi, ma devi partire con un altro approccio e con tutto l'occorrente

Insomma.. l'ideale è avere tutte e due... dovendo scegliere.. è evidente che l'hasselblad ha una completezza e versatilità (in senso assoluto) maggiore, ma sconta una sorta di "maggiore complesità nell'utilizzo" (peso, ingombro, cavalletto non fondamentale ma spesso importante, diverso modo di maneggiarla per scattare ecc...)

a me piace molto la fotografia "sociale", il raccontare la vita quotidiana, le persone, le esperienze... per farlo mi trovo molto bene con una leica M3.. volendo "allargare" l'orizzonte al MF la rolleiflex mi sembra avere le caratteristiche per farlo

poi, essendo un appassionato di montagna e della natura, mi piace anche la fotografia di paesaggio... su questa parte vado di reflex 35mm... certo una Hasselblad su questa parte avrebbe maggiore versatilità.. anche se ho visto foto con Rolleiflex di paesaggio e natura strepitose!
"Se il fotografo non vede, la macchina fotografica non lo farà per lui" - Kenro Izu

Avatar utente
Acutanza Umbra
guru
Messaggi: 476
Iscritto il: 06/06/2011, 17:04
Reputation:

Rolleiflex biottica

Messaggio da Acutanza Umbra »

Carissimo Franny71
di seguito le mie risposte in caretteri normali alle tue argomentazioni in corsivo:

mi sembra che qui nessuno dia in assoluto un giudizio che taglia fuori una o l'altra fotocamera.
detto questo credo che ognuno di noi apprezzi il lato estetico in maniera differente.


Ma non era questo il senso? Mi sembra di aver capito però che si chiedeva se era meglio prendersi una Rolleiflex o una Hasselblad, quindi effettivamente cosa è meglio scegliere.

traggo molta soddisfazione anche da una zorki 4K con una lentina da 2 soldi.

Se è per questo anche Io, ma, ripeto, non mi sembra essere questo il punto.

Acutanza Umbra, il pippone non è riferito a te, ma è più generalizzato...

Ci mancherebbe :D

purtroppo quando sento chi è meglio di chi...

Ecco è questo il punto :ymhug:

Da quanto ho capito avete tutti una Rolleiflex (aiuto sono circondato :)) ) Vi faccio una domanda diretta allora: Avete mai utilizzato un'Hasselblad in montagna, in pianura in città, ovunque?
Inoltre vorrei ancora sfatare un mito legato ai prezzi "milionari" delle attrezzature Hasselblad. Questo era vero 10 anni fà quando però l'Hassy faceva guadagnare i matrimonialisti, no? Non credo che si possa dire la stessa cosa oggi se parliamo di usato, concordate almeno su questo?
Inoltre vogliamo confrontare i prezzi di una Hasselblad usata con un corredo digitale tipo NIKON D3 e due Zoom?

A riguardo degli MTF, chi bene inizia...

Avatar utente
PIERPAOLO
guru
Messaggi: 913
Iscritto il: 19/10/2010, 17:30
Reputation:

Re: Rolleiflex biottica

Messaggio da PIERPAOLO »

chiamato in causa cerco di dare la mia opinione in merito:

si tratta, con tutta evidenza e come già sottolineato, di due tipologie di apparecchi diversi e nati in epoche diverse: la Rollei ha aggirato diversi problemi negli anni Trenta con il doppio obiettivo ed è diventata sino agli anni sessanta la fotocamera preferita da molti fotografi per la maneggevolezza, sincronizzazione totale, silenziosità e qualità delle ottiche. Purtroppo la sua evoluzione verso l'interscambio di ottiche è stata osteggiata proprio da Heidecke per eccesso di perfezionismo (con il risultato della Tele e della Wide), mentre il troppo successo lo ha abbagliato, facendogli fare un accordo suicida con Victor Hasselblad, per dividersi il mercato.
Victor viceversa le ha imbroccate quasi tutte,(cambiando subito la tendina con l'otturatore centrale), compreso il cambio tra le ottiche Kodak a quelle Zeiss, con il risultato di creare un sistema vastissimo e di successo.
Come si evince la Rollei è una macchina storica, mentre l'Hasselblad è una macchina più moderna e flessibile, anzi alcuni suoi apparecchi, come la SWC sono miti immortali, e la scelta delle ottiche è veramente sterminata, mentre la Rollei si dibatte tra Planar e Tessar. Tralasciando teleobiettivi come il 250 Super Acrhomat, le ottiche macro specialistiche, oppure il 110/2 per la serie 2000, definito uno dei 10 migliori obiettivi di sempre.
Sulla qualità delle ottiche dei due sistemi non ne farei un campo di battaglia essendo ottimi entrambi.
La meccanica Rollei è tra le migliori della storia della tecnologia fotografica, ma la Hassy, pur complessa (e con il maledetto problema mai risolto del volet...) non è da meno, con materiali perfetti.
La Rollei certo è più usabile a mano libera (ma con la visione invertita, molto raramente ho visto una Rollei con pentaprisma) mentre la Hassy col pentaprisma è un apparecchio formidabile pronto per qualunque occasione. A questo proposito ho pubblicato su Nadir le mie foto in Antartide e la Hassy ne è uscita alla grande. Ma l'ho portata anche in Namibia e in Islanda (tanto per fare due esempi) sempre con ottimi risultati.Le dia proiettate su grande schermo fanno capire che i risultati ripagano degli sforzi. Occorre avere tuttavia sempre un cavalletto e una buona dose di pazienza col peso, cosa che la Rollei permette di superare con maggiore facilità.
Per i ritratti o qualche paesaggio la Rollei è una buona compagna, per una foto a tutto campo (ma con diversi obiettivi per avere senso) l'Hasselblad non ha rivali, come qualità dei risultati.
la soluzione perfetta era la Rollei SLX (e serie 6000 derivata): automatismo e motore di avanzamento rendevano queste Rollei favolose. Purtroppo le prime serie hanno avuto diversi problemi di elettronica ma si trattava di apparecchi eccezionali. C'era anche la possibilità di montare ottiche Schneider dalla resa impressionante.

Per finire: per il mio genere fotografico nel 6x6 (naturalistico e di viaggio) l'Hasselblad è imprescindibile, ma posso capire chi apprezza l'essenzialità di una Rollei biottica.

A ognuno la sua nicchia fotografica

Pierpaolo

ferod

Re: Rolleiflex biottica

Messaggio da ferod »

Acutanza Umbra, oltre alle 5 Rolleiflex ho Hasselblad ed altre, ma per come fotografo io l'Hasselblad resta quasi sempre a casa, ma appunto tutto dipende da come e cosa fotografiamo.

Avatar utente
isos1977
superstar
Messaggi: 1784
Iscritto il: 13/09/2011, 22:23
Reputation:
Località: Milano

Re: Rolleiflex biottica

Messaggio da isos1977 »

Acutanza Umbra ha scritto:Mi sembra di aver capito però che si chiedeva se era meglio prendersi una Rolleiflex o una Hasselblad, quindi effettivamente cosa è meglio scegliere.
Ma.. la mia domanda (che effetivamente è un po' strana!) nasceva dalla constatazione che in giro si trovano rolleiflex a prezzi molto elevati e talvolta maggiori di una hasselblad completa.. e questo mi sembrava strano proprio perchè considero la hasselblad un po' il top nel Medio Formato

per questo prima o poi mi piacerebbe averla, ma attualmente temo che la userei poco per il suo ingombro...
vngncl61 ha scritto: Me la sono sempre portata a zonzo, attaccata al collo, col 50/4 o con l'80/2.8, il cavalletto solo in occasioni particolari, col 180, quando non era possibile usare tempi sufficientemente rapidi. Quello del reporter con la Rollei, è un nostalgico, ed usurato, cliché, quelli che hanno fatto la storia del reportage, da Cartier Bresson a Capa, passando per W.E.Smith e Vaccaro e tanti altri, usavano le 35mm, mica tutti bazzicavano Via Veneto ;)
:-h
Ma come?? ho visto la foto del tuo corredo super minimalista e ora mi dici che andavi in giro con hasselblad al collo e obiettivi vari ? :D :D

venendo al reportage... penso che per definizione sia in 35mm e volendo seguire il clichè rigorosamente leica ;) ma volendo allargare sul MF il discorso era sul fatto che la rollei è oggettivamente più maneggevole e discreta
"Se il fotografo non vede, la macchina fotografica non lo farà per lui" - Kenro Izu

Avatar utente
Acutanza Umbra
guru
Messaggi: 476
Iscritto il: 06/06/2011, 17:04
Reputation:

Rolleiflex biottica

Messaggio da Acutanza Umbra »

Ferod,
La risposta è tra le righe di PIERPAOLO che quoto:
Come si evince la Rollei è una macchina storica, mentre l'Hasselblad è una macchina più moderna e flessibile
Poi l'Italia è un paese libero, Tu puoi fare quello che ti pare, però come ripeto non mi sembra essere questo il punto.
Il punto del post in cui sono intervenuto Io, (stà scritto Nero su bianco...ti ricorda qualcosa?) è che se dovessi consigliare Io, oggi il 7 Maggio 2012 cosa prendere come MEDIO FORMATO non consiglierei una ROLLEIFLEX con gli ZEISS azzurrati degli anni '60 ma una 500C/M con un bel 80mm CF e due magazzini. Tutte queste cose usate costano meno di 5 Rolleiflex, filtri paraluci ed accessori specifici che non devo comprare perchè posso utilizzare quelli universali che già ho. In più sono siciro che la resa degli ZEISS T* è un punto di arrivo ancora insuperato.
Tutto quà.Con questo concludo il mio intervento che spero abbia dato un contributo positivo alla discussione poichè questa era solo questa l'intenzione e non una gara a chi ha più "gingilli" o se gli MTF sono utili o inutili.

P.S. :-o
Scusate mi era sfuggito questo a cui non voglio sottrarmi:
parlare degli MTF per me non è importante, quello che conta è la resa che guardo con gli occhi,
Ecco, ti è mai capitato di guradare con gli occhi delle diapositive fatte con gli ZEISS T* che siano CONTAX o HASSELBLAD e confrontarle con altri sistemi che siano...quelli che ti pare?

ma se vogliamo fare i pignoli qui trovate gli MTF e fra i 2 Planar 2.8 Hasselblad e Rolleiflex le differenze sono nulle, mentre lo Xenotar devasta i Planar per non parlare dei Mamiya 7

Io stò parlando di Reflex medio formato non di altro, l'ho specificato molto chiaramente all'inizio del mio intervento.
La MAMIYA 7 è una medio formato a telemetro.
Vorrei ricordare che la progettazione di un ottica per un sistema Reflex è più complessa di una per un sistema a telemetro quindi ci sono più compromessi prestazionali nelle ottiche per i sistemi Reflex dovuti a problemi di tiraggio, ripagati dal fatto che utilizzi un sistema a visione diretta e non attraverso un mirino. Quindi non si potrebbero confrontare i SUMMICRON M con gli R, i SUPER ANGULON R con gli stessi o ELMARIT M, i PLANAR con i SUMMICRON M, i BIOGON con i DISTAGON etc. etc. etc.
Ultima modifica di Acutanza Umbra il 07/05/2012, 14:18, modificato 2 volte in totale.

Avatar utente
franny71
superstar
Messaggi: 2635
Iscritto il: 21/11/2011, 12:53
Reputation:
Località: Anzio (RM)

Re: Rolleiflex biottica

Messaggio da franny71 »

Acutanza Umbra ha scritto:concludo il mio intervento che spero abbia dato un contributo positivo alla discussione poichè questa era solo questa l'intenzione e non una gara a chi ha più "gingilli" o se gli MTF sono utili o inutili.
il tuo intervento è stato molto propositivo, e concordo che non se ne debba fare una guerra di religione.
io non ho una rolleiflex, nè tantomeno una hasselblad, mi contento della mia rolleicord.
credo che con l'intervento di pierpaolo, condivisibile o meno si sia snocciolata bene la questione...
ben vengano questi interventi, e con questi toni, servono a far meglio conoscere ciò che non si possiede.
Acutanza Umbra, ma un nome ce l'hai?
no, perchè ora che scrivo il tuo nick avete già scritto 2 post! :p
Franco
il mio Flickr

Я родилась даже не узнал

Telegram Vieni a scoprire il canale telegram di analogica.it - tantissime offerte su materiale fotografico analogico nuovo ed usato Offerte materiale analogico


Rispondi