Stampare files digitali su carta chimica

Discussioni su tecniche fotografiche, esposizione, sistema zonale, post produzione digitale ed altro

Moderatore: etrusco

delete190411

Stampare files digitali su carta chimica

Messaggioda delete190411 » 31/05/2013, 18:24

In una recente intervista a Gianni Berengo-Gardin riguardante le sue impressioni sulla nuova Leica Monochrome, il fotografo affermava che la risoluzione è veramente stupefacente, ma lui continuerà comunque a stampare i suoi files su cartoncino baritato con la vecchia tecnica della camera oscura.
Mi spiegate qual'è la procedura di stampa chimica partendo da un file digitale? Quale attrezzatura viene impiegata?



Advertisement
Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11604
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Stampare files digitali su carta chimica

Messaggioda Silverprint » 31/05/2013, 18:32

Ci sono almeno due modi...

Preparare un negativo di grande formato con la stampa ink-jet da usare a contatto.
Usare un foto-restitore, come lo sono tutti i "mini-lab" attuali, ma ci sono anche apparecchi più performanti con funzionamento simile.
C'è anche un ingranditore "digitale" che proietta attraverso una matrice LCD (o altro), ma la risoluzione essendo fissa, limita il formato di stampa.

Anni fa si usava il Pro-Palette di Polaroid, un apparecchietto che impressionava una lastra 4x5" partendo da file, forse ce ne sono ancora in uso, o ci sono apparecchi simili.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

delete190411

Re: Stampare files digitali su carta chimica

Messaggioda delete190411 » 31/05/2013, 18:40

Silverprint ha scritto:Ci sono almeno due modi...

Preparare un negativo di grande formato con la stampa ink-jet da usare a contatto.
Usare un foto-restitore, come lo sono tutti i "mini-lab" attuali, ma ci sono anche apparecchi più performanti con funzionamento simile.
C'è anche un ingranditore "digitale" che proietta attraverso una matrice LCD (o altro), ma la risoluzione essendo fissa, limita il formato di stampa.

Anni fa si usava il Pro-Palette di Polaroid, un apparecchietto che impressionava una lastra 4x5" partendo da file, forse ce ne sono ancora in uso, o ci sono apparecchi simili.

Scusa la mia ignoranza, ma come si fa a preparare un negativo di grande formato partendo da un 6x6?



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11604
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Stampare files digitali su carta chimica

Messaggioda Silverprint » 31/05/2013, 18:49

:)

Un tempo si facevano gli "internegativi" sia con apposita pellicola positiva, sia con doppio passaggio. Era uso abbastanza comune sia per produrre gigantografie partendo da negativi piccoletti, sia per utilizzare tecniche antiche che richiedono la stampa a contatto.

Ora, si può fare facendo prima una scansione del negativo, e poi come descritto sopra.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Advertisement
Avatar utente
.Leo.
guru
Messaggi: 556
Iscritto il: 23/08/2012, 18:15
Reputation:
Località: Livorno

Re: Stampare files digitali su carta chimica

Messaggioda .Leo. » 31/05/2013, 20:34

Silverprint ha scritto:[...]
C'è anche un ingranditore "digitale" che proietta attraverso una matrice LCD (o altro), ma la risoluzione essendo fissa, limita il formato di stampa.

Non che ce ne sia bisogno, ma ... confermo!
Prima di passare totalmente alla pellicola ho voluto provare le varie tecniche di stampa "fine art digitale".. La soluzione migliore provata è stata la stampa da ingranditore digitale!
usano queste macchine qua: http://www.de-vere.com/products.htm

Il risultato è veramente ottimo ma limitato al formato ottenibile dalle digitali. E' veramente costoso per attrezzarsi in proprio.. come , sempre in proprio, organizzarsi per stampare inkjet ai carboni.





  • Advertisement

Torna a “Tecniche fotografiche”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite