Strani sviluppi padovani: I need a help

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia a colori

Moderatori: Silverprint, chromemax

Avatar utente
Franz_Broken_82
appassionato
Messaggi: 17
Iscritto il: 29/12/2015, 19:36
Reputation:
Località: Padova
Contatta:

Strani sviluppi padovani: I need a help

Messaggioda Franz_Broken_82 » 04/01/2016, 16:50

Ragazzi,
di recente ho portato a un noto laboratorio padovano un rullino Washi X 400 35mm e l'ho ricevuto, sviluppato entro i termini previsti, con strani pallini/bollicine su tutto un lato del rullino.
I pallini sono regolari, più fitti all'inizio del rullino, meno fitti verso l'attaccatura della bobina.
Di seguito un link esterno all'immagine del film (link esterno a IG, scusate non sapevo come fare altrimenti) e una delle immagini scansionate (lo sfocato è voluto).

https://www.instagram.com/p/BAHzhkYo00S/

ImmagineStrange developments - 1 by Francesco Brocchi, su Flickr

I pallini non sono andati via lavando il film con il Tetenal film cleaner. Il trattamento non ha funzionato: i pallini non si sono neanche un po' sbiaditi.

In laboratorio mi hanno liquidato valutando queste come uniche ipotesi:
1) o era un problema di stoccaggio (da notare che i rullini Washi vengono forniti in un pacchetto saldato come i rullini 120 anziché il solito tubetto di plastica) da parte del distributore (Ars Imago) o del produttore del rullini;
2) oppure erano liquidi presenti nella mia macchina 8-| .

Non sono una persona brava ad argomentare e ho accettato il loro consiglio di scannerizzare i rullini all'incontrario, ma non è cambiato nulla.
Ho anche cercato all'interno della Minolta il componente per schizzare liquidi sulla pellicola, come ipotizzato dal noto laboratorio padovano, ma non l'ho trovato 8-|

Ho scritto a Washi, che mi ha risposto in 1-2 ore lavorative spiegandomi che hanno fatto produrre i rullini in un unico batch presso un produttore europeo e che non hanno visto casi simili. Piuttosto, per esperienza loro, è più probabile che si sia trattato di in un lavaggio incompleto del chimico di pulizia (ipotesi che, per non saper né leggere né scrivere, avevo immaginato appena ho preso in mano i rullini).

A voi è già successo qualcosa di simile? Avete idee?
Se sì, conoscete un modo per salvare il rullino?
Se sì e non ci sono soluzioni, ritenete che sia il caso di farmi valere di più con il laboratorio?

Grazie mille dell'attenzione.
Francesco



Advertisement
Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 9269
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: Strani sviluppi padovani: I need a help

Messaggioda chromemax » 04/01/2016, 17:09

Le macchie sono sul dorso se non ho visto male. Prova a passarci sopra un dito e sentire se sono in rilievo. Il Tetenal film cleaner va bene per le macchie grasse ma non credo abbia grandi capacità nel pulire residui secchi, quale sembra essere l'origine delle macchie.
Come prova potresti bagnare con un po' d'acqua demineralizzata un angolino di una cartina per pulire le ottiche e strofinare un po' sulle macchie per vedere se vengono via.
Nel caso venissero via con acqua o una soluzione blanda di acido acetico, prima di lavare la pellicola procurati mezzo litro di stabilizzatore C-41 in cui passare la pellicola come ultimo bagno (le pellicole a colori hanno bisogno dello stab altrimenti si deteriorano prima del tempo).
Non mi pronuncio su quanto dice il laboratorio, perché se avesse ragione comincerei a cercare un buon esorcista per macchine fotografiche.



Avatar utente
Franz_Broken_82
appassionato
Messaggi: 17
Iscritto il: 29/12/2015, 19:36
Reputation:
Località: Padova
Contatta:

Re: Strani sviluppi padovani: I need a help

Messaggioda Franz_Broken_82 » 05/01/2016, 0:09

Grazie chromemax. Ho provato con l'acqua e vanno via. Per completare la tua domanda, le macchie sono in rilievo e sono sul lato da cui si leggono i numeri per dritto.
In effetti avevo pensato di pulire il rullino con un sacco di cose, fuorché con l'acqua.
Grazie anche di aver ponderato la risposta sulla mia poca esperienza. Ero già pronto con il sapone per sciacquare gli sviluppi in bianco e nero. Cercherò il C-41 e salverò il rullino.

Resto solo perplesso, a questo punto, visto che il problema mi sembra fosse abbastanza riconoscibile, su come in una grossa catena di negozi di fotografia abbiano potuto rispondermi così (non solo l'addetto ma anche il vecchio ed esperto addetto allo sviluppo), senza riconoscere né il tipo di errore né che l'errore è loro, e appioppare a me la responsabilità dell'errore come nella peggior bottega di riparatori di tostapane.

Comunque buona serata e grazie ancora!
Francesco



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11612
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Strani sviluppi padovani: I need a help

Messaggioda Silverprint » 05/01/2016, 0:16

Franz_Broken_82 ha scritto:... in una grossa catena...


È quello il problema. Da sempre in fotografia i laboratori che lavorano bene sono piccoli artigiani. Quelli "industriali" si occupavano della grossa mole di rullini che le persone normali scattavano in vacanza. Oggi i laboratori industriali rimasti lavorano molto spesso peggio di quanto già facessero allora.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Advertisement
Avatar utente
popecide
guru
Messaggi: 407
Iscritto il: 16/09/2014, 11:54
Reputation:
Località: Padova

Re: Strani sviluppi padovani: I need a help

Messaggioda popecide » 05/01/2016, 8:21

Un errore peggiore su una panf (e non era una catena ma uno storico negozio, sempre padovano) mi convinse a dedicarmi personalmente alla cura delle mie pellicole...


Wendy, I'm home! (Jack Torrance)

Avatar utente
fenolo
guru
Messaggi: 517
Iscritto il: 20/10/2014, 12:58
Reputation:

Re: Strani sviluppi padovani: I need a help

Messaggioda fenolo » 05/01/2016, 8:45

Ora chiama il "noto laboratorio di Padova" e fagli il culo a stelle e strisce .



Avatar utente
-Sandro-
superstar
Messaggi: 5645
Iscritto il: 13/08/2010, 16:25
Reputation:
Località: Genova
Contatta:

Re: Strani sviluppi padovani: I need a help

Messaggioda -Sandro- » 05/01/2016, 9:11

fenolo ha scritto:Ora chiama il "noto laboratorio di Padova" e fagli il culo a stelle e strisce .


Sulla base di cosa? Una perizia giurata e asseverata?



Avatar utente
fenolo
guru
Messaggi: 517
Iscritto il: 20/10/2014, 12:58
Reputation:

Strani sviluppi padovani: I need a help

Messaggioda fenolo » 05/01/2016, 9:13

-Sandro- ha scritto:
fenolo ha scritto:Ora chiama il "noto laboratorio di Padova" e fagli il culo a stelle e strisce .


Sulla base di cosa? Una perizia giurata e asseverata?

Non hanno fatto bene il lavoro al cliente, senza perizia, ha lo scontrino se "dice" che al rientro erano così è evidente che è stato un problema del laboratorio. Glielo contesta e fine. Non c'è bisogno di arruolare nessun perito ma solo di dialogare.



Avatar utente
-Sandro-
superstar
Messaggi: 5645
Iscritto il: 13/08/2010, 16:25
Reputation:
Località: Genova
Contatta:

Re: Strani sviluppi padovani: I need a help

Messaggioda -Sandro- » 05/01/2016, 9:38

Ma tra "dialogare" e fare "il culo a stelle e strisce" c'è un abisso. Normalmente gli incapaci/indolenti hanno una buona carica di aggressività per difendere il cattivo operato, che riversano sul cliente, specie se si accorgono che è poco competente. Per potersi difendere occorrono argomenti validi, e saper confutare all'istante tutto il letame che tenteranno immancabilmente di riversare sul malcapitato. Esperienza di vita.



Avatar utente
fenolo
guru
Messaggi: 517
Iscritto il: 20/10/2014, 12:58
Reputation:

Re: Strani sviluppi padovani: I need a help

Messaggioda fenolo » 05/01/2016, 9:50

Allora Sandro, io sono abituato che se cerco un servizio e ottengo un disservizio, dato il mio stato di pagante ed "end user" come si vuol dire in inglese, devo contestare il lavoro commissionato.
Poi che abbia usato il termine bucolico "stelle e strisce" ne possiamo ragionare ma non metto in discussione che un lavoro fatto male venga contestato. Sarà poi il fornitore del servizio che dovrà smentire con fatti e conoscenza che il suo lavoro è stato fatto a regola d'arte oppure,come può in maniera sacrosanta capitare ammettere l'errore e tentare di rimediare e mantenersi il cliente.
Parlo con esperienza professionale dato che nella mia professione alla prima presunzione di errore ho almeno una decina di avvocati che sono pronti ( e stavolta non abuso il termine ) a farmi il culo a stelle e strisce





  • Advertisement

Torna a “Colore - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti