Sviluppo finegranulante

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: Silverprint, chromemax

Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 7442
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: Sviluppo finegranulante

Messaggioda chromemax » 06/11/2017, 16:51

negativo ha scritto:usando una per es. fp4 o qualsiasi altro 100 ASA avrei un risultato migliore, a meno che si cerca di ottenere qualcosa di diverso

Beh si, l'ho detto, cerco di ritrovare il "look" della vecchia Tri-X.
negativo ha scritto: Cromemax, d'accordo che non hai mai usato il Pyrocat HD ma c'è da dire che la quantità di carbonato presente e minima

Ho fatto un po' di conti e, se non ho fatto errori, in 500ml di soluzione di lavoro di Pyrocat HD 1+1+100, la quantità di carbonato di potassio è circa 2,5 volte la quantita di carbonato di sodio che c'è in 500ml di soluzione di ID-62 (sviluppo per carte simile al PQ-Universal) alla diluizione di 1+19 che è quella consigliata per le pellicole. Ho provato quest'ultimo con la fp-4 e la grana che ne è uscita non era proprio fine ne bella e del resto la stessa Ilford non consiglia l'uso del PQ-Universal per i film di piccolo e medio formato.
Grazie comunque :)



Advertisement
Avatar utente
Scordisk
fotografo
Messaggi: 82
Iscritto il: 04/01/2017, 18:07
Reputation:

Re: Sviluppo finegranulante

Messaggioda Scordisk » 06/11/2017, 17:04

chromemax ha scritto:Qualcuno conosce uno sviluppo finegranulante possibilmente non a base di solvente e che non perda troppa sensibilità ?
Grazie


Io decenni fa, usavo Atomal dalla DDR. Vedo che esiste la versione di produzione Adox, ora. Non saprei se sia a base di solvente o no. Quello che Atomal mi dava era grana molto fine e sensibilità quasi nominale.

Inoltre, usavo Microdol-X per pushing delle pellicole (mai sulle Ilford, il risultato era bruttino anche per sensibilità normali in stock o diluizione), sebbene questo sia a base di solvente. Trattavo Tri-X sui 650 ASA in Microdol-X stock con risultati fenomenali nel senso del corretto annerimento con qualche perdita di sharpness. Ma, il risultato di pushing con Microdol, mi dava molta sicurezza e pellicole non erano mai poco sviluppate!

Troppa sensibilità non si perde con D-23 (solo metolo e solfito) che, secondo me, da un risultato più che rappresentativo, non ammorbidisce la grana, non la fa drastica, tutto sommato, la pellicola rimane allo stato ideato del produttore.



Avatar utente
kiodo
guru
Messaggi: 307
Iscritto il: 21/09/2016, 17:07
Reputation:
Località: Bologna

Re: Sviluppo finegranulante

Messaggioda kiodo » 08/11/2017, 5:59

Una prova col Nucleol BF però la farei. Questa è una tmax 400, 6x4,5:
Immagine





  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite