Sviluppo T-MAX 400 @ 6400 ISO

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: chromemax, Silverprint

Avatar utente
MaxGiggs
fotografo
Messaggi: 53
Iscritto il: 03/02/2015, 14:54
Reputation:

Re: Sviluppo T-MAX 400 @ 6400 ISO

Messaggio da MaxGiggs »

@impressionando, continuo a non capire. Tuttavia posso supporre che tu ti riferisca al seguente passaggio
Inoltre estrapolando il dato presente sul devchart (http://www.digitaltruth.com/devchart.php?doc=pushproc) raddoppierei il tempo di sviluppo, ovvero 35 minuti.
ed al valore 1.85 (o 2.5) sotto la voce "Compensating Developer", al link da me segnalato.

Tuttavia in questo caso si tratterebbe di un malinteso, infatti io invece intendo una estrapolazione lineare dei dati relativi alle pellicole T-MAX sulla stessa pagina, ovvero 4 stop = x1.99 -- rispetto ai punti (1, 1), (2, 1.33), (3, 1.66).

Inoltre non capisco l'oggetto del contendere sullo sviluppo senza agitazione, dal momento che ho accettato il tuo consiglio.



Avatar utente
emigrante
guru
Messaggi: 1275
Iscritto il: 26/11/2012, 21:39
Reputation:
Località: Abruzzo

Re: Sviluppo T-MAX 400 @ 6400 ISO

Messaggio da emigrante »

Giusto per curiosità, se posso chiedere:
La pellicola la vuoi scansionare o stampare?
Come hai esposto?

Qualsiasi sarà la tua scelta di sviluppo sono curioso di vedere il risultato, se vorrai postarlo.

Comunque con tutta questa sottoesposizione temo che ti "annoierai" qualsiasi sarà la tua scelta di sviluppo.

Ciao

Marco

PS: se non lo hai già fatto dovresti passare dalla sezione apposita e presentarti, qui ci tengono parecchio a sta cosa.

Avatar utente
impressionando
superstar
Messaggi: 5360
Iscritto il: 28/08/2011, 11:08
Reputation:
Località: Reggio Emilia

Re: Sviluppo T-MAX 400 @ 6400 ISO

Messaggio da impressionando »

Ok, lasciamo perdere le sbrodaglie onomatopeiche...... poi se volete continuo a sputaci sopra :ymdevil:
Il fatto è che per sviluppare quella pellicola hai bisogno di un rivelatore energico poi se è anche compensatore ti darà una mano a non straforare le luci. Il fatto che dovrà essere energico preclude qualsiasi discorso sulle diluizioni..... se vorrai usare il Rodianl dovrà essere 1+25..... il Microphen stock ecc....
Più allunghi il tempo più aumenta la grana e tutti gli annessi e connessi

Avatar utente
MaxGiggs
fotografo
Messaggi: 53
Iscritto il: 03/02/2015, 14:54
Reputation:

Re: Sviluppo T-MAX 400 @ 6400 ISO

Messaggio da MaxGiggs »

Il fatto è che per sviluppare quella pellicola hai bisogno di un rivelatore energico poi se è anche compensatore ti darà una mano a non straforare le luci. Il fatto che dovrà essere energico preclude qualsiasi discorso sulle diluizioni..... se vorrai usare il Rodianl dovrà essere 1+25.
Grazie mille per questa precisazione che, non solo mi chiarisce il senso delle risposte precedenti, ma mi salva dal prendere una bella cantonata -- oltre che mettere in luce la mia confusione sull'argomento!
Più allunghi il tempo più aumenta la grana e tutti gli annessi e connessi
Quindi suggerisci addirittura di utilizzare il tempo di sviluppo indicato sulla confezione del Rodinal, senza seguire le indicazioni su devchart per pellicole sottoesposte?
La pellicola la vuoi scansionare o stampare?
Come hai esposto?
Vorrei stamparla, naturalmente posto che ne valga la pena. Ho scattato in priorità di apertura con misurazione valutativa della esposizione (utilizzo una Canon 1N). La scena consisteva nei mezzi busti dei musicisti ed era illuminata piuttosto uniformemente da alcuni faretti (compresa la scenografia).
Qualsiasi sarà la tua scelta di sviluppo sono curioso di vedere il risultato, se vorrai postarlo.
Naturale, sarò felicissimo di condividere i risultati, qualsiasi essi siano.
Comunque con tutta questa sottoesposizione temo che ti "annoierai" qualsiasi sarà la tua scelta di sviluppo.
Temo che tu abbia perfettamente ragione, tuttavia come ho detto considero questa pellicola come un esperimento (benché sarei felicissimo di scoprire che, grazie ai vostri preziosi consigli, ne è uscito qualcosa di buono)
PS: se non lo hai già fatto dovresti passare dalla sezione apposita e presentarti, qui ci tengono parecchio a sta cosa.
Hai perfettamente ragione, una gaffe imperdonabile da parte mia. Riparo immediatamente.

Avatar utente
impressionando
superstar
Messaggi: 5360
Iscritto il: 28/08/2011, 11:08
Reputation:
Località: Reggio Emilia

Re: Sviluppo T-MAX 400 @ 6400 ISO

Messaggio da impressionando »

Ti suggerisco di utilizzare la diluizione minima e di sviluppare per il tempo sufficiente a rendere le luci buone per la stampa. Tradotto in soldoni la vera luce che ha preso la tua pellicola renderebbe le luci grige..... allunghi il tempo per renderle bianche. Ergo il tempo va aumentato per rendere le luci bianche e i mezzitoni coerenti. Mai nulla uscirà dalle ombre nemmeno sviluppando per tre ore con l'Acqua Santa.
Il tiraggio è una sottoesposizione con aumento del tempo di sviluppo per riallineare le luci alla giusta densità per renderle bianche in stampa coerentemente con i mezzitoni.
Il Rodinal comunque lo accantonerei per questo impiego... renderà le luci sparate e granose.

Avatar utente
MaxGiggs
fotografo
Messaggi: 53
Iscritto il: 03/02/2015, 14:54
Reputation:

Re: Sviluppo T-MAX 400 @ 6400 ISO

Messaggio da MaxGiggs »

@impressionando Ti ringrazio moltissimo! Ora ho davvero le idee più chiare -- oltre che aver riso di pancia per la battuta sull'Acqua Santa =))

Avatar utente
MaxGiggs
fotografo
Messaggi: 53
Iscritto il: 03/02/2015, 14:54
Reputation:

Re: Sviluppo T-MAX 400 @ 6400 ISO

Messaggio da MaxGiggs »

Ieri ho potuto finalmente sviluppare la pellicola oggetto della discussione. Ho utilizzato un sviluppo non stand, con diluizione minima consigliata ed un tempo di sviluppo doppio -- per riepilogare R09 @ 1+25 e 12 minuti con un paio di inversioni ogni 60 sec. Ovviamente è stato un fallimento (ma questo se lo aspettavano tutti, me compreso).

Tuttavia lo considero un mio fallimento, infatti da un esame dei negativi penso che fosse possibile ricavarne qualcosa di accettabile ed appena mi sarà possibile ripeterò l'esperimento. Nel caso in cui mi sbagliassi penso che, in quanto esperimento, non potrei comunque definirlo così: nel senso che, per farla breve, avrei imparato che con 4 stop in meno su una T-MAX 400 non si ricava niente!

Come promesso posterò al più presto i risultati (forse potrei riuscire ad allegare le scansioni entro oggi).

Tuttavia per i tentativi di stampa sarei costretto a resuscitare la discussione fra una settimana e considerato che vorrei chiedervi consigli per la stampa di negativi fortemente sottoesposti, plausibilmente aprirò una nuova discussione. Grazie ancora a tutti!

Avatar utente
Pacher
superstar
Messaggi: 3012
Iscritto il: 22/01/2013, 22:12
Reputation:
Località: purosangue Trentino

Re: Sviluppo T-MAX 400 @ 6400 ISO

Messaggio da Pacher »

MaxGiggs ha scritto:Come promesso posterò al più presto i risultati (forse potrei riuscire ad allegare le scansioni entro oggi).
Una foto del negativo contro una superficie bianca è molto piu utile di una scansione.
MaxGiggs ha scritto: avrei imparato che con 4 stop in meno su una T-MAX 400 non si ricava niente!
sono 5 stop forse anche di piu.

Avatar utente
MaxGiggs
fotografo
Messaggi: 53
Iscritto il: 03/02/2015, 14:54
Reputation:

Re: Sviluppo T-MAX 400 @ 6400 ISO

Messaggio da MaxGiggs »

@Pacher, grazie per la dritta sulla scansione! Tuttavia, perché 5 stop? 6400=400*2^4, ovvero 4 stop, no?

Avatar utente
garellix
guru
Messaggi: 300
Iscritto il: 03/05/2014, 22:08
Reputation:
Località: Lecco

Re: Sviluppo T-MAX 400 @ 6400 ISO

Messaggio da garellix »

penso che si riferisca alla sensibilita effettiva della pellicola che è intorno alle 200-160 iso
...sono curioso fa parte del mio essere...(%) mi chiamo Andrea non Garellix!

Telegram Vieni a scoprire il canale telegram di analogica.it - tantissime offerte su materiale fotografico analogico nuovo ed usato Offerte materiale analogico


Rispondi