T-Max 400 vs HP5 vs Fuji Neopan 400

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: Silverprint, chromemax

delete190411

T-Max 400 vs HP5 vs Fuji Neopan 400

Messaggioda delete190411 » 11/11/2012, 19:04

Secondo voi quale delle tre pellicole possiede:
1-Maggior latitudine di posa
2-Contrasto più "secco", deciso
3-Maggiore tolleranza all'errore di esposizione

Il tutto, ovviamente, sviluppato con il medesimo rivelatore per il medesimo tempo.



Advertisement
Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11687
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: T-Max 400 vs HP5 vs Fuji Neopan 400

Messaggioda Silverprint » 11/11/2012, 19:28

Il contrasto o latitudine di posa dipende dall'energia dello sviluppo, non dalla pellicola, insomma non sono queste le caratteristiche che distinguono maggiormente una pellicola dalle altre.
Tutte e tre le pellicole citate possono produrre ampie variazioni di latitudine di posa e contrasto.

Delle tre l'HP-5+ è quella con la spalla più precoce, ovvero quella che entra prima in difficoltà di fronte ad una scena che presenti contrasto molto elevato o che maggiormente può soffrire gli sviluppi compensatori perdendo capacità di modulare i toni più chiari. Il limite è comunque piuttosto elevato.

Nessuna pellicola digerisce errori in sottoesposizione (anche piccoli), errori in sovra-esposizione, per quanto detto sopra, vengono meglio tollerati dalla T-max 400 e dalla Neopan 400.

In genere per produrre uguale contrasto (latitudine di posa) su pellicole diverse è necessario usare tempi di sviluppo diversi. A parità di tempo di sviluppo e non di contrasto ottenuto non ha alcun senso paragonare pellicole diverse.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
Maucas69
guru
Messaggi: 384
Iscritto il: 05/04/2012, 18:53
Reputation:
Località: Cosenza/Napoli

Re: T-Max 400 vs HP5 vs Fuji Neopan 400

Messaggioda Maucas69 » 12/11/2012, 0:08

Scusami, Silverprint, riallacciandomi all'altro post (esporre per le ombre e sviluppare per le luci): presumo che sovra-esponendo in ripresa, il tempo di sviluppo debba rimanere uguale...?! O sbaglio?


Chi guarda una mia fotografia sta guardando i miei pensieri.(Mimmo Iodice)
Un negativo e' per sempre. (Kodak?! :-))

Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11687
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: T-Max 400 vs HP5 vs Fuji Neopan 400

Messaggioda Silverprint » 12/11/2012, 1:11

Ciao Maucas!

Non scusarti, di cosa poi?
La domanda non è per nulla banale, anzi è molto interessante.

Maucas69 ha scritto:presumo che sovra-esponendo in ripresa, il tempo di sviluppo debba rimanere uguale...?! O sbaglio?

Direi che dipende... se la sovra-esposizione è modesta nella maggior parte dei casi non è necessario intervenire, ma se invece è più decisa evitare di produrre negativi molto densi è utile. Va anche considerato che riducendo il tempo di sviluppo la spalla tenderà (quasi sempre) a posizionarsi su valori di esposizione più alti consentendo alla pellicola di modulare ancora anche a livelli di esposizione (potenzialmente) davvero elevati.
Bisognerebbe anche evitare i rivelatori compensatori che potrebbero pregiudicare la capacità di modulare a livelli di esposizione sostenuti. Ci sono poi rivelatori che non sfruttano bene la sensibilità che possono tornar comodi.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Advertisement
Avatar utente
Maucas69
guru
Messaggi: 384
Iscritto il: 05/04/2012, 18:53
Reputation:
Località: Cosenza/Napoli

Re: T-Max 400 vs HP5 vs Fuji Neopan 400

Messaggioda Maucas69 » 12/11/2012, 10:36

Silverprint ha scritto:Ciao Maucas!

Non scusarti, di cosa poi?
La domanda non è per nulla banale, anzi è molto interessante.

Maucas69 ha scritto:presumo che sovra-esponendo in ripresa, il tempo di sviluppo debba rimanere uguale...?! O sbaglio?

Direi che dipende... se la sovra-esposizione è modesta nella maggior parte dei casi non è necessario intervenire, ma se invece è più decisa evitare di produrre negativi molto densi è utile. Va anche considerato che riducendo il tempo di sviluppo la spalla tenderà (quasi sempre) a posizionarsi su valori di esposizione più alti consentendo alla pellicola di modulare ancora anche a livelli di esposizione (potenzialmente) davvero elevati.
Bisognerebbe anche evitare i rivelatori compensatori che potrebbero pregiudicare la capacità di modulare a livelli di esposizione sostenuti. Ci sono poi rivelatori che non sfruttano bene la sensibilità che possono tornar comodi.

Attualmente sto' usando Kodak T-Max 400 in Tetenal Ultrafin Plus. Quindi non sarebbe un'accoppiata "giusta" ? E,se posso,quali abbinamenti per la tua esperienza consiglieresti? Soprattutto quale rivelatore per la T-Max,dal momento che ne ho ancora una decina di rullini.....?
Grazie ancora!!


Chi guarda una mia fotografia sta guardando i miei pensieri.(Mimmo Iodice)
Un negativo e' per sempre. (Kodak?! :-))

Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11687
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: T-Max 400 vs HP5 vs Fuji Neopan 400

Messaggioda Silverprint » 12/11/2012, 17:53

Ciao!

Non conosco l'Ultrafin Plus, perché dici che direi che non è giusto? :))

La nuova T-max 400 la conosco ancora poco, è molto diversa dalla precedente, non mi pare presenti più quelle criticità che rendevano la scelta del rivelatore "difficile".

Io credo che, a meno di esigenze (o rivelatori) particolari, conti assai di più come il rivelatore viene usato di quale sia.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp



  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti