Tank e temperatura

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: chromemax, Silverprint

Avatar utente
nepalese
guru
Messaggi: 470
Iscritto il: 03/02/2012, 15:38
Reputation:

Tank e temperatura

Messaggio da nepalese »

Apro un nuovo post per trattare questo argomento; spero possa interessare.

Durante i vari test che sto facendo sulla Acros, mi sono reso conto che la temperatura dei chimici non rimane costante; parlo principalmente dello sviluppo, il cui aumento di temperatura porta ad un prograssivo aumento di densità soprattutto, come sappiamo, sulle alte luci.

Questa variabile non mi permette di rendere ripetibili i test!


Come devo comportarmi?

Per ora utilizzo il sistema bagnomaria immergendo, in una grande bacinella colma d'acqua a 20 gradi, i tre cilindri graduati con le tre soluzioni di sviluppo, arresto e fissaggio anch'essi a 20 gradi. Nonostante il caldo di questi giorni, la temperatura dei vari bagni rimane a lungo costante. Il problema si verifica nel momento in cui immergo il primo bagno di sviluppo nella tank; pur tenendola a bagnomaria durante il processo di sviluppo, il bagno, una volta terminato e riversato nel cilindro graduato, risulta essere a 21 o 22 gradi.

Vorrei capire se il problema si verifica al momento stesso del riversaggio in tank (magari le pareti della tank e la spirale alzano la temperatura), o progressivamente durante il processo di sviluppo (magari a causa dei ribaltamenti uniti ai motivi precedentemente descritti).

Insomma, potreste consigliarmi un modo di operare valido che permetta di avere una temperatura costante e soprattutto di rendere ripetibili i test?


Ciao, Ale



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11913
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Tank e temperatura

Messaggio da Silverprint »

Ciao Ale!

Minosse, Caronte... che stress, col caldo non dormo, altro che sviluppo che sballa! :))

Penso che lo sviluppo si scaldi per via della tank e delle spirali "roventi", il bagno maria funziona.
Forse tenere la tank carica a bagno per qualche minuto prima di cominciare potrebbe bastare.
Se non dovesse bastare si potrebbe provare un rapidissimo pre-bagno, un minuto circa, tanto per freddare il tutto, ricordandosi che poi andrà fatto sempre. Come sai non amo tanto il pre-bagno, ma se molto breve...
Altra cosa da provare è lavorare a 24°C, d'estate sicuramente aiuta e d'inverno, se la camera oscura ha temperature abitabili, non complica troppo.
Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it
[email protected]

Avatar utente
franny71
superstar
Messaggi: 2635
Iscritto il: 21/11/2011, 12:53
Reputation:
Località: Anzio (RM)

Re: Tank e temperatura

Messaggio da franny71 »

Andrea, ci sono delle differenze di resa tra 20 e 24°?
so benissimo che il tempo sarà più breve, ma contrasto e toni restano uguali?
c'è da cambiare metodologia di lavoro (agitazioni)?
per sviluppi già brevi a 20° come ci si dovrebbe comportare?
scusa le mille domande, ma non ho mai provato, e in questo periodo sarebbe molto utile poter sviluppare con temperature più alte.
Franco
il mio Flickr

Я родилась даже не узнал

Avatar utente
paolob74
guru
Messaggi: 820
Iscritto il: 30/05/2010, 10:48
Reputation:

Re: Tank e temperatura

Messaggio da paolob74 »

Tenere la tank e pellicola nel frigorifero per qualche minuto?

Ovviamente bisognerebbe misurare il tempo di permanenza al freddo e vedere la temperatura del chimico in uscita...

Ma la temperatura è cosi fondamentale anche per arresto e fissaggio?

Avatar utente
franny71
superstar
Messaggi: 2635
Iscritto il: 21/11/2011, 12:53
Reputation:
Località: Anzio (RM)

Re: Tank e temperatura

Messaggio da franny71 »

paolob74 ha scritto:
Ma la temperatura è cosi fondamentale anche per arresto e fissaggio?
mi pare di capire di no, certo non devono esserci 10° di differenza, ma un paio li sopporta tranquillamente nei miei "test" irripetibili. :p
Franco
il mio Flickr

Я родилась даже не узнал

Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11913
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Tank e temperatura

Messaggio da Silverprint »

franny71 ha scritto:Andrea, ci sono delle differenze di resa tra 20 e 24°?
Si ci sono, variabili a seconda delle combinazioni. Cambia un po' l'andamento della curva caratteristica.
Il cambiamento dipende sia dalla temperatura in sé, sia dal variare di "attività" dei vari componenti chimici del rivelatore che non è uniforme rispetto alla variazione di temperatura.
franny71 ha scritto:So benissimo che il tempo sarà più breve, ma contrasto e toni restano uguali?
Il contrasto può essere mantenuto riducendo il tempo, i toni cambiano leggermente.
franny71 ha scritto:C'è da cambiare metodologia di lavoro (agitazioni)?
No.
franny71 ha scritto:Per sviluppi già brevi a 20°C come ci si dovrebbe comportare?
Si aumenta la diluizione, la riduzione di tempo da 20°C a 24°C è consistente.

@paolo, il frigo lo scarterei, funziona certamente, ma mi pare poco ripetibile.

La temperatura sarebbe meglio non cambiasse (specialmente a salti) durante la lavorazione, lavaggio incluso. Ci sono pellicole e accoppiate pellicola-rivelatore che rendono la gelatina assai sensibile.
Il pericolo grande è la reticolatura, che in effetti è un fenomeno raro e di solito richiede sbalzi consistenti, ma comunque gli stress termici possono essere visibili come calo di nitidezza.

Un aneddoto... La tri-x normalmente è praticamente non reticolabile, ci ho provato anche passando da acqua e ghiaccio ad acqua quasi bollente, niente. Poi una volta tanto per pasticciare provavo il Dixactol con la Jobo a 24°C (il dixactol non è adatto all'agitazione continua) e per fretta (altri rulli da metter su) ho tolto prima del lavaggio e lavato a mano a 20°C... risultato? Si è reticolata mostruosamente! :))
Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it
[email protected]

Avatar utente
nepalese
guru
Messaggi: 470
Iscritto il: 03/02/2012, 15:38
Reputation:

Re: Tank e temperatura

Messaggio da nepalese »

Silverprint ha scritto:Ciao Ale!

Minosse, Caronte... che stress, col caldo non dormo, altro che sviluppo che sballa! :))
Beh Andrea, in tal caso la soluzione è facile...un bel condizionatore e vai :D
Silverprint ha scritto:Penso che lo sviluppo si scaldi per via della tank e delle spirali "roventi", il bagno maria funziona.
Forse tenere la tank carica a bagno per qualche minuto prima di cominciare potrebbe bastare.
Se non dovesse bastare si potrebbe provare un rapidissimo pre-bagno, un minuto circa, tanto per freddare il tutto, ricordandosi che poi andrà fatto sempre. Come sai non amo tanto il pre-bagno, ma se molto breve...
Ok, grazie Andrea; proveró in questi due modi...prima il bagnomaria della tank e poi, eventualmente, anche il pre-bagno :-bd



Vi faccio sapere;)


Ale

Avatar utente
nepalese
guru
Messaggi: 470
Iscritto il: 03/02/2012, 15:38
Reputation:

Re: Tank e temperatura

Messaggio da nepalese »

paolob74 ha scritto:Tenere la tank e pellicola nel frigorifero per qualche minuto?

Ovviamente bisognerebbe misurare il tempo di permanenza al freddo e vedere la temperatura del chimico in uscita...

Ma la temperatura è cosi fondamentale anche per arresto e fissaggio?
Paolo, tu che usi la Jobo con termostato e che fai il pre-bagno, hai avuto modo di confrontare la temperatura dello sviluppo in entrata e in uscita?


Dai facci sapere...ma sappi che potresti costringerci a prendere in considerazione il suo acquisto! Oh no, altre spese :((


Ciao, Ale :-bd

Avatar utente
fabrizio979
fotografo
Messaggi: 95
Iscritto il: 13/12/2010, 15:12
Reputation:
Località: Catania

Re: Tank e temperatura

Messaggio da fabrizio979 »

Silverprint ha scritto:Ciao Ale!

Minosse, Caronte... che stress, col caldo non dormo, altro che sviluppo che sballa! :))

Penso che lo sviluppo si scaldi per via della tank e delle spirali "roventi", il bagno maria funziona.
Forse tenere la tank carica a bagno per qualche minuto prima di cominciare potrebbe bastare.
Se non dovesse bastare si potrebbe provare un rapidissimo pre-bagno, un minuto circa, tanto per freddare il tutto, ricordandosi che poi andrà fatto sempre. Come sai non amo tanto il pre-bagno, ma se molto breve...
Altra cosa da provare è lavorare a 24°C, d'estate sicuramente aiuta e d'inverno, se la camera oscura ha temperature abitabili, non complica troppo.
Quoto. Ho sviluppato quattro pellicole recentemente, un tri-x 400 e tre kentmere (due 400 ed una 100). D'estate conviene sviluppare a 24 gradi. Ho usato id-11 stock, tenuto in frigorifero. Faccio salire la temperatura dello sviluppo fino a 22 gradi e mezzo, poi verso nella tank, che si trova a temperatura ambiente. In questo modo la temperatura sale quasi istantaneamente a 24 gradi, e regge bene, anche perche' i tempi di sviluppo sono sensibilmente ridotti rispetto ai 20 gradi, insomma ce la si fa.

Ad ogni modo, tengo del ghiaccio secco a bagno in acqua dentro la pilozza, non si sa mai, se la temparatura tende ai 25 gradi, vado di bagno maria.

Non tutto va sempre per il verso giusto, per la 100 devo aver sbagliato la temperatura di partenza, durante lo sviluppo la temperatura e' schizzata a 26 gradi, ed in pratica ho rovinato la pellicola, che risulta eccessivamente sovrasviluppata.

In inverno, non avendo riscaldamento, lavoro tranquillamente a 20 gradi, ma d'estate lo sconsiglio proprio, a meno che non si abbia un'ambiente dotato di potente condizionatore, caso ovviamente non mio.

Avatar utente
Picco
appassionato
Messaggi: 8
Iscritto il: 13/07/2012, 9:05
Reputation:

Re: Tank e temperatura

Messaggio da Picco »

Io pure tengo tutto a bagno maria a 20 gradi e ho notato lo stesso problema.

Mi sono regolato misurando la temperatura all' interno della tank dopo un paio di minuti e aggiustando il tempo di sviluppo con la tabella di compensazione ilford.
Sempre tenendo a bagno maria la tank ho visto che la temperatura dello sviluppo è rimasta poi costante fino alla fine a 22 gradi.

Probabilmente non è perfettamente ripetibile ma come metodo mi sembra funzionare, o c'è qualcosa di sbagliato ?

Telegram Vieni a scoprire il canale telegram di analogica.it - tantissime offerte su materiale fotografico analogico nuovo ed usato Offerte materiale analogico


Rispondi