Tecnica di lavaggio e asciugatura foto baritate

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: Silverprint, chromemax

Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 8396
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: Tecnica di lavaggio e asciugatura foto baritate

Messaggioda chromemax » 04/03/2017, 18:13

La mia lavatrice ha un indicatore di flusso che indica il flusso d'acqua ottimale per il lavaggio e scarica in una vasca da bagno; dopo 30 minuti di lavaggio (metodo descritto qualche messaggio sopra), la vasca da bagno è piena per metà, più o meno il quantitativo d'acqua usato per un bagno, oppure all'incirca quello per 2 o 3 docce (dipende da quanto si è parsimoniosi).
La conservazione delle stampe è un concetto relativo e personale e andrebbe valutato da ogni fotografo anche in funzione della destinazione delle stampe stesse, considerando che una stampa si può facilmente rifare (un negativo no). Provini sottoposti ad un lavaggio quantificabile in secondi dopo due anni non sono ancora ingialliti; le mie prime stampe fatte quando ero ragazzino e il "lavaggio" era una cosa poco simpatica anche per le mie stampe, sono ancora lì dopo quasi quarant'anni, magari alcune non sono "freschissime" ma di certo non si sono disintegrate.



Advertisement
Avatar utente
luciano.xxk
esperto
Messaggi: 187
Iscritto il: 02/01/2014, 13:37
Reputation:

Re: Tecnica di lavaggio e asciugatura foto baritate

Messaggioda luciano.xxk » 04/03/2017, 20:20

chromemax ha scritto:... le mie prime stampe fatte quando ero ragazzino e il "lavaggio" era una cosa poco simpatica anche per le mie stampe, sono ancora lì dopo quasi quarant'anni, magari alcune non sono "freschissime" ma di certo non si sono disintegrate.


Confermo, stessa identica esperienza.

Le prime foto 10x15 le feci nel 1976 su una vecchia brovira probabilmente scadutissima, lavata chissà come nel lavandino.

A parte un paio, un pò ingiallite, sono ancora lì, uguali ad allora.

Mai più vista una foto rovinata dall'iposolfito, dopo, e non posso certo dire di averle sempre lavate da manuale, specie nei primi anni dell'hobby.

Aggiungo che quando ero più giovane, nel circolo della mia città, c'era un socio che faceva foto di un certo fascino evitando apposta ogni lavaggio dopo il fix per svariati giorni, lasciando anche le foto variamente appiccicate tra loro.

Solo dopo, quando erano saltati fuori quegli effetti in pò casuali che andava cercando, sottoponeva le stampe ad un lavaggio come si deve.



Fabio Pasquarella
esperto
Messaggi: 272
Iscritto il: 31/07/2016, 20:51
Reputation:

Re: Tecnica di lavaggio e asciugatura foto baritate

Messaggioda Fabio Pasquarella » 04/03/2017, 22:48

adrian ha scritto:faccia in giù sul vetro si incollano!


uhm, veramente un paio di volte l'ho fatto senza alcun problema, ma non ricordo se s'arricciano di meno, non ci ho fatto caso





  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 8 ospiti