Tecniche di mascherature ed esposizione localizzata

Discussioni su tecniche fotografiche, esposizione, sistema zonale, post produzione digitale ed altro

Moderatore: etrusco

Fabio Pasquarella
esperto
Messaggi: 272
Iscritto il: 31/07/2016, 20:51
Reputation:

Tecniche di mascherature ed esposizione localizzata

Messaggioda Fabio Pasquarella » 13/11/2016, 12:50

Salve a tutti,

dunque sto imparando i primi rudimenti di mascheratura e bruciatura e mi chiedevo fin dove ci si possa spingere. Mi spiego meglio: in letteratura ci si propone di non superare il 20% sul tempo totale di esposizione in modo da poter dissimulare efficacemente ogni parvenza di intervento. Ovviamente se è stato stabilito questo in seguito a decenni di esperienze da parte di professionisti sono orientato a seguire la lezione. Ed è pure vero, credo, che se si rendesse necessario intervenire ulteriormente non si tratterebbe quasi mai di azioni interpretative ma di vere e proprie correzioni in seguito a carenze del negativo. Eppure mi capitano dei casi limite, diciamo un po' imposti dall'uso della pellicola, in cui mi sarebbe davvero comodo poter agire più a fondo con azioni correttive. Ad esempio cieli molto contrastati che vorrei rendere più morbidi ma che non ho, o non ho voluto, correggere con lo sviluppo (presenza nella medesima pellicola di altre immagini meno contrastate e comunque per me importanti, etc). Il punto è che anche con bruciature con filtri morbidi su carta multigrade non riesco ad abbassare il contrasto del cielo come vorrei per via di questo "limite" del 20%. Vorrei in casi estremi poter fare delle esposizioni con contrasti diversi e su zone diverse dell'immagine previa leggera esposizione di tutto il negativo. Ora, in linea di principio sono contrario a manipolazioni così profonde, però appunto mi chiedevo se ciò fosse possibile, se qualcuno ha provato e che tecniche ha usato.

grazie



Advertisement
Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11273
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Tecniche di mascherature ed esposizione localizzata

Messaggioda Silverprint » 13/11/2016, 14:37

Questa storia del 20% è una stupidaggine. :)


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Fabio Pasquarella
esperto
Messaggi: 272
Iscritto il: 31/07/2016, 20:51
Reputation:

Re: Tecniche di mascherature ed esposizione localizzata

Messaggioda Fabio Pasquarella » 13/11/2016, 17:02

Silverprint ha scritto:Questa storia del 20% è una stupidaggine. :)


perfetto...e? :))



Avatar utente
Slowhand78
esperto
Messaggi: 182
Iscritto il: 14/06/2013, 22:14
Reputation:
Località: Prato

Re: Tecniche di mascherature ed esposizione localizzata

Messaggioda Slowhand78 » 13/11/2016, 17:03

Prova a leggere qua.
post12649.html?hilit=PRE VELATURA#p12649


Daniele

Advertisement
Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11273
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Tecniche di mascherature ed esposizione localizzata

Messaggioda Silverprint » 13/11/2016, 17:05

Brucia quanto ti pare. Finché regge, regge. C'è or ora un mio studente in camera oscura che sta bruciando un pezzettino di cielo tra gli edifici per oltre due stop e... gli viene benissimo. :)

Immagine

A DX quella con gli interventi.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Fabio Pasquarella
esperto
Messaggi: 272
Iscritto il: 31/07/2016, 20:51
Reputation:

Re: Tecniche di mascherature ed esposizione localizzata

Messaggioda Fabio Pasquarella » 13/11/2016, 17:21

Slowhand78 ha scritto:Prova a leggere qua.
post12649.html?hilit=PRE VELATURA#p12649


ti ringrazio, ma quello che chiedevo era una cosa leggermente diversa, parlavo di esporre quasi totalmente zone circoscritte con gradi di filtratura differenti, ovvero ottenere una gamma dei toni diversa, non solo per quelli chiari. E nello specifico mi chiedevo fin dove ci si possa spingere, non ho confronti con altre persone, sono un autodidatta, e non so quelli bravi come operano e i limiti che si pongono. Ho letto solo di questo fatidico 20% un po' ovunque, compreso nella "Stampa" di Ansel Adams.



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11273
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Tecniche di mascherature ed esposizione localizzata

Messaggioda Silverprint » 13/11/2016, 17:23

Ho appena caricato l'immagine.

Esp base 20" GD 1.5
Bruciatura a dx 10 + 10
Bruciatura cielo 25 + 20 GD 0
Mascheratura omino 20" con tampone piccino.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Fabio Pasquarella
esperto
Messaggi: 272
Iscritto il: 31/07/2016, 20:51
Reputation:

Re: Tecniche di mascherature ed esposizione localizzata

Messaggioda Fabio Pasquarella » 13/11/2016, 17:26

Silverprint ha scritto:Ho appena caricato l'immagine.


caspita, vedo! E prevedo pure tanti ordini di carta :)



Avatar utente
.Leo.
guru
Messaggi: 556
Iscritto il: 23/08/2012, 18:15
Reputation:
Località: Livorno

Re: Tecniche di mascherature ed esposizione localizzata

Messaggioda .Leo. » 13/11/2016, 17:52

Ci si spinge dove si vuole..

IMG.jpg


Pensa in questo controluce quanti stop ci sono da dentro a fuori.. eppure si mantiene dettaglio ovunque!
(questa è una stampa di lavoro..dove ho lavorato soltanto sulla porta ci sono altri interventi su quella definitiva)



Avatar utente
stefnerv
guru
Messaggi: 510
Iscritto il: 07/09/2013, 14:01
Reputation:
Località: milano

Re: R: RE: Re: Tecniche di mascherature ed esposizione localizzata

Messaggioda stefnerv » 13/11/2016, 21:58

Silverprint ha scritto:Ho appena caricato l'immagine.

Esp base 20" GD 1.5
Bruciatura a dx 10 + 10
Bruciatura cielo 25 + 20 GD 0
Mascheratura omino 20" con tampone piccino.



Scusate ma cosa significano 20" gd 1.5 e tutto il resto ???? Tipo 25+ 20 ?????? Tampone ?????





  • Advertisement

Torna a “Tecniche fotografiche”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti