Tempi di stampa

Discussioni sulla Stampa a Contatto

Moderatori: Silverprint, chromemax

Avatar utente
Tecnico73
esperto
Messaggi: 227
Iscritto il: 06/07/2010, 8:32
Reputation:
Località: ABRUZZO - CHIETI - ORTONA
Contatta:

Tempi di stampa

Messaggioda Tecnico73 » 06/11/2010, 16:03

Come determinare il tempo di esposizione per il provino??


Ogni cosa che vedi guardando sulla lastra di vetro della tua reflex è la realtà, le cose come sono.
La fotografia è ciò che tu deciderai di farne di tutto questo. George Rodger

Advertisement
Avatar utente
wiz
esperto
Messaggi: 141
Iscritto il: 12/10/2010, 9:13
Reputation:

Re: Tempi di stampa

Messaggioda wiz » 06/11/2010, 17:27

Tecnico73 ha scritto:Come determinare il tempo di esposizione per il provino??


Forse se ci pensi un po, con un minimo sforzo, ci arrivi anche da solo. :mrgreen:

W



Avatar utente
Tecnico73
esperto
Messaggi: 227
Iscritto il: 06/07/2010, 8:32
Reputation:
Località: ABRUZZO - CHIETI - ORTONA
Contatta:

Re: Tempi di stampa

Messaggioda Tecnico73 » 06/11/2010, 19:23

wiz ha scritto:
Tecnico73 ha scritto:Come determinare il tempo di esposizione per il provino??


Forse se ci pensi un po, con un minimo sforzo, ci arrivi anche da solo. :mrgreen:

W



veramente già li faccio per archiviare i negativi, volevo solo capire se potevo migliorare e scambiare esperienze, tecniche e quant'altro in merito :o :o


Ogni cosa che vedi guardando sulla lastra di vetro della tua reflex è la realtà, le cose come sono.
La fotografia è ciò che tu deciderai di farne di tutto questo. George Rodger

Avatar utente
wiz
esperto
Messaggi: 141
Iscritto il: 12/10/2010, 9:13
Reputation:

Re: Tempi di stampa

Messaggioda wiz » 07/11/2010, 10:44

Tecnico73 ha scritto:

veramente già li faccio per archiviare i negativi, volevo solo capire se potevo migliorare e scambiare esperienze, tecniche e quant'altro in merito :o :o


Ciao

Già così la domanda è meno limitante e potrebbe dare da adito a risposte più articolate e soprattutto utili.
Se ti limiti a chiedere "come....... per il provino??" quale pensi possa essere la risposta?

Invito te e tutti gli altri (me compreso) a formulare delle domande in modo chiaro e soprattutto che rispecchino in pieno il "desiderio" di sapere che sottintende alla domanda stessa.
Va bene essere concisi, ma senza esagerare, altrimenti la "conversazione" sul forum diventa uno scambio per monosillabi. Cerchiamo un po tutti quanti di articolare domande e risposte
sia in senso compiuto sia poste in modo che invoglino la risposta e - soprattutto - creino "un discorso" che non sia utile al solo proponente ma a tutti, ed anche utili in futuro.
Ne convieni?

Tento di dare una risposta interpretando quanto hai chiesto.

La regola vorrebbe che la stampa avvenisse su carta molto morbida in modo da registrare tutto quello che c'è sul negativo. Se questo è valido per tutti i formati lo è maggiormente
per le pellicole in rullo e in particolare per il 24x36 dove è probabile che si assommino esposizioni (annerimenti) di entità molto diversa fra loro. E' un errore credere che il singolo fotogramma
possa costituire una anteprima della stampa; se lo fa è solo una indicazione molto approssimativa. Va bene se desideriamo stampare tutti i fotogrammi in piccolo formato ma è inutile se
lo scopo è di ottenere uno o più ingrandimento di decente qualità.

Per il motivo sopra detto non faccio mai i provini a contatto e se li dovessi fare "oggi" mi sembrerebbe più valido farli con lo scanner. Costa meno e permette una archiviazione più agevole.

Speriamo ci sia chi la pensa in modo contrario.

Ciao
W



Advertisement
Avatar utente
etrusco
moderatore
Messaggi: 4626
Iscritto il: 08/12/2009, 12:16
Reputation:
Località: Viterbo
Contatta:

Re: Tempi di stampa

Messaggioda etrusco » 07/11/2010, 12:06

Ciao
io invece faccio sempre, prima di iniziare a stampare, una provinatura a contatto di tutti il rullo.

Perchè? Dico la verità...perchè mi piace da morire ;-)

Ho anche lo scanner e la prima cosa in assoluto che faccio è scannerizzare....però le foto scannerizzate le uso più che altro per la condivisione sul web, invece la provinatura a contatto la uso perchè, come detto, mi piace e soprattutto perchè la antepongo sempre ai pergamini per avere, visivamente nel mio raccoglitore, una visione di insieme di tutto il rullo.

Ora andiamo a spiegare come la faccio.

Prima di tutto, per non sprecare un foglio di carta 24x30, uso una striscia di carta della lunghezza di tre max quattro fotogrammi per fare le prove, cosi come si fa per le foto.

presa la striscia di carta (ovviamente al buio) metto sopra di essa una striscia di negativo, poi faccio il "panino" con una lastra di vetro 24x30 (la stessa che poi userò per fare la stampa finale)

L'ingranditore lo posiziono per avere un ingrandimento 24x30, di solito uso la gradazione 2 (max 3) e poi espongo a tutta apertura per 3 secondi.

Sviluppo e vedo i risultati, se non ci siamo agisco sui tempi (2->3->4->5) o sulla gradazione (1->2->3)

Quando trovo la giusta accoppiata tempo/gradazione procedo con la stampa di un foglio 24x30 di carta politenata (non spreco la baritata per fare la prov a contatto) lucida, mettendo tutte le strisce del negativo in fila con sopra il foglio di carta.

Come ti ha detto wiz, la stampa a contatto serve per avere in linea di massima una visione del fotogramma, ma poi quando andrai a stampare i risultati saranno (spero vivamente per te) migliori!!!

Questo un esempio:
_Pict0002_small.jpg


ImmaginePssss, Hei! ... Ti sei ricordato di registrare la tua camera oscura su darkroom locator?

Alessandro "etrusco" De Marchi - @trovarigenerati - @trovareflex - @trovaregalodonna

Avatar utente
Tecnico73
esperto
Messaggi: 227
Iscritto il: 06/07/2010, 8:32
Reputation:
Località: ABRUZZO - CHIETI - ORTONA
Contatta:

Re: Tempi di stampa

Messaggioda Tecnico73 » 07/11/2010, 13:43

wiz ha scritto:
Tecnico73 ha scritto:

veramente già li faccio per archiviare i negativi, volevo solo capire se potevo migliorare e scambiare esperienze, tecniche e quant'altro in merito :o :o


Ciao

Già così la domanda è meno limitante e potrebbe dare da adito a risposte più articolate e soprattutto utili.
Se ti limiti a chiedere "come....... per il provino??" quale pensi possa essere la risposta?

Invito te e tutti gli altri (me compreso) a formulare delle domande in modo chiaro e soprattutto che rispecchino in pieno il "desiderio" di sapere che sottintende alla domanda stessa.
Va bene essere concisi, ma senza esagerare, altrimenti la "conversazione" sul forum diventa uno scambio per monosillabi. Cerchiamo un po tutti quanti di articolare domande e risposte
sia in senso compiuto sia poste in modo che invoglino la risposta e - soprattutto - creino "un discorso" che non sia utile al solo proponente ma a tutti, ed anche utili in futuro.
Ne convieni?

Tento di dare una risposta interpretando quanto hai chiesto.

La regola vorrebbe che la stampa avvenisse su carta molto morbida in modo da registrare tutto quello che c'è sul negativo. Se questo è valido per tutti i formati lo è maggiormente
per le pellicole in rullo e in particolare per il 24x36 dove è probabile che si assommino esposizioni (annerimenti) di entità molto diversa fra loro. E' un errore credere che il singolo fotogramma
possa costituire una anteprima della stampa; se lo fa è solo una indicazione molto approssimativa. Va bene se desideriamo stampare tutti i fotogrammi in piccolo formato ma è inutile se
lo scopo è di ottenere uno o più ingrandimento di decente qualità.

Per il motivo sopra detto non faccio mai i provini a contatto e se li dovessi fare "oggi" mi sembrerebbe più valido farli con lo scanner. Costa meno e permette una archiviazione più agevole.

Speriamo ci sia chi la pensa in modo contrario.

Ciao
W



in effetti sono stato un po troppo conciso e pratico nella domanda , ma aspettavo risposte come quella di etrusco per vedere delle differenze nella esecuzione o nella tecnica, l'utilità non esiste se concepita con idee digitali ma utilizzati come forma d'arte o archiviazione per visualizzare velocemente i negativi ha molta utilità e senso usare questa tecnica


Ogni cosa che vedi guardando sulla lastra di vetro della tua reflex è la realtà, le cose come sono.
La fotografia è ciò che tu deciderai di farne di tutto questo. George Rodger

Avatar utente
Tecnico73
esperto
Messaggi: 227
Iscritto il: 06/07/2010, 8:32
Reputation:
Località: ABRUZZO - CHIETI - ORTONA
Contatta:

Re: Tempi di stampa

Messaggioda Tecnico73 » 07/11/2010, 13:48

qualcuno usa questa tecnica per creare fotografie artistiche

http://www.alefoto.it/blog/2010/provini-a-contatto-art-contact-sheet-usando-35mm-film/


Ogni cosa che vedi guardando sulla lastra di vetro della tua reflex è la realtà, le cose come sono.
La fotografia è ciò che tu deciderai di farne di tutto questo. George Rodger

Avatar utente
Tecnico73
esperto
Messaggi: 227
Iscritto il: 06/07/2010, 8:32
Reputation:
Località: ABRUZZO - CHIETI - ORTONA
Contatta:

Re: Tempi di stampa

Messaggioda Tecnico73 » 07/11/2010, 14:24

etrusco ha scritto:Ciao
io invece faccio sempre, prima di iniziare a stampare, una provinatura a contatto di tutti il rullo.

Perchè? Dico la verità...perchè mi piace da morire ;-)

Ho anche lo scanner e la prima cosa in assoluto che faccio è scannerizzare....però le foto scannerizzate le uso più che altro per la condivisione sul web, invece la provinatura a contatto la uso perchè, come detto, mi piace e soprattutto perchè la antepongo sempre ai pergamini per avere, visivamente nel mio raccoglitore, una visione di insieme di tutto il rullo.

Ora andiamo a spiegare come la faccio.

Prima di tutto, per non sprecare un foglio di carta 24x30, uso una striscia di carta della lunghezza di tre max quattro fotogrammi per fare le prove, cosi come si fa per le foto.

presa la striscia di carta (ovviamente al buio) metto sopra di essa una striscia di negativo, poi faccio il "panino" con una lastra di vetro 24x30 (la stessa che poi userò per fare la stampa finale)

L'ingranditore lo posiziono per avere un ingrandimento 24x30, di solito uso la gradazione 2 (max 3) e poi espongo a tutta apertura per 3 secondi.

Sviluppo e vedo i risultati, se non ci siamo agisco sui tempi (2->3->4->5) o sulla gradazione (1->2->3)

Quando trovo la giusta accoppiata tempo/gradazione procedo con la stampa di un foglio 24x30 di carta politenata (non spreco la baritata per fare la prov a contatto) lucida, mettendo tutte le strisce del negativo in fila con sopra il foglio di carta.

Come ti ha detto wiz, la stampa a contatto serve per avere in linea di massima una visione del fotogramma, ma poi quando andrai a stampare i risultati saranno (spero vivamente per te) migliori!!!

Questo un esempio:
_Pict0002_small.jpg



provino per gli stessi motivi:
1) mi piace
2) per avere una visualizzazione veloce del negativo anteposto al foglio porta negativi nel raccoglitore

individuo il negativo + chiaro e quello più scuro e realizzo dei provini per capirne i tempi di esposizione da entrambi i tempi ne faccio una media in modo da mettermi in condizione di avere informazioni leggibili, se il + scuro si legge sulla carta con un tempo di 10 secondi, il + chiaro si legge bene con un tempo di 5 secondi la stampa finale lo faccio con un tempo intermedio di 8 secondi in modo da non avere negativi scuri o troppo chiari.

Utilizzo un diaframma intermedio nel mio caso f8

la lastra di vetro che uso e di 5mm di spessore e le dimensione sono 28x34, 4 centimetri in più per lato rispetto al foglio 24x30 in modo da essere sicuro, che il foglio sia sempre coperto dal vetro e non perdere tempo in allineamenti

l'ingranditore lo posiziono in modo da avere una superficie illuminata superiore de 24x30 e metto a fuoco in modo che il bordo della luce sia netta, senza filtri per non influenzare la fase di stampa (non devo realizzare una stampa finale)


Ogni cosa che vedi guardando sulla lastra di vetro della tua reflex è la realtà, le cose come sono.
La fotografia è ciò che tu deciderai di farne di tutto questo. George Rodger

Avatar utente
wiz
esperto
Messaggi: 141
Iscritto il: 12/10/2010, 9:13
Reputation:

Re: Tempi di stampa

Messaggioda wiz » 07/11/2010, 18:34

Tecnico73 ha scritto:
in effetti sono stato un po troppo conciso e pratico nella domanda


Ti ringrazio di queste parole e di aver capito al volo quale era lo scopo del mio intervento.
Non vi era nessuna intenzione ne di "offendere" ne di rampognare nessuno. Se a volte viene messo qualche paletto
è fatto solo con l'intento di rendere più agevole la fruizione e o scambio di notizie. E il/un forum è una miniera di notizie.


Passando hai provini a contatto è ovvio che se ti piace e ritieni utile farli ben venga questa decisione. Poi dal punto di vista espressivo/artistico ... massima libertà.

A me piace molto la stampa a contatto fatta da negativi di grande formato (almeno il 20x25) e lo ritengo un punto di arrivo per un buon stampatore.
La "qualità" è ai massimi livelli senza nessun paragone con una stampa ottenuta per ingrandimento. Stampare per contatto, anche la semplice fase di stampa, non è poi così semplice come potrebbe sembrare.

Ciao

W



Avatar utente
Tecnico73
esperto
Messaggi: 227
Iscritto il: 06/07/2010, 8:32
Reputation:
Località: ABRUZZO - CHIETI - ORTONA
Contatta:

Re: Tempi di stampa

Messaggioda Tecnico73 » 07/11/2010, 20:32

wiz ha scritto:
Tecnico73 ha scritto:
in effetti sono stato un po troppo conciso e pratico nella domanda


Ti ringrazio di queste parole e di aver capito al volo quale era lo scopo del mio intervento.
Non vi era nessuna intenzione ne di "offendere" ne di rampognare nessuno. Se a volte viene messo qualche paletto
è fatto solo con l'intento di rendere più agevole la fruizione e o scambio di notizie. E il/un forum è una miniera di notizie.


Passando hai provini a contatto è ovvio che se ti piace e ritieni utile farli ben venga questa decisione. Poi dal punto di vista espressivo/artistico ... massima libertà.

A me piace molto la stampa a contatto fatta da negativi di grande formato (almeno il 20x25) e lo ritengo un punto di arrivo ber un buon stampatore.
La "qualità" è ai massimi livelli senza nessun paragone con una stampa ottenuta per ingrandimento. Stampare per contatto, anche la semplice fase di stampa, non è poi così semplice come potrebbe sembrare.

Ciao

W


non ho mai avuto la possibilità di vedere un provino a contatto del grande formato, deve essere uno spettacolo, una stampa 1 a 1, la vera difficoltà del provino a contatto eseguito da una serie di negativi con esposizioni diverse sta nel trovare un tempo ideale per tutti i negativi cosa non facile, pena della stampa immagini scure o immagini senza informazione


Ogni cosa che vedi guardando sulla lastra di vetro della tua reflex è la realtà, le cose come sono.
La fotografia è ciò che tu deciderai di farne di tutto questo. George Rodger



  • Advertisement

Torna a “Stampa a Contatto”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti