Test Lenti-Pellicole-Sviluppo

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: Silverprint, chromemax

Avatar utente
vittosss
fotografo
Messaggi: 99
Iscritto il: 29/05/2013, 15:34
Reputation:

Test Lenti-Pellicole-Sviluppo

Messaggioda vittosss » 21/05/2014, 9:32

ciao,
domani volevo fare un'uscita fotografica per testare o comunque approfondire alcuni elementi tecnici. vi spiego.
2 macchine:
- hasselblad swc
- fuji gsw 690 con il 65

pellicole a disposizione:
rollei ortho 25
rollei retro 80
rollei rpx 100 (solo una per prova)

sviluppo a disposizione
r09 one shot
rollei supergrain (nuovo, mai usato)

progetto:
milano, palazzo della regione (quello nuovo). quindi elemento di architettura e volendo "grafico"

obiettivo:
voglio spingere un ingrandimento di grandi dimensioni quindi sfruttare e testare questo aspetto delle lenti.
dato l'obiettivo e le macchine vorrei trovare la pellicola + adatta, lo sviluppo + consono e secondo quale modalità (stand? non stand?)

per hassy ho due magazzini e quindi almeno su quella macchina ho la possiiblità di usare due pellicole differenti o la stessa sviluppata con metodo diversi.

grazie!
V.



Advertisement
Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11612
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Test Lenti-Pellicole-Sviluppo

Messaggioda Silverprint » 21/05/2014, 9:43

Ingrandimenti spinti quanto?

Tieni presente che su ingrandimenti non troppo spinti l'effetto bordo può anche essere gradevole ed aumentare la sensazione di nitidezza, ma che poi aumentando molto 'ingrandimento l'effetto è l'opposto e l'immagine apparirà confusa e sgradevole.

Per ingrandimenti notevoli è preferibile usare rivelatori energici, non finegranulanti o solfitosi, e fare attenzione nel tenere il tempo bagnato (la durata di tutto il processo) al minimo evitando accuratamente gli sbalzi di temperatura. Il contrario dello stand, insomma ;)

Con uno sviluppo stand non riusciresti comunque a capire a fondo la performance delle lenti.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
vittosss
fotografo
Messaggi: 99
Iscritto il: 29/05/2013, 15:34
Reputation:

Re: Test Lenti-Pellicole-Sviluppo

Messaggioda vittosss » 21/05/2014, 9:57

ingrandimenti spinti non so quanto :-)
non ho una esperienza tale da poter dire quanto onestamente...vedo cosa salta fuori ecco.
però, per darti un parametro, vorrei tirare almeno il 6x9 a....ehm....2 metri?
sto esagerando?

ok, niente stand quindi bassa diluizione e tempi di sviluppo rapido.

pellicola? la 25 ortho potrebbe venire "grafica" ma troppo non mi piacerebbe francamente

se tu fossi al mio posto cosa useresti e come?

ecco...unica cosa....se possibile....non vorrei comprare un altro rivelatore....
poi se mi dici che quelli che ho sono proprio "sbagliati", mi adopero....



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11612
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Test Lenti-Pellicole-Sviluppo

Messaggioda Silverprint » 21/05/2014, 10:52

Ah... 2 metri, mica semplice. Sei peggio di me! :D

I rotoloni standard sono da 127 cm di altezza, quindi dal 6x9 puoi arrivare a 120x180 ca (un minimo di margine bisogna lasciarlo). La nuova Ilford MG Classic la fanno anche da 150, però. Comunque sia intendi superare i 20 ingrandimenti... :-o Occorrono veramente molte attenzioni. Oltre a quelle sul trattamento servono anche in ripresa: cavalletto pesante e zavorrato, scatto flessibile, testa solida, diaframma ottimale, etc. Tieni anche conto che la profondità di campo NON sarà quella indicata sulla scala degli obiettivi, e che sarebbe opportuno ricalcolarla in base al cerchio di confusione che riterrai opportuno avere su quegli ingrandimenti.

L'aspetto della grana su ingrandimenti tanto spinti è molto importante, bisogna lavorarci un po' per capire cosa si vuole e come ottenerlo.

L'Agfa Aviphot (Rollei 80s) dovrebbe andare bene per i forti ingrandimenti, unico dubbio è l'estesa sensibilità al rosso (e al near infrared) che potrebbe mettere in crisi le lenti, la proverei anche con un filtro verde (n°58).
L'RPX dovrebbe avere una grana tradizionale e forse a quegli ingrandimenti mostrerà la corda.
La Ortho è un materiale ad alto contrasto, per avere un tono continuo dovresti usare il suo sviluppo dedicato a basso contrasto, ma potrebbe andare.
Personalmente avrei scelto la Fuji Acros, che (a me) da l'impressione di essere più incisa della T-max 100. Come rivelatore credo che per prima cosa proverei l'HC-110, che per tali ingrandimenti potrebbe dare un giusto (per me) compromesso tra finezza e nettezza della grana.

Il Rodinal... non so se lo userei. Usandolo 1+25 come necessario per la situazione la grana è evidente, anche se sicuramente ben netta.
L'RHS o Supergrain non l'ho mai usato, ma viene dato come altamente compensatore e a grana fine, quindi non sembrerebbe adatto.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Advertisement
Avatar utente
vittosss
fotografo
Messaggi: 99
Iscritto il: 29/05/2013, 15:34
Reputation:

Re: Test Lenti-Pellicole-Sviluppo

Messaggioda vittosss » 21/05/2014, 11:16

fantastico silver, grazie, ci sono un sacco di cose che non so e ciò mi piace.
mi sono accorto che nel grande "calderone" della fotografia ho la naturale tendenza al tecnicismo spesso spinto nella definizione dell'immagine (non sono certo un artista, non mi sento tale, mi sento un tecnico della fotografia apprezzo le foto fuori fuoco....degli altri...se la faccio io una foto fuori fuoco è per me una foto sbagliata. idem sul mosso o su soggetti in movimento)
questa è "l'attitudine" poi da qui a capirne qualcosa...ce ne passa :-)

torniamo a noi.

come carta per ora userò dei fogli piccoli, 13x18. proietto a muro l'immagine e metto fogli in punti "salienti" e inizio a prendere dimestichezza. come primo approccio andare subito di stampone penso sia pretenzioso da parte mia. ho capito il 50% del tuo post questo significa che prima di stampare, devo studiare.

cavalletto pesante ok.
testa ok
flessibile ok
diaframma ottimale: di solito sto sempre alla metà del range consentito o uno stop verso il chiuso rispetto alla metà. ma è una mia convenzione mentale che non credo sia tecnicamente sostenibile. so che aprendo troppo il rischio è la difrazione ma un po' di profondità mi serve quindi....la spacco in mezzo.
ecco non so perchè la profondità di campo non sarà quella indicata...nel senso che non è accurata?

ho 3 caricatori da riempire con pellicole. potrei mettere rollei 80s su fuji e in un mag hassy sviluppandole poi nella medesima tank per fare così un confronto delle lenti (anche se la lunghezza focale delle due macchine è in effetti tanto diversa da non consentire un confronto reale). nel secondo mag hassy potrei mettere una ortho 25.

sviluppi: ecco...questo forse è l'unico elemento critico dove o prendo lo sviluppo idoneo o altrimenti devo abbassare la mia aspettativa. il rodinal tende a far grana e temo diventino pallettoni in forti ingrandimenti. però tu mi insegni che c'è grana e grana....
la ortho si...se non si vuole avere un disegno a china so che è bene svilupparlo col suo sviluppo che ne ammorbidisce i toni.
troppi sviluppi...
devo trovare la quadratura



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11612
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Test Lenti-Pellicole-Sviluppo

Messaggioda Silverprint » 21/05/2014, 12:12

vittosss ha scritto:... proietto a muro l'immagine...

Attenzione all'allineamento, alla curvatura di campo, alla copertura della lente, al diaframma.

L'allineamento è critico, più ingrandisci minore sarà la profondità di campo. Per andare sul sicuro ci vorrebbe uno di quei laser fatti apposta. Più ingrandisci più sfrutti l'angolo di copertura, questo potrebbe non essere sufficiente con ottiche non previste per gli ingrandimenti spinti e va verificato. Vanno anche verificate le prestazioni mano, mano che ci si allontana dal centro, sia per scegliere il diaframma ottimale sia per scegliere il piano di messa a fuoco più accurato; piano che non necessariamente coinciderà con quanto hai a centro immagine per via della non perfetta planarità del piano di messa a fuoco.
Un normale focometro non permette di verificare il fuoco oltre i 10° dall'asse, per verificare il comportamento dell'ottica sarebbe utile un focometro tipo il Peak "critical focuser" che permette di controllare su tutta l'immagine.

vittosss ha scritto:non so perchè la profondità di campo non sarà quella indicata...nel senso che non è accurata?

No, no, la scala è accurata, ma è calibrata per ingrandimenti modesti.
La profondità di campo è grandemente dipendente dal rapporto di ingrandimento, più si ingrandisce minore è la profondità di campo.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
luciano.xxk
esperto
Messaggi: 206
Iscritto il: 02/01/2014, 13:37
Reputation:

Re: Test Lenti-Pellicole-Sviluppo

Messaggioda luciano.xxk » 21/05/2014, 13:40

vittosss ha scritto:... so che aprendo troppo il rischio è la difrazione....


Pignoleggiando: la diffrazione peggiora chiudendo; comunque leggendo il prosieguo della frase si capisce che il concetto lo hai ben chiaro

Ciao Luciano



Avatar utente
vittosss
fotografo
Messaggi: 99
Iscritto il: 29/05/2013, 15:34
Reputation:

Re: Test Lenti-Pellicole-Sviluppo

Messaggioda vittosss » 21/05/2014, 13:49

hai ragione, ben venga la pignoleria costruttiva!



Avatar utente
vittosss
fotografo
Messaggi: 99
Iscritto il: 29/05/2013, 15:34
Reputation:

Re: Test Lenti-Pellicole-Sviluppo

Messaggioda vittosss » 21/05/2014, 13:57

qualche meschino tentativo che feci qualche mese fa

così, al volo
Allegati
IMG-20140504-WA0013 (Medium).jpg
IMG-20140504-WA0010 (Medium).jpg



Avatar utente
vittosss
fotografo
Messaggi: 99
Iscritto il: 29/05/2013, 15:34
Reputation:

Re: Test Lenti-Pellicole-Sviluppo

Messaggioda vittosss » 21/05/2014, 14:03

e due!!!
Allegati
IMG-20140505-WA0004.jpg
IMG-20140505-WA0006.jpg





  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: emilio-barbaresi, Lollipop e 6 ospiti