Test pellicola 4 x 5 & 13 x 18

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: chromemax, Silverprint

Avatar utente
paolob74
guru
Messaggi: 820
Iscritto il: 30/05/2010, 10:48
Reputation:

Test pellicola 4 x 5 & 13 x 18

Messaggioda paolob74 » 29/01/2013, 21:14

Ciao a tutti...

Sono quasi pronto col 13 x 18... =p~ =p~

Cosa diavolo potrò inventarmi dopo?

Comunque...

Posso tenere buoni i test fatti sulla pellicola 4x5 o devo rifare tutti i test?

E' possibile che la maggiore dimensione dell'emulsione esaurisca diversamente lo sviluppo?

Con questo formato le prove costano care, come mi comporto?



Advertisement
Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11129
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Test pellicola 4 x 5 & 13 x 18

Messaggioda Silverprint » 29/01/2013, 22:24

Usa i test già fatti e metti i liquidi in proporzione alla superficie. ;)


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
paolob74
guru
Messaggi: 820
Iscritto il: 30/05/2010, 10:48
Reputation:

Re: Test pellicola 4 x 5 & 13 x 18

Messaggioda paolob74 » 29/01/2013, 22:45

Usa i test già fatti e metti i liquidi in proporzione alla superficie.


Chissà perché non mi vengono mai queste idee..

Geniale, quindi:

9 x 12 = 108 (300 ml di acqua + 15 ml di neofin)

13 x 18 = 234

Quindi faccio 300ml acqua e 32,5 ml di neofin?

Faccio pena in matematica (e non solo)... Quadra?

Sticaz... Una fialetta per una lastra?

$-) $-)

Massi... facciamo girare l'economia.



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11129
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Test pellicola 4 x 5 & 13 x 18

Messaggioda Silverprint » 29/01/2013, 23:07

Ahiai... :((

Tocca bocciarti in aritmetica, o mi sono spiegato male? :D

Per cominciare le misure mettile giuste, poi fai la proporzione tra le aree e la quantità di chimico totale alla stessa diluizione.

Lo sviluppo è un fatto probabilistico, di opportunità di incontro tra agenti rivelatori e sali d'argento impressionati. Se la concentrazione del rivelatore e la quantità d'acqua sono costanti per unità di superficie da sviluppare le condizioni sono sicuramente identiche, facendo altrimenti non mi pare...


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
nepalese
guru
Messaggi: 438
Iscritto il: 03/02/2012, 15:38
Reputation:

Re: Test pellicola 4 x 5 & 13 x 18

Messaggioda nepalese » 30/01/2013, 0:11

108:300=234:acqua
acqua=650

108:15=234:sviluppo
sviluppo= 32,5

Paolo io sono peggio di te in matematica, per fare questo conto c'ho messo mezz'ora!!! :-B :-B :-B

La cosa preoccupante è che non sono nemmeno sicuro che sia giusto =)) =))



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11129
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Test pellicola 4 x 5 & 13 x 18

Messaggioda Silverprint » 30/01/2013, 0:34

Ahahhaha... managgia le elementari fatte male! =))

Allora, le lastre dei test sono 4x5" ovvero 10,2x12,7 cm; l'area è quindi 129,54 cm².
Per esse Paolo usa 300 ml di acqua e 15 ml di Neofin, la diluizione è 1+20.

Le lastre sono 5x7" o 13x18? :D
Se sono 5x7" sarebbero 12,7x17,8 cm l'area è quindi 226,06 cm².

La proporzione da fare è 315 : 129,56 = X : 226,06 > x= 226,06 x 315 : 129,6 = 549,45 ml di rivelatore 1+20.

Quindi alla fine occorrerà fare 549,45 : 21 = 26,16 per calcolare la quantità di rivelatore.

Per non impazzire arrotondiamo a 25 ml di rivelatore e 500 d'acqua.
Non credo che hai fini pratici fare 30+600 cambi granché... ma se fai 25 ogni 5 rulli uno sviluppo è "gratis".


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11129
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Test pellicola 4 x 5 & 13 x 18

Messaggioda Silverprint » 30/01/2013, 0:54

Note...

Nella tank Jobo 500/600 ml ci dovrebbero entrare, basta far le prove verificando che non esca dal tappo con la tank in orizzontale.

Il Neofin-blu è un rivelatore minimalista e purista, con pochi agenti rivelatori e pochi ritardanti, vale a dire che, a differenza di altri rivelatori, gli agenti non sono grandemente sovrabbondanti, è quindi sicuramente necessaria maggior precisione.
Con un rivelatore ad alta energia e con molti ritardanti la precisione necessaria sulla quantità totale sarebbe molto minore.

Questa attenzione alle quantità è comunque sempre abbastanza necessaria con le Jobo poiché i rivelatori vengono quasi sempre fatti lavorare un po' al limite, ovvero in parziale esaurimento. I rivelatori vengono fatti lavorare così per ottenere una curva "normale". Se si lavorasse in regime di sovrabbondanza (come si fa quasi sempre in tank) in unione alla agitazione continua si otterrebbero (anche regolando bene i tempi) delle curve caratteristiche tendenzialmente "impennate".


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
paolob74
guru
Messaggi: 820
Iscritto il: 30/05/2010, 10:48
Reputation:

Re: Test pellicola 4 x 5 & 13 x 18

Messaggioda paolob74 » 30/01/2013, 7:13

Diciamo che il discorso matematico era abbastanza chiaro, magari sono stato un poco superficiale col calcolo.

Comunque sviluppo in bacinella, la jobo 2500 che utilizzo adesso non può sviluppare la 13 x 18... :((

Non posso usare 600ml in bacinella, quindi volevo fare il conto per aumentare lo sviluppo e mantenere l'acqua sempre a 300.

Quindi ho fatto la proporzione solo sullo sviluppo.

Ma giustamente come mi hai fatto notare cosi cambia la diluizione.

Quindi come faccio a tenere sempre 300 ml e fare sia 4x5 che 13x18?

Alle 7 del mattino manco 2+2 riesco a fare....

Manco dopo...



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11129
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Test pellicola 4 x 5 & 13 x 18

Messaggioda Silverprint » 30/01/2013, 12:34

E perché in bacinella non puoi usare 5/600 ml?
Mi parrebbe quasi il minimo.

Se cambi diluizione devi rifare i test, anche se la quantità di rivelatore è la stessa, se c'è più o meno acqua le cose cambiano.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp



  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti