test SE Kodak TRI-X 400 in Studional 1+30

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: Silverprint, chromemax

Avatar utente
gonfiacani
guru
Messaggi: 387
Iscritto il: 26/06/2012, 9:01
Reputation:

Re: test SE Kodak TRI-X 400 in Studional 1+30

Messaggioda gonfiacani » 03/04/2014, 20:04

Posto i risultati che ho ottenuto in stampa ieri sera.
Carta ILFORD MGIV RC 44m stampate con Durst M605 color, senza nessun filtro.

1022 1023
I due test a 125 e 160 ISO temo di averli sbagliati: a metà delle esposizioni sono andato in confusione e non sono sicuro di aver correttamente esposto il negativo. Credo che le prime zone siano accettabili (orientativamente dalla 0 e I almeno fino alla IV). L'errore è evidente nel test a 160 ISO (la seconda scansione qui sopra). :wall: :wall: :wall: :wall: :wall:

1024
A 250 ISO la zona III è appena visibile e la X troppo scura. :ymhug:

1025
A 320 ISO è la zona IV ad essere appena visibile, e la X ancora più scura (come è giusto che sia rispetto al test a 250 ISO di cui sopra). :ymparty:

1021
Nel test a 200 ISO la zona II è appena visibile ma non si distinguono i dettagli. Credo sia venuta come mi sarei dovuto aspettare di vedere la zona I. :-ss
La zona V è piuttosto scura, non certo vicino al grigio medio... 8-x
Le zone alte, soprattutto la X, sono sempre e comunque troppo scure. :wall:



Advertisement
Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11610
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: test SE Kodak TRI-X 400 in Studional 1+30

Messaggioda Silverprint » 03/04/2014, 20:23

E allora, se non ci sono errori di esposizione sulle zone alte devi sviluppare maggiormente.

In effetti con 5' alla diluizione 1+30 dovresti stare sugli N -.

Per il prossimo giro cerca di usare un fondo con trama più uniforme, così come lo hai scelto diventa difficile visualizzare bene.
Converrebbe anche andare a vedere zone più alte, così se fai gli n- almeno sai quanto, e poi puoi visualizzare il comportamento sulla spalla. Per esempio potresti esporre un fotogramma dalla 0 alla VII e l'altro dalla VII alla XIV. Per fare le zone alte solita procedura: esponi in Zona VII, chiudi un po' e ri-esponi in zona VII, poi chiudi un po' il volet e cominci a salire di una zona per ogni scatto.

Comunque a giudicare dai negativi che ci hai fatto vedere mi paiono un po' tanto morbide. La carta è fresca?
La sensibilità è probabilmente sui valori iso più bassi che hai usato 125 o 160 (dal monitor si giudica male).


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
gonfiacani
guru
Messaggi: 387
Iscritto il: 26/06/2012, 9:01
Reputation:

Re: test SE Kodak TRI-X 400 in Studional 1+30

Messaggioda gonfiacani » 04/04/2014, 0:39

La carta è abbastanza fresca, o almeno spero dal momento che l'ho comprata meno di un anno fa... Ho sempre avuto l'impressione che le stampe fossero troppo morbide. Inoltre di solito su formati piccoli (18x24) e senza particolari ingrandimenti ho sempre avuto tempi di esposizione molto brevi (intorno ai 12'') anche con diaframmi chiusi (f16 o f22). In questo caso sono arrivato a 33'' con f16 per trovare il nero sulla coda del negativo.
Immagino di dover allungare comunque il tempo di sviluppo.



Avatar utente
gonfiacani
guru
Messaggi: 387
Iscritto il: 26/06/2012, 9:01
Reputation:

Re: test SE Kodak TRI-X 400 in Studional 1+30

Messaggioda gonfiacani » 04/04/2014, 16:33

Silverprint ha scritto:Per il prossimo giro cerca di usare un fondo con trama più uniforme, così come lo hai scelto diventa difficile visualizzare bene.


Con uno sfondo più uniforme ho paura di non riuscire più a distinguere nulla nella zona I e II, nemmeno la trama...



Advertisement
Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11610
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: test SE Kodak TRI-X 400 in Studional 1+30

Messaggioda Silverprint » 04/04/2014, 23:40

gonfiacani ha scritto:Con uno sfondo più uniforme ho paura di non riuscire più a distinguere nulla nella zona I e II, nemmeno la trama...

Ok, però se usi una cosa a quadretti la zona I sarà quella del quadretto chiaro o quella del quadretto scuro? ;)


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp



  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite