D 76 diluizione

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: chromemax, Silverprint

Avatar utente
viotlanlot
esperto
Messaggi: 148
Iscritto il: 26/10/2011, 16:13
Reputation:
Contatta:

D 76 diluizione

Messaggio da viotlanlot »

Salve a tutti.

da quando uso il D76 ... prima soltanto ilfosol (poi abbandonato del tutto), poi rodinal ma lasciato per una pessima esperienza che raccontai in un post.... praticamente in barba alle regole faccio così :
la tank richiede 260 ml minimi per un 135... ( che a volte divido in due mezzi rulli quando so che mi servono pochi scatti e voglio svilupparli subito)

quindi uso una diluizione 1 + 3 in questo modo

65 ml di D76 e 195 ml di acqua....
tot appunto 260 ml

ora sembrerà esagerato ma ottengo dei negativi molto equilibrati tra le alte e basse luci ( in particolare mi riferisco alla FP4 che è la pellicola che conosco meglio e mi piace di più)
stampabili con filtri tra il 2 e 3 mezzo massimo, e soprattutto una grana che con il focometro quasi non si vede

in genere il tempo di sviluppo lo scelgo in base alle condizioni di luci ( tempi che ho sperimentato facendo delle prove appositamente)

cosa ne pensate in proposito e se avete mai sviluppato con queste quantità?



Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 10161
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: D 76 diluizione

Messaggio da chromemax »

C'è poco da pensare... se sei contento dei risultati per te va bene così .

Avatar utente
viotlanlot
esperto
Messaggi: 148
Iscritto il: 26/10/2011, 16:13
Reputation:
Contatta:

Re: D 76 diluizione

Messaggio da viotlanlot »

mi riferivo più che altro al fatto della quantità minima, oppure se qualcuno ha provato ed ha avuto buoni risultati....
cmq grazie

Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11960
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: D 76 diluizione

Messaggio da Silverprint »

Il rischio che corri è quello di non avere costanza di risultati. "Tecnicamente" stai usando circa 1/4 della quantità minima richiesta.
Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it
[email protected]

Avatar utente
viotlanlot
esperto
Messaggi: 148
Iscritto il: 26/10/2011, 16:13
Reputation:
Contatta:

Re: D 76 diluizione

Messaggio da viotlanlot »

a dire la verità sui rulli che ho scattato con differenze di contrasto abbastanza elevate, come in interni ed esterni, per esempio, riesco ad avere negativi non difficili da stampare... luci mai bruciate, e soprattutto la grana faccio fatica a trovarla sotto al focometro... ma parlo soltanto per esperienza personale ho fatto molte prove prima di usarla come default...
ho iniziato a lavorare così per caso ma volendo mettere 500 ml totali di sviluppo diluito a malapena entrano.... infatti sul fondo della tank c'è scritto le varie quantità per coprire ogni tipo di rullino... per esempio questa che uso va dal 135 fino al formato 6,5 x 11... e quest'ultimo richiede 480 ml... cmq la quantità minima richiesta non ci andrebbe....
sarà che questa quantità minima non veniva considerata all'epoca in cui uscì dalla fabbrica sta tank?... circa 1974 mi pare

Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 10161
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: D 76 diluizione

Messaggio da chromemax »

Il fabbricante di tank cerca di venderle e un quantitativo minimo basso è visto dall'utente come una cosa positiva perché permette (in teoria) un risparmio sui chimici di trattamento.
Il quantitativo minimo del D-76 (ma esiste per ogni sviluppo) lo ha definito la Kodak nei suoi datasheet e sarà sicuramente un po' sovrastimato (come è giusto che sia), ma direi che la fonte mi sembra affidabile :D .
E' probabile che non si notino differeze mostruose nel caso di soggetti medi distribuiti per tutto il rullino, ma sono sicuro che a misurare (e quindi anche a stampare) 36 foto di foto notturne e 36 foto scattate sulla neve si vedrebbero delle differenze. Chiaramente se nella media degli scatti le parti nere e quelle trasparenti sono sempre simili, magari aggiustando un po' il tempo di sviluppo, i risultati possono essere abbastanza costanti, ma non è detto.
Si può anche decidere di lavorare "per esautimento", una tecnica tra le varie, che permette di agire sulla forma della curva caratteristica, e quindi della risposta tonale, ma per farlo sempre bisogna avere veramente tanta esperienza per compensare i risultati ed è in ogni caso una variabile in più da controllare in un contesto invece in cui le variabili sarebbe meglio eliminarle.
Ciò detto vale sempre la mia risposta sopra, una cosa che funziona non si cambia a meno che non rappresenti un limite che ci impedisce di ottenere quello che vogliamo; se quando raggiungerai questo limite è il caso di trovare altre strade... o convivere con la limitazione.

Avatar utente
viotlanlot
esperto
Messaggi: 148
Iscritto il: 26/10/2011, 16:13
Reputation:
Contatta:

Re: D 76 diluizione

Messaggio da viotlanlot »

grazie per le vostre opinioni.... sono sempre pronto a cambiare nel caso qualcosa vada storto... ...adesso che ricordo... @-)
una volta usai il d76 in stock fu la prima e l'ultima volta per fortuna... le foto sembravano scattate con un filtro fluo , poi passai al 1+1 fatto considerando la quantità minima, poi all' 1 + 2 mi sembrava un po meglio... poi alla fatidica diluizione attuale :ymsmug:

Telegram Vieni a scoprire il canale telegram di analogica.it - tantissime offerte su materiale fotografico analogico nuovo ed usato Offerte materiale analogico


Rispondi