Il momento

Discussioni sull'etica e sulla filosofia applicata alla fotografia

Moderatore: etrusco

Avatar utente
bafman
superstar
Messaggi: 1912
Iscritto il: 04/06/2012, 22:25
Reputation:
Località: MO
Contatta:

Re: RE: Re: Il momento

Messaggioda bafman » 04/02/2017, 17:56

andreasoft ha scritto:A me sta bene pure, non è detto che devi avere argomenti per rispondermi, magari non ce li hai, a me sta bene lo stesso, non c'è problema.Andrea Calabresi senza argomenti pare un'affermazione sulle scie chimiche. Sei sicuro di volerti disinnescare così?

Se io le leggo diversamente da te non leggo male, ed io non dico che tu leggi male.
Affermazione in stretta parentela con "ognuno ha i suoi gusti", il "Rhein II l'avrei saputo fare anch'io" e altre amenità. Il relativismo è uno dei mali contemporanei e abbi pazienza: una lettura può anche essere sbagliata.
Altrimenti soffermiamoci pure su Caravaggio perché bravo a valorizzare i tessuti o sulla Gioconda perché una discreta topa.


Ma che non si dica che quel fotografo non ha considerato il momento in cui scattare, l'attimo si cerca sempre, in qualunque fotografia, ed è quello il momento racchiuso nella fotografia, quello che ricorderà chi vede la foto, e che gli ricorderà o evochera' altre cose.
Tutte cose che avevo gia scritto.
E che mentre per te significano la prova provata del misticismo del Momento di una foto ben riuscita per altri equivalgono a una ovvietà (quando non a un fraintendimento di idee surrealiste, fino a sfiorare la truffa ideologica o a scopo di vanità e/o di marketing).
Una banale, ammesso di non dissertare sugli otturatori.
Una ovvietà della fotografia che peraltro Todd Hido, Sugimoto, J. Wall, Crewdson e una caterva d'altri DA MO' hanno rinchiuso nel cassetto ognuno a suo modo.




Advertisement
Avatar utente
Ottavio Colosio
guru
Messaggi: 352
Iscritto il: 05/08/2014, 22:54
Reputation:
Località: Bergamo/Milano

Re: Il momento

Messaggioda Ottavio Colosio » 04/02/2017, 22:23

Ultima modifica di Ottavio Colosio il 04/02/2017, 23:08, modificato 1 volta in totale.


Saluti

Ottavio


Matematicamente parlando, la fotografia e' un'applicazione lineare da R3 in R2

Avatar utente
ilmioalias
esperto
Messaggi: 103
Iscritto il: 26/09/2016, 12:47
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Il momento

Messaggioda ilmioalias » 04/02/2017, 23:03

Ottavio Colosio ha scritto:http://www.treccani.it/magazine/cultura/I_calciatori_volanti.html?nt=1#


Grazie per il link.


Luigi -- Il problema non è la caduta ma l'atterraggio
https://www.flickr.com/photos/ilmioalias/

Avatar utente
Ottavio Colosio
guru
Messaggi: 352
Iscritto il: 05/08/2014, 22:54
Reputation:
Località: Bergamo/Milano

Re: Il momento

Messaggioda Ottavio Colosio » 04/02/2017, 23:17

ilmioalias ha scritto:
Ottavio Colosio ha scritto:http://www.treccani.it/magazine/cultura/I_calciatori_volanti.html?nt=1#


Grazie per il link.


Daverio in questa intervista tocca un tasto fondamentale che e' quello del fattore tempo,
il momento fotografico prescinde da prima e dopo l'atto.
Nella pittura ( classica ) vi e' sempre il fattore tempo, la tela basa la sua rappresentazione con un prima ed un dopo, una storia praticamente.
Sono pochi e rari gli scatti nei quali vi e' una rappresentazione temporale, ovvero, con il tempo
dilatato e non compresso.


Saluti

Ottavio


Matematicamente parlando, la fotografia e' un'applicazione lineare da R3 in R2

Advertisement
Avatar utente
|DDS|
guru
Messaggi: 745
Iscritto il: 05/01/2013, 10:19
Reputation:

Re: Il momento

Messaggioda |DDS| » 05/02/2017, 8:24

Bell'intervista, grazie per la condivisione,
ci ragiono un pò su...

Il tempo è realtà, la realtà è tempo.
Ma se il tempo è una condizione mentale, è mera percezione, allora anche la realtà sarà tale.
Dunque la fotografia risulterà più o meno reale in relazione alla percezione di chi la osserva.
La realtà è soggettiva: è percezione, dunque coscienza.
Il reale è oggettivo, è inconscio, dunque impossibile da osservare. Ma non da catturare!
(Ecco, secondo me, dove risiede la vera essenza, seppur concettuale, del mezzo fotografico.)

Che non ci sia gnosi senza la sommatoria dei sensi è vero.
Ma laddove la fotografia elimina gran parte dei sensi (ovvero elimina un certo disordine e di conseguenza una maggiore quantità di informazioni che nel caos andrebbero forse anche perse), dall'altra essa riordina un certo numero, seppur minore, di dati.
Quindi la conoscenza è meno estesa e meno ricca di probabilità (probabilità non significa certezza), ma più capillare.
E siccome a livello microscopico le leggi fisiche del mondo reale sono spesso inapplicabili, ogni qual volta ci si concentri su un argomento specifico sarebbe bene utilizzare strumenti adatti e ben calibrati.
Secondo me in questo articolo, in parte interessante e condivisibile, Daverio sta misurando con un sofisticatissimo metro da carpentiere il micron: mischia pittura, fotografia, spazio/tempo, umidità (Ah... st'umidità che va e viene: ci fece anche una puntata su Passepartout se non sbaglio), percezione, nature morte...

Così, sul filo del tutto e del niente, anche il momento di una natura morta non è mai reale, poiché nella lunghezza infinitesimale di un istante il disordine incombe anche sugli oggetti: è impercettibile, ma avanza. Però l'esposizione di una fotografia può durare e perdurare anche mesi, anni; e, contrariamente alla pittura, con essa il flusso del tempo lo si cattura direttamente dal reale.
Questo è un concetto apparentemente banale ma importante, poiché quando parliamo di fotografia tendiamo a concentrarci solo sul prodotto e quasi mai sul processo. Mentre proprio nel processo e nel mezzo , io credo, risieda un potenziale elevatissimo, artistico e non.

Bene, qui mi fermo, sperando di non aver detto troppe boiate. Buona domenica a tutti. :)


Enrico

Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11535
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Il momento

Messaggioda Silverprint » 05/02/2017, 8:32

Daverio mi piace molto, e trovo molto interessanti e condivisibili molti punti di questa intervista, però mi da l'idea che applicandone alcune delle suggestioni in pratica ne venga fuori una fotografia un po' antica... un mix tra Emerson e Bragaglia (pittorialismo, ma mosso). :D

Andreasoft, guarda che ti ho risposto.
Ri-sintetizzo, quel FATTO, per te significativo e determinante, per me equivale a dire che i quadri si fanno coi colori.
Quel FATTO a mio vedere può essere considerato significativo e determinante solo all'interno di un certo sistema ideologico; sistema che ritengo superato e funzionale ad un uso del mezzo che eticamente non condivido.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
andreasoft
fotografo
Messaggi: 77
Iscritto il: 26/09/2012, 11:21
Reputation:
Località: Roma
Contatta:

Re: RE: Re: Il momento

Messaggioda andreasoft » 05/02/2017, 9:11

Silverprint ha scritto:... quel FATTO, per te significativo e determinante, per me equivale a dire che i quadri si fanno coi colori.


Quale FATTO? Che c'entrano i colori...? Non vedo ancora una risposta argomentata sulla mia analisi del momento SCELTO dal fotografo e che è presente in ENTRAMBI gli scatti da te citati e che è significante per il fotografo e l'osservatore (anche in termini di memoria e ricordo) ma ripeto, per me va benissimo anche così

Ciao e grazie!



Inviato dal mio GT-N8000 utilizzando Tapatalk


Andrea Conti - Photographer
==> https://contifoto.wordpress.com/ <==

Avatar utente
dispe
esperto
Messaggi: 247
Iscritto il: 27/06/2013, 14:29
Reputation:
Località: Svizzera - Ticino
Contatta:

Il momento

Messaggioda dispe » 05/02/2017, 9:14

Bella discussione ...

Se volessi approfondire questi argomenti cosa consigliate di leggere ?

Grazie
Alessio


Inviato dal mio iPad utilizzando Tapatalk



Avatar utente
darkrat
guru
Messaggi: 467
Iscritto il: 26/05/2014, 15:23
Reputation:
Località: Lago Maggiore

Re: RE: Re: Il momento

Messaggioda darkrat » 05/02/2017, 9:16

|DDS| ha scritto: La realtà è soggettiva: è percezione, dunque coscienza.
Il reale è oggettivo, è inconscio, dunque impossibile da osservare. Ma non da catturare!


Ma ogni scatto implica coscienza, è quella che muove occhio, cervello, dito. Per catturare il reale lo scatto dovrebbe essere realizzato completamente a casaccio, che so gettando una macchina in aria e scattando in remoto


Andrea

Avatar utente
popecide
guru
Messaggi: 390
Iscritto il: 16/09/2014, 11:54
Reputation:
Località: Padova

Re: Il momento

Messaggioda popecide » 05/02/2017, 9:23

Ottavio Colosio ha scritto:http://www.treccani.it/magazine/cultura/I_calciatori_volanti.html?nt=1#

Grazie anche da parte mia!


Wendy, I'm home! (Jack Torrance)



  • Advertisement

Torna a “Etica e filosofia”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti