Essere temerari...

Discussioni sull'etica e sulla filosofia applicata alla fotografia

Moderatore: etrusco

Avatar utente
isos1977
superstar
Messaggi: 1784
Iscritto il: 13/09/2011, 22:23
Reputation:
Località: Milano

Re: Essere temerari...

Messaggioda isos1977 » 09/06/2017, 10:19

Elmar Lang ha scritto:Penso che siamo tutti tra maggiorenni e se qualcuno decide di far risparmi/sacrifici per acquistare il corredo fotografico dei propri sogni, ne abbia pieno diritto: soldi senz'altro meglio spesi lì, che non alle slot machines.


voglio pensare che quelli che fanno certi acquisti si basano su solide valutazioni oggettive (anche se temo non sia sempre così....) e in ogni caso non discuto sulle passioni (o i vizi) delle persone....

Il problema "morale" sta nel fornire informazioni oggettive e veritiere... Purtroppo molti acquistano certe fotocamere in rete, basandosi su quello che leggono e senza mai averne usata o vista una dal vero. Leggevo di M3 "leggerissime" (forse era una versione in speciale in mithril...), ma questo è solo un esempio. Purtroppo questo è il problema della rete... che, ahimè, si ripercuote pure su cose importanti come la salute o le elezioni politiche.

Se il corredo dei sogni nasce da informazioni poco oggettive, secondo me, è un problema. Diverso è il caso di chi sa pesare le informazioni e dopo compra con consapevolezza.


"Se il fotografo non vede, la macchina fotografica non lo farà per lui" - Kenro Izu

Advertisement
Avatar utente
herma
guru
Messaggi: 332
Iscritto il: 16/10/2016, 22:11
Reputation:

Re: Essere temerari...

Messaggioda herma » 09/06/2017, 10:24

Daniloo85 ha scritto:...che poi mi chiedo se sia così semplice avvicinare qualcuno è scattargli una foto, un ritratto spontaneo senza che lo si avvisi, che poi, così facendo si perderebbe la naturalezza dello scatto. Mi chiedo spesso come abbiano fatto i grandi nomi di un tempo a riprendere, magari con un 50mm fisso, scene tanto da vicino da farci quasi immedesimare nella realtà immortalata. Sono costantemente in difficoltà quando voglio ritrarre qualcuno intanto nel suo lavoro, mentre opera assorto tra i suoi pensieri o ancor più semplice un gruppo di persone sedute ad un tavolino a giocare a carte o una donna che sceglie un vestito al di la della vetrina...voi come vi comportate? Scattate come se nulla fosse e poi al.massimo scappate? Oppure avvicinate il soggetto ci scambiate quattro chiacchiere nella speranza di entrarci in confidenza?

Inviato dal mio ASUS_Z00AD utilizzando Tapatalk


Non per polemica ma cosa c'entrano con lo spirito di questo post tutti gli attuali interventi? Nulla apportano alla problematica sollevata da Daniloo85 :-@ L'argomento mi interessa e quando vedo un intervento su "Essere temerari ..." lo leggo ... ma vorrei leggere qualcosa di coerente ...
Proporrei al Moderatore, se possibile, di spostare questa diatriba magari aprendo un nuovo argomento.

Scusate lo sfogo
Ultima modifica di herma il 09/06/2017, 13:13, modificato 1 volta in totale.



Avatar utente
Elmar Lang
superstar
Messaggi: 2501
Iscritto il: 28/08/2012, 16:11
Reputation:
Località: Trentino A-A

Re: Essere temerari...

Messaggioda Elmar Lang » 09/06/2017, 12:11

Non dimentichiamo, che questa non è l'Accademia di Francia, ma una specie di bar sport dove si chiacchiera del più e del meno; visto il titolo di questo Forum, con tutta probabilità, la chiacchiera verterà sulla fotografia ed in particolare quella su pellicola, con tutto quello che vi sta attorno, fotocamere ed ottiche comprese.

Siamo tutti esseri umani, quindi quello che in rete si chiama "off-topic" o "OT" (...OT in altri tempi significava Organisation Todt), al bar sport si chiama divagazione o comunque parte della chiacchierata tra amici.

Circa la "leggerezza" di una fotocamera (cosa questa che non penso influisca sulla salute o sulla vita in generale), la cosa è soggettiva: per me, la Pentacon Six è una fotocamera -nella sua categoria- leggera o comunque sopportabile, mentre per altri che arrivano ad esagerarne il peso, è cosa da usare solo quale ancora per corazzate o nel caso per farla finita, accelerando l'inabissamento, tenendola al collo.

In un forum, il consiglio è utile, senza dubbio, ma guardiamoci in faccia: diventa spesso una comica parata di giudizi e pareri strettamente personali: si parte da "vorrei una punta e scatta" e si finisce per consigliare la Linhof Technikardan...

Starà poi ai lettori, magari rientrare nell'argomento originario, portando il proprio contributo, se lo si ha.

A quanto pare, dalla temerarietà nell'avvicinarsi a soggetti più o meno ignari, si è passati alla temerarietà nel sostenere che una certa marca tedesca sia la migliore quanto a qualità costruttiva. Tutto sommato, in entrambi i casi, a quanto pare occorre essere temerari... ecco che come per incanto, senza troppo filosofeggiare, siamo rimasti, guarda caso, in argomento.


"Evitate il tono troppo aspro e duro, usato dalla maggior parte di coloro che debbono nascondere la loro scarsa capacità".
(Erwin Rommel)

Avatar utente
graic
superstar
Messaggi: 3706
Iscritto il: 03/10/2012, 17:15
Reputation:

Re: Essere temerari...

Messaggioda graic » 09/06/2017, 12:53

Il legame ovviamente c'è e consiste nella considerazione che nessun soggetto si sottrarrà mai al piacere di farsi riprendere dalla fascinosa macchina tedesca. :)


Saluti
Gianni


La situazione è grave ma non seria.

Advertisement
Avatar utente
Elmar Lang
superstar
Messaggi: 2501
Iscritto il: 28/08/2012, 16:11
Reputation:
Località: Trentino A-A

Re: Essere temerari...

Messaggioda Elmar Lang » 09/06/2017, 13:00

Ecco!

I soggetti, affascinati/ipnotizzati dal bollino rosso, non riescono a sottrarsi al venire fotografati, anche nei loro momenti più sconvenienti.

E poi, l'appagato fotografo, tornato a casa, si rende però conto di aver dilapidato le sue magre sostanze per una fotocamera costosissima e, vedendo i suoi bimbi gemere nella fame e vestiti di stracci, prende la decisione che al momento gli pare più saggia: li vende per gli esperimenti scientifici.

E da qui inizia una spirale di suicida follia, sulla quale lo stesso Dostoevskij sarebbe rimasto sgomento e senza parole.

Non comprate Leica: provoca dipendenza! Iscrivetevi a Leicisti Anonimi...


"Evitate il tono troppo aspro e duro, usato dalla maggior parte di coloro che debbono nascondere la loro scarsa capacità".
(Erwin Rommel)

Avatar utente
tarkus
esperto
Messaggi: 266
Iscritto il: 05/02/2014, 13:17
Reputation:
Località: Napoli

Re: Essere temerari...

Messaggioda tarkus » 09/06/2017, 14:31

Elmar Lang ha scritto:Ecco!

I soggetti, affascinati/ipnotizzati dal bollino rosso, non riescono a sottrarsi al venire fotografati, anche nei loro momenti più sconvenienti.

E poi, l'appagato fotografo, tornato a casa, si rende però conto di aver dilapidato le sue magre sostanze per una fotocamera costosissima e, vedendo i suoi bimbi gemere nella fame e vestiti di stracci, prende la decisione che al momento gli pare più saggia: li vende per gli esperimenti scientifici.

E da qui inizia una spirale di suicida follia, sulla quale lo stesso Dostoevskij sarebbe rimasto sgomento e senza parole.

Non comprate Leica: provoca dipendenza! Iscrivetevi a Leicisti Anonimi...


è questo il trucco :)) :)) :))



Avatar utente
tarkus
esperto
Messaggi: 266
Iscritto il: 05/02/2014, 13:17
Reputation:
Località: Napoli

Re: Essere temerari...

Messaggioda tarkus » 09/06/2017, 15:22

Daniloo85 ha scritto:...che poi mi chiedo se sia così semplice avvicinare qualcuno è scattargli una foto, un ritratto spontaneo senza che lo si avvisi, che poi, così facendo si perderebbe la naturalezza dello scatto. Mi chiedo spesso come abbiano fatto i grandi nomi di un tempo a riprendere, magari con un 50mm fisso, scene tanto da vicino da farci quasi immedesimare nella realtà immortalata. Sono costantemente in difficoltà quando voglio ritrarre qualcuno intanto nel suo lavoro, mentre opera assorto tra i suoi pensieri o ancor più semplice un gruppo di persone sedute ad un tavolino a giocare a carte o una donna che sceglie un vestito al di la della vetrina...voi come vi comportate? Scattate come se nulla fosse e poi al.massimo scappate? Oppure avvicinate il soggetto ci scambiate quattro chiacchiere nella speranza di entrarci in confidenza?

Inviato dal mio ASUS_Z00AD utilizzando Tapatalk



per tornare in tema




un video incredibile sul modo di fotografare del rinomato nobuyoshi araki in italia
la parte a Napoli è bellissima guardate a 19:20 come fotografa le persone nei quartieri



Avatar utente
emigrante
guru
Messaggi: 1235
Iscritto il: 26/11/2012, 21:39
Reputation:
Località: Abruzzo

Re: Essere temerari...

Messaggioda emigrante » 09/06/2017, 19:56

Bellissimo



Avatar utente
Montag
fotografo
Messaggi: 76
Iscritto il: 28/11/2016, 9:31
Reputation:

Re: Essere temerari...

Messaggioda Montag » 09/06/2017, 20:05

tarkus ha scritto:
Daniloo85 ha scritto:...che poi mi chiedo se sia così semplice avvicinare qualcuno è scattargli una foto, un ritratto spontaneo senza che lo si avvisi, che poi, così facendo si perderebbe la naturalezza dello scatto. Mi chiedo spesso come abbiano fatto i grandi nomi di un tempo a riprendere, magari con un 50mm fisso, scene tanto da vicino da farci quasi immedesimare nella realtà immortalata. Sono costantemente in difficoltà quando voglio ritrarre qualcuno intanto nel suo lavoro, mentre opera assorto tra i suoi pensieri o ancor più semplice un gruppo di persone sedute ad un tavolino a giocare a carte o una donna che sceglie un vestito al di la della vetrina...voi come vi comportate? Scattate come se nulla fosse e poi al.massimo scappate? Oppure avvicinate il soggetto ci scambiate quattro chiacchiere nella speranza di entrarci in confidenza?

Inviato dal mio ASUS_Z00AD utilizzando Tapatalk



per tornare in tema




un video incredibile sul modo di fotografare del rinomato nobuyoshi araki in italia
la parte a Napoli è bellissima guardate a 19:20 come fotografa le persone nei quartieri

Araki è una forza della natura. Le scene in pizzeria a Napoli sono da antologia.



Avatar utente
Pacher
superstar
Messaggi: 2983
Iscritto il: 22/01/2013, 22:12
Reputation:
Località: purosangue Trentino

Re: Essere temerari...

Messaggioda Pacher » 09/06/2017, 20:47

poi me lo guardo con calma, grazie :D





  • Advertisement

Torna a “Etica e filosofia”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti