Una nuova reflex

Spazio Aperto a qualunque tipo di discussione, idea o proposta non necessariamente legata alla fotografia

Moderatore: DanieleLucarelli

Avatar utente
Elmar Lang
superstar
Messaggi: 2494
Iscritto il: 28/08/2012, 16:11
Reputation:
Località: Trentino A-A

Re: Una nuova reflex

Messaggioda Elmar Lang » 18/07/2018, 18:32

Un aggiornamento del 16 Luglio:


Scusate, credevo si copiasse il solo link, anziché un intero banner pubblicitario… Dunque, per farla breve, aspettano la Photokina per presentare -forse- il prototipo ed inoltre proporre in vendita, prima della macchina, una sviluppatrice, uno scanner, ecc.

Nel frattempo, cercano aziende disposte ad investire con loro, per la produzione, inizialmente su scala ridotta, dei componenti meccanici ed elettronici per la fotocamera di là da venire. Sembrano, temo, come dei liceali che decidono di costruire un aliante durante le vacanze estive… solo che qui, i fantasiosi progettisti hanno raggranellato circa 132.000,- Sterline (son soldi, ragazzi!).
Io sono sempre un ottimista, ma spero che non abbiano fatto il passo più lungo della gamba: spero abbiano letto l'istruttivo libro di Antonetto sulla nascita, ascesa, declino e caduta di Rectaflex (che fu una macchina geniale!), ma forse, non essendo online, manco sanno che esiste…

Un altro caso, che mi da' da pensare, è che pure Ars-Imago (che è un'azienda seria ed affermata), non sia riuscita a cavare ancora un ragno dal buco con il suo progetto Lab-Box: possibile che con quasi 657.000,- Euro di finanziamento, non si trovi un'azienda di prodotti plastici in grado di realizzare gli stampi e mettere in produzione la sviluppatrice? In fondo, la Rondinax non era mica un Patek-Philippe "Compliquée"!...

E poi, sventagliate di fango a Ferrania (che nonostante tutto, una pur limitata produzione la ha distribuita), che comunque non fa molto per mettersi al riparo da talvolta meritate critiche...

Ma il primissimo Agnelli, come ha fatto a mettere in piedi la FIAT, senza Kickstarter?...


"Evitate il tono troppo aspro e duro, usato dalla maggior parte di coloro che debbono nascondere la loro scarsa capacità".
(Erwin Rommel)

Advertisement
Avatar utente
Federico
esperto
Messaggi: 134
Iscritto il: 07/09/2013, 1:24
Reputation:
Località: Bologna

Re: Una nuova reflex

Messaggioda Federico » 18/07/2018, 19:57

NNNN_AAAA ha scritto:In gioco spontaneamente lo fai con i tuoi mezzi, pochi o tanti che siano. [...] Comodo fare le cose coi soldi altrui sapendo che nemmeno li devi restituire


Ripeto, se uno chiede dei soldi per finanziare un progetto e uno decide spontaneamente di fare una "donazione" non vedo quale sia il problema.
Steve Jobs, quanto fondò Apple nel lontano 1976 chiese a Mike Markkula di investire 250.000 dollari per la produzione dell'Apple II, il primo personal computer in senso moderno della storia. Jobs all'epoca non aveva un ghello ma Mike Markkula sì: questo signore credeva nel suo progetto e Jobs non si è fatto scrupolo a fare quello che oggi chiamiamo "crowdfunding". Markkula ha voluto rischiare e non poco, ecco tutto, ma nessuno sicuramente lo ha obbligato e ad oggi, comunque, sappiamo tutti come è finita questa storia.
Quindi ribadisco, si tratta di libera scelta.


Zeiss T*. L'immagine che danza.

Web site: http://www.polverediargento.blogspot.it

Avatar utente
karlo
guru
Messaggi: 445
Iscritto il: 08/06/2013, 19:44
Reputation:

Re: Una nuova reflex

Messaggioda karlo » 18/07/2018, 21:25

Elmar Lang ha scritto:Un aggiornamento del 16 Luglio:


Scusate, credevo si copiasse il solo link, anziché un intero banner pubblicitario… Dunque, per farla breve, aspettano la Photokina per presentare -forse- il prototipo ed inoltre proporre in vendita, prima della macchina, una sviluppatrice, uno scanner, ecc.

Nel frattempo, cercano aziende disposte ad investire con loro, per la produzione, inizialmente su scala ridotta, dei componenti meccanici ed elettronici per la fotocamera di là da venire. Sembrano, temo, come dei liceali che decidono di costruire un aliante durante le vacanze estive… solo che qui, i fantasiosi progettisti hanno raggranellato circa 132.000,- Sterline (son soldi, ragazzi!).
Io sono sempre un ottimista, ma spero che non abbiano fatto il passo più lungo della gamba: spero abbiano letto l'istruttivo libro di Antonetto sulla nascita, ascesa, declino e caduta di Rectaflex (che fu una macchina geniale!), ma forse, non essendo online, manco sanno che esiste…

Un altro caso, che mi da' da pensare, è che pure Ars-Imago (che è un'azienda seria ed affermata), non sia riuscita a cavare ancora un ragno dal buco con il suo progetto Lab-Box: possibile che con quasi 657.000,- Euro di finanziamento, non si trovi un'azienda di prodotti plastici in grado di realizzare gli stampi e mettere in produzione la sviluppatrice? In fondo, la Rondinax non era mica un Patek-Philippe "Compliquée"!...

E poi, sventagliate di fango a Ferrania (che nonostante tutto, una pur limitata produzione la ha distribuita), che comunque non fa molto per mettersi al riparo da talvolta meritate critiche...

Ma il primissimo Agnelli, come ha fatto a mettere in piedi la FIAT, senza Kickstarter?...



657000 euro sono tanti, davvero tanti.......



Avatar utente
bengi3
fotografo
Messaggi: 98
Iscritto il: 13/01/2018, 22:45
Reputation:

Re: Una nuova reflex

Messaggioda bengi3 » 18/07/2018, 22:52

Markkula fece un investimento e Jobs ci mise la faccia, la reputazione e altro, questi sembrano 4 cretinetti a cui un bel po' di sognatori hanno fatto un'offerta, senza avererli mai visti né sentiti parlare. Paragonare la capacitá di persuasione di Steve Jobs al fundraising è quasi blasfemo!



Advertisement
Avatar utente
Federico
esperto
Messaggi: 134
Iscritto il: 07/09/2013, 1:24
Reputation:
Località: Bologna

Re: Una nuova reflex

Messaggioda Federico » 19/07/2018, 1:01

bengi3 ha scritto:Markkula fece un investimento e Jobs ci mise la faccia, la reputazione e altro, questi sembrano 4 cretinetti a cui un bel po' di sognatori hanno fatto un'offerta, senza avererli mai visti né sentiti parlare. Paragonare la capacitá di persuasione di Steve Jobs al fundraising è quasi blasfemo!


Veramente non ci trovo nulla di blasfemo considerando che all’epoca Jobs & friends erano considerati “poveri sognatori che tentavano di portare il computer nelle case di tutti”.
Ma chi mai avrebbe comprerato un computer? Soltanto dei cretini... =))
(fine o.t.)


Zeiss T*. L'immagine che danza.

Web site: http://www.polverediargento.blogspot.it

Avatar utente
graic
superstar
Messaggi: 3704
Iscritto il: 03/10/2012, 17:15
Reputation:

Re: Una nuova reflex

Messaggioda graic » 19/07/2018, 4:04

Ma date le premesse di questo progetto il paragone sarebbe giusto se Jobs avesse promesso a Markkula di produrre in una settimana un computer che avrebbero potuto vendere a 10 dollari
E comunque una cosa è fare un investimento su una nuova idea, il venture capital è una solida realtà, e altro è regalare i soldi per la progettazione degli asini che volano.


Saluti
Gianni


La situazione è grave ma non seria.

Avatar utente
NNNN_AAAA
esperto
Messaggi: 109
Iscritto il: 04/08/2017, 16:53
Reputation:

Re: Una nuova reflex

Messaggioda NNNN_AAAA » 19/07/2018, 9:48

Elmar Lang ha scritto:Un aggiornamento del 16 Luglio:


Scusate, credevo si copiasse il solo link, anziché un intero banner pubblicitario… Dunque, per farla breve, aspettano la Photokina per presentare -forse- il prototipo ed inoltre proporre in vendita, prima della macchina, una sviluppatrice, uno scanner, ecc.

Nel frattempo, cercano aziende disposte ad investire con loro, per la produzione, inizialmente su scala ridotta, dei componenti meccanici ed elettronici per la fotocamera di là da venire. Sembrano, temo, come dei liceali che decidono di costruire un aliante durante le vacanze estive… solo che qui, i fantasiosi progettisti hanno raggranellato circa 132.000,- Sterline (son soldi, ragazzi!).
Io sono sempre un ottimista, ma spero che non abbiano fatto il passo più lungo della gamba: spero abbiano letto l'istruttivo libro di Antonetto sulla nascita, ascesa, declino e caduta di Rectaflex (che fu una macchina geniale!), ma forse, non essendo online, manco sanno che esiste…

Un altro caso, che mi da' da pensare, è che pure Ars-Imago (che è un'azienda seria ed affermata), non sia riuscita a cavare ancora un ragno dal buco con il suo progetto Lab-Box: possibile che con quasi 657.000,- Euro di finanziamento, non si trovi un'azienda di prodotti plastici in grado di realizzare gli stampi e mettere in produzione la sviluppatrice? In fondo, la Rondinax non era mica un Patek-Philippe "Compliquée"!...

E poi, sventagliate di fango a Ferrania (che nonostante tutto, una pur limitata produzione la ha distribuita), che comunque non fa molto per mettersi al riparo da talvolta meritate critiche...

Ma il primissimo Agnelli, come ha fatto a mettere in piedi la FIAT, senza Kickstarter?...


Se non sbaglio entra per ultimo e poi si prende tutto.
Anche il paragone con Apple fatto dall'altro utente sembra un po' campato per aria e anche nemmeno troppo corrispondente alla realtà.
Ad ogni modo come qualcuno ha scritto più volte basta scrivere al Signor Kobayashi e si mette in mano a lui la cosa perché mi sembra l'unica soluzione per creare un prodotto di qualità.

Su Ferrania (Film Ferrania): forse all'epoca la cosa migliore era (non chiedetemi come), previe attente valutazioni sulla capacità minima di produzione dello stabilimento, comprare tutta la fabbrica e continuare a produrre tutto, anche e soprattutto conto terzi.



Avatar utente
Elmar Lang
superstar
Messaggi: 2494
Iscritto il: 28/08/2012, 16:11
Reputation:
Località: Trentino A-A

Re: Una nuova reflex

Messaggioda Elmar Lang » 19/07/2018, 11:23

Il fatto stesso che il progetto "Reflex" abbia ottenuto un finanziamento pubblico di ca. 132.000,- Sterline, in effetti deve far pensare: la cifra non è bassa in sè, tutt'altro, ma ben poca cosa, se si pensasse di mettere in cantiere una fotocamera ambiziosa e dalle notevoli prestazioni, quali quelle offerte dai promotori. In ciò forse dovrebbe trasparire lo scetticismo da parte di chi non ha finanziato l'impresa, ed una partecipazione forse più determinata dal supporto di giovani appassionati, sognatori e principianti.

Infatti i promotori del progetto, nell'annunciare la probabile presentazione di un prototipo (magari in legno e metallo, semifunzionante, come la Rectaflex del 1947?) alla prossima Photokina, annunciano che la loro prima produzione sarà una sviluppatrice da tavolo (ispirata, mi par di capire alla Lab-Box... che non c'è ancora), uno scanner ed altra attrezzatura fotodigitale, la cui vendita aiuterà a raccogliere ulteriori fondi per lo sviluppo della fotocamera. A quanto pare, si devono esser resi conto di aver poco in cassa.
In altre parole, sono in alto mare. Volendo cominciare a fare il rompiscatole, comincio a nutrire seri dubbi che abbiano mai realizzato un prototipo funzionante (quello col quale sarebbero state realizzate le immagini con difetti da infiltrazione di luce, ecc.), al di là dei modelli pubblicati sul loro sito.

Sempre che, a voler pensare male, la cosa non sia stata lo scherzo di un gruppo di buontemponi, per dividersi una discreta "torta" da spendere come meglio loro aggrada.

Diverso e significativo, è il successo di finanziamento di Lab-Box, dovuto anche al fatto che a presentarne il progetto è stata una ditta nota ed apprezzata non solo in Italia, quale Ars-Imago. Sinceramente non capisco come mai -con un capitale a disposizione di ben oltre mezzo milione di Euro- non sembri si sia ancora trovato un accordo con un'azienda di prodotti in plastica, per produrla in serie. Potrebbe anche darsi che ad un'attenta analisi, le prospettive di vendita di Lab-Box non siano tali da giustificare l'investimento per una produzione industriale, col rischio di trovarsi un magazzino ingombro di centinaia, se non migliaia di vaschette…


"Evitate il tono troppo aspro e duro, usato dalla maggior parte di coloro che debbono nascondere la loro scarsa capacità".
(Erwin Rommel)

Avatar utente
colonial
esperto
Messaggi: 164
Iscritto il: 06/01/2015, 16:29
Reputation:
Località: Hermosillo Mex

Re: Una nuova reflex

Messaggioda colonial » 19/07/2018, 15:11

Agnelli la primissima fiat la ha aperta semplicemente con 10.000.000 di lire dell'epoca;
Con 132.000 pound oggi si crea a stento 1 posto di lavoro tipo fabbro di campagna oppure da elettricista-svita-lampade.



Avatar utente
Elmar Lang
superstar
Messaggi: 2494
Iscritto il: 28/08/2012, 16:11
Reputation:
Località: Trentino A-A

Re: Una nuova reflex

Messaggioda Elmar Lang » 19/07/2018, 15:41

10.000.000 di lire dei primi del 900 erano un capitale enorme...


"Evitate il tono troppo aspro e duro, usato dalla maggior parte di coloro che debbono nascondere la loro scarsa capacità".
(Erwin Rommel)



  • Advertisement

Torna a “Open Space”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti