Studio sugli effetti dell'agitazione e del prebagno sul contrasto del negativo.

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: Silverprint, chromemax

Avatar utente
NikMik
superstar
Messaggi: 1732
Iscritto il: 08/11/2012, 21:10
Reputation:
Località: Firenze

Re: Studio sugli effetti dell'agitazione e del prebagno sul contrasto del negativo.

Messaggioda NikMik » 23/03/2018, 9:14

... ah! ah! Anch'io ho fatto subito lo stesso pensiero sulla Jobo! E, nel frattempo che agito a mano, farò col metodo Ilford che mi permette di sorseggiare la tazzina di caffè fra un'agitazione e l'altra (il metodo Kodak è più ansiogeno).
Verosimilmente anche per sviluppi più brevi (5 minuti o poco più) ci si dovrebbe aspettare di ottenere valori così simili sulle luci fra i due tipi di agitazione manuale, o no?
Complimenti per il lavoro, elegantissimo nella concezione e nell'esecuzione (e nell'esposizione).
Credo perfino di averci capito qualcosa!
Vorrei chiedere: il valore corrispondente allo scalino 21 della striscia 1918 mi pare "strano" rispetto all'andamento generale. O no?



Advertisement
Avatar utente
michelemf
fotografo
Messaggi: 42
Iscritto il: 16/09/2016, 14:41
Reputation:

Re: Studio sugli effetti dell'agitazione e del prebagno sul contrasto del negativo.

Messaggioda michelemf » 23/03/2018, 15:44

Complimenti per il grande lavoro e grazie per la pubblicazione dei risultati. Leggendo le varie procedure mi è venuto un dubbio sul metodo di agitazione Ilford usato: sui vari datasheet scrivono: "Fit the sealing cap and turn the tank upside down four times during the first 10 seconds and again for 10 seconds (that is four inversions) at the start of every further minute to agitate the developer. Each time you invert the tank tap it on the bench to dislodge any air bubbles which may have formed on the film". In pratica non parlano mai del primo minuto di agitazione continua. Probabilmente non cambia nulla o hanno cambiato qualcosa nel tempo, mi è solo sorto questo dubbio. Non vorrei contaminare una discussione così interessante con una domanda stupida (in caso apro un nuovo thread).



Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 8417
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: Studio sugli effetti dell'agitazione e del prebagno sul contrasto del negativo.

Messaggioda chromemax » 23/03/2018, 18:01

In coda al post si Sandro, dietro sua richiesta, ho aggiunto i grafici e alcune mie considerazioni.
Buona lettura.



Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 8417
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: Studio sugli effetti dell'agitazione e del prebagno sul contrasto del negativo.

Messaggioda chromemax » 23/03/2018, 18:05

michelemf ha scritto:Complimenti per il grande lavoro e grazie per la pubblicazione dei risultati. Leggendo le varie procedure mi è venuto un dubbio sul metodo di agitazione Ilford usato: [snip]
In pratica non parlano mai del primo minuto di agitazione continua. Probabilmente non cambia nulla o hanno cambiato qualcosa nel tempo, mi è solo sorto questo dubbio. Non vorrei contaminare una discussione così interessante con una domanda stupida (in caso apro un nuovo thread).

L'agitazione continua per i primi 30-60 secondi di trattamento è una buona norma dato che sono proprio questi primi secondi i più delicati e incui può verificarsi una carenza di uniformità di sviluppo. Anche valutando le risultanze del test, la variazione sul contrasto è ininfluente.



Advertisement
Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 8417
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: Studio sugli effetti dell'agitazione e del prebagno sul contrasto del negativo.

Messaggioda chromemax » 23/03/2018, 18:15

NikMik ha scritto:Vorrei chiedere: il valore corrispondente allo scalino 21 della striscia 1918 mi pare "strano" rispetto all'andamento generale. O no?

Mi permetto di rispondere io perché ne abbiamo parlato privatamente; in effetti il valore è contraddittorio, le cause possono essere molteplici, come in ogni cosa della vita vi sono una serie tolleranze, deviazioni, piccoli errori, ecc. che entrano nel processo.
In contesti struttrati (laboratori, industria, ecc.) i dati "strani" vengono compensati con medie statistiche su più sessioni di test identici, per chi si "diverte", anche se seriamente (scusate il gioco di parole :) ), l'impegno in tempo e soldi non è giustificato (già Sandro ha fatto moltissimo): per quanto riguarda la mia analisi dei dati per la creazione dei grafci, quello era un dato incoerente e non plasuibile per cui, in maniera del tutto arbitraria, ho usato un dato molto più coerente e probabilmente anche realistico di 0,02.



Avatar utente
giuseppe.nuzzo
appassionato
Messaggi: 17
Iscritto il: 11/07/2017, 2:41
Reputation:

Re: Studio sugli effetti dell'agitazione e del prebagno sul contrasto del negativo.

Messaggioda giuseppe.nuzzo » 24/03/2018, 1:30

Dall applicazione non mi fa vedere gli allegati di Sandro! Dice che non ho i permessi ! Cosa devi fare?


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk



Avatar utente
NikMik
superstar
Messaggi: 1732
Iscritto il: 08/11/2012, 21:10
Reputation:
Località: Firenze

Re: Studio sugli effetti dell'agitazione e del prebagno sul contrasto del negativo.

Messaggioda NikMik » 24/03/2018, 8:52

chromemax ha scritto:
NikMik ha scritto:Vorrei chiedere: il valore corrispondente allo scalino 21 della striscia 1918 mi pare "strano" rispetto all'andamento generale. O no?


Mi permetto di rispondere io perché ne abbiamo parlato privatamente; in effetti il valore è contraddittorio, le cause possono essere molteplici, come in ogni cosa della vita vi sono una serie tolleranze, deviazioni, piccoli errori, ecc. che entrano nel processo.[...]
[...] per quanto riguarda la mia analisi dei dati per la creazione dei grafci, quello era un dato incoerente e non plasuibile per cui, in maniera del tutto arbitraria, ho usato un dato molto più coerente e probabilmente anche realistico di 0,02.


Ma io non pensavo a un errore strumentale o di misurazione. Sospettavo banalmente che si potesse trattare di un errore di trascrizione (uno 0,02 manoscritto potrebbe essere stato ribattuto leggendo 0,07)...
Correggere molte bozze editoriali ha lasciato in me un "trauma" indelebile... vedo ovunque possibili errori di... stompa. :)
E tu, Diego, hai agito da bravo filologo, ipotizzando (in modo per niente arbitrario) un "errore d'autore" e correggendo secondo quella che ritieni una "lezione" migliore e corretta. Basta che lo segnali in nota a piè di pagina :))



Avatar utente
-Sandro-
superstar
Messaggi: 5091
Iscritto il: 13/08/2010, 16:25
Reputation:
Località: Genova
Contatta:

Re: Studio sugli effetti dell'agitazione e del prebagno sul contrasto del negativo.

Messaggioda -Sandro- » 24/03/2018, 10:10

In realtà non è stato un errore di trascrizione, si è trattato semplicemente di un valore anomalo: ne avevo subito notato l'inconsistenza e proprio per questo ho ripetuto la lettura e controllato la taratura del densitometro.



Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 8417
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: Studio sugli effetti dell'agitazione e del prebagno sul contrasto del negativo.

Messaggioda chromemax » 24/03/2018, 11:31

giuseppe.nuzzo ha scritto:Dall applicazione non mi fa vedere gli allegati di Sandro! Dice che non ho i permessi ! Cosa devi fare?


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

Dovresti riuscire a vederli adesso, forse prima eri limitato perché non avevi più di 5 messaggi all'attivo



Avatar utente
Nazario
fotografo
Messaggi: 42
Iscritto il: 26/03/2017, 18:24
Reputation:

Re: Studio sugli effetti dell'agitazione e del prebagno sul contrasto del negativo.

Messaggioda Nazario » 24/03/2018, 17:50

Grazie infinite per questo studio accurato.





  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti