sviluppo T MAX

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: Silverprint, chromemax

Avatar utente
carlo battisti
appassionato
Messaggi: 6
Iscritto il: 10/09/2018, 12:28
Reputation:

sviluppo T MAX

Messaggioda carlo battisti » 20/09/2018, 17:44

Cari Amici competenti: chi mi può dare una risposta alle seguenti domande?
Tempi base di sviluppo delle pellicole T MAX 100 e T MAX 400 con il rivelatore HC110 esposte sia per il valore nominale che per 250 ISO (la 400) e 50 ISO (la 100).
Io sviluppo in tank Jobo con sviluppatrice CPE3.
Aspetto un'illuminazione...
Carlo
P.S. dimenticavo: il rivelatore HC110 in diluizione B (1+31)
Grazie



Advertisement
Avatar utente
Ri.Co.
guru
Messaggi: 749
Iscritto il: 06/09/2015, 23:36
Reputation:

Re: sviluppo T MAX

Messaggioda Ri.Co. » 20/09/2018, 18:16

Ciao, premetto che, come ti diranno anche altri, tempi base veri e propri non ce ne sono se non con lo spannometro e dovresti fare delle prove.
Questo detto, io la tmax400 la espongo a 200 sempre e se espongo sulle ombre ho un tempo base per scene a contrasto alto di 7:00 con hc110 in Dil E da stampare in luce diffusa. Se espongo sul grigio medio circa sale a 8:15.
Non mi sento di dirti di usare questi tempi però , non ho minimamente idea di come esponi, come stampi..su che carta ecc ecc.
Potrei dirti sicuramente di usare ina diluizione diversa dalla B (E o H)
Inoltre mi pare che sandro presta avesse fatto delle valutazioni circa il contrasto conseguente dalle agitazioni manuali rispetto alla rotazione jobo.



Avatar utente
carlo battisti
appassionato
Messaggi: 6
Iscritto il: 10/09/2018, 12:28
Reputation:

Re: sviluppo T MAX

Messaggioda carlo battisti » 20/09/2018, 21:46

Ciao Ri.Co, grazie della risposta: io espongo sempre per le basse luci (che poi compenso con lo sviluppo in quei casi nei quali le alte luci ne risentano troppo...) ma le mie composizioni (io faccio esclusivamente still life in luce continua assai morbida e stampo con luce diffusa) sono piuttosto uniformi e raramente oltrepasso i quattro stop di range...
Mi piacerebbe capire meglio il tuo deciso consiglio di non usare la diluizione B ma, piuttosto, la E o la H: quale la motivazione?
Conosco e stimo Sandro e spero anche in un suo prezioso consiglio...
Buona notte, Carlo Battisti



Avatar utente
Ri.Co.
guru
Messaggi: 749
Iscritto il: 06/09/2015, 23:36
Reputation:

Re: sviluppo T MAX

Messaggioda Ri.Co. » 21/09/2018, 0:08

Con la diluizione B hai dei tempi estremamente brevi pertanto piccole variazioni sul tempo hanno una incidenza percentuale maggiore .
Dato che questo rivelatore a un andamento sostanzialmente lineare in funzione dell’aumento della diluizione andare alla diluizione E oppure H ti permette di affinare le tempistiche in modo più preciso avendo margini maggiori . Ad ogni modo ritengo che con soli quattro stop di contrasto i tempi che ti ho indicato siano Molto probabilmente troppo brevi



Advertisement
Avatar utente
Ri.Co.
guru
Messaggi: 749
Iscritto il: 06/09/2015, 23:36
Reputation:

Re: sviluppo T MAX

Messaggioda Ri.Co. » 21/09/2018, 0:09

Con la diluizione B hai dei tempi estremamente brevi pertanto piccole variazioni sul tempo hanno una incidenza percentuale maggiore .
Dato che questo rivelatore ha un andamento sostanzialmente lineare in funzione dell’aumento della diluizione, andare alla diluizione E oppure H ti permette di affinare le tempistiche in modo più preciso avendo margini maggiori . Ad ogni modo ritengo che con soli quattro stop di contrasto i tempi che ti ho indicato siano Molto probabilmente troppo brevi



Avatar utente
carlo battisti
appassionato
Messaggi: 6
Iscritto il: 10/09/2018, 12:28
Reputation:

Re: sviluppo T MAX

Messaggioda carlo battisti » 21/09/2018, 10:42

Grazie Ri.Co: ho capito i tuoi consigli.
Un solo dubbio: nella mia documentazione tecnica dell HC110 sono previste soluzioni dalla A alla F (sia da concentrato che da stock) ma non si parla di diluizione H: come è costituita questa soluzione? Mi dici, poi, che per un range di quattro stop i tempi che tu mi hai indicato sono, forse, troppo brevi: non voglio forzarti ad una risposta che io per primo capisco empirica se non sostenuta da esperienze dirette... ma quali altri tempi mi consigli (almeno per partire da un dato...)?
Buona giornata, Carlo



Avatar utente
-Sandro-
superstar
Messaggi: 5146
Iscritto il: 13/08/2010, 16:25
Reputation:
Località: Genova
Contatta:

Re: sviluppo T MAX

Messaggioda -Sandro- » 21/09/2018, 13:35

In questa pagina vi sono parecchi dati che possono servirti:

http://www.covingtoninnovations.com/hc110/

Fermo restando che la diluizione B è troppo energica, e che tutti i tempi indicati sono suscettibili di prove accurate preliminari.

L'influenza della agitazione Jobo è pressoché nulla, non devi modificare i tempi di sviluppo a meno che non usi velocità molto elevate.





  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti