Sviluppo non compensatore e non finegranulante

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: Silverprint, chromemax

Avatar utente
easyliving
appassionato
Messaggi: 17
Iscritto il: 03/01/2019, 15:12
Reputation:

Re: Sviluppo non compensatore e non finegranulante

Messaggioda easyliving » 07/01/2019, 18:24

Carlo-exCiauz ha scritto:Hai mai provato con le 2 ilford, lo ID11 stock o 1+1 (il d76 è assai simile) ? Cioè sai già cosa non vuoi e perchè? Cmq sia, se dovessi sperimentare un'idea, farei almeno 2 rulli per pellicola sugli stessi soggetti e li svilupperei con dev diversi (solo così hai dei termini di paragone concreti e veritieri).
Ciao e cmq vada ti sarai fatto un'esperienza in più!


Tu usi Pan-F e HP5 in D-76 1+1?



Advertisement
Avatar utente
Carlo-exCiauz
fotografo
Messaggi: 48
Iscritto il: 07/09/2015, 9:18
Reputation:
Località: Padova
Contatta:

Re: Sviluppo non compensatore e non finegranulante

Messaggioda Carlo-exCiauz » 09/01/2019, 9:12

Panf lho usata 1 volta in 35mm con dk76 1+3. Non mi è piaciuto il risultato stampato ma presumo colpa mia per via di un soggetto di suo molto contrastato. Hp5 in 120 solo con Id11 1+1. Ma non mi sono trovato a mio agio e lho abbandonata (non mi ha entusiasmato e ad oggi non ho avuto voglia di approfondire). Uso fp4 e delta100 e acros100 e foma100. Su queste uso Id11 e le stampe mi vanno molto bene. Ci sono tante variabili ma alla fine conta la stampa e la sua "facilità" ad ottenerla. Dicevo solo che se vuoi veramente approfondire devi fare delle prove oggettive. I consigli su quale pellicola e quale rivelatore sono migliori sono tanto soggettivi. Belle stampe le puoi vedere in tutte le combinazioni. C'è chi si è stabilizzato sulla pirocatechina e non usa altro. Però si, credo valga la pena di approfondire almeno per togliersi qualche sfizio più che lecito

Inviato dal mio U FEEL PRIME utilizzando Tapatalk



Avatar utente
Scordisk
guru
Messaggi: 339
Iscritto il: 04/01/2017, 18:07
Reputation:

Re: Sviluppo non compensatore e non finegranulante

Messaggioda Scordisk » 09/01/2019, 20:35

impressionando ha scritto:@Domenico
@
Avatar utente
Scordisk

Gli effetti "drammatici" è meglio cercarli in stampa con un buon negativo. Il negativo drammatico non rende la foto drammatica ma rende drammatica la camera oscura ;)


"usavo la corda" del collega, ovvero mi riferivo alla sua richiesta di un trattamento deciso, se non drastico, della pellicola. non era chiaro?



Avatar utente
easyliving
appassionato
Messaggi: 17
Iscritto il: 03/01/2019, 15:12
Reputation:

Re: Sviluppo non compensatore e non finegranulante

Messaggioda easyliving » 12/01/2019, 0:10

Grazie dei consigli. Per incominciare penso che farò qualche rullo di prova con la FP4 a 64 ISO sviluppata secondo i tempi del bugiardo sia in Rodinal One Shot 1+25 che in Studional 1+30. Appena riuscirò ad allestire la camera oscura farò qualche stampa e vedrò i risultati globali e se ci sono differenze significative tra i due sviluppi.



Advertisement


  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti