Dubbi diluizione e riutilizzo chimici

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: chromemax, Silverprint

Rispondi
Avatar utente
NiMo8114
appassionato
Messaggi: 6
Iscritto il: 05/09/2019, 11:16
Reputation:

Dubbi diluizione e riutilizzo chimici

Messaggio da NiMo8114 »

Ciao, sicuramente ne avrete già scritto ma a fare la ricerca nei forum divento sempre matto per cui ne approfitto e lo richiedo se qualcuno volesse aiutarmi. Sto usando una lab box per adesso con il monobagno di arsimago e lì è facile, miscelo le due parti con acqua e faccio 300ml di soluzione.

Con stop e fissaggio a parte invece ho visto sui bugiardini che si ragiona sempre a litro di soluzione e qui viene il primo dubbio: faccio un litro di soluzione per volta anche se me ne servono solo 300 e poi una volta usate le rimetto nella bottiglia da un litro?

Secondo dubbio: in questo modo, che siano 300ml o 1 litro, quanto durano stop e fissaggio diluiti?

Terzo dubbio: considerato che, ad esempio per lo stop, per fare un litro ci vogliono solo 50ml di prodotto e le bottiglie di chimica sono da 500, quanto durano i chimici non diluiti?



Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 9502
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: Dubbi diluizione e riutilizzo chimici

Messaggio da chromemax »

NiMo8114 ha scritto:Ciao, sicuramente ne avrete già scritto ma a fare la ricerca nei forum divento sempre matto per cui ne approfitto e lo richiedo se qualcuno volesse aiutarmi. Sto usando una lab box per adesso con il monobagno di arsimago e lì è facile, miscelo le due parti con acqua e faccio 300ml di soluzione.

Con stop e fissaggio a parte invece ho visto sui bugiardini che si ragiona sempre a litro di soluzione e qui viene il primo dubbio: faccio un litro di soluzione per volta anche se me ne servono solo 300 e poi una volta usate le rimetto nella bottiglia da un litro?

Secondo dubbio: in questo modo, che siano 300ml o 1 litro, quanto durano stop e fissaggio diluiti?

Terzo dubbio: considerato che, ad esempio per lo stop, per fare un litro ci vogliono solo 50ml di prodotto e le bottiglie di chimica sono da 500, quanto durano i chimici non diluiti?
Se fai una ricerca sui siti dei produttori puoi scaricare i datasheet dei prodotti che usi sui quali sono riportate tutte le informazioni che chiedi.
Arresto e fix, una volta usati, possono essere rimessi nella bottiglia da 1 litro insieme alla soluzione rimasta.

Avatar utente
NiMo8114
appassionato
Messaggi: 6
Iscritto il: 05/09/2019, 11:16
Reputation:

Re: Dubbi diluizione e riutilizzo chimici

Messaggio da NiMo8114 »

chromemax ha scritto:Se fai una ricerca sui siti dei produttori puoi scaricare i datasheet dei prodotti che usi sui quali sono riportate tutte le informazioni che chiedi.
Il mio dubbio nasceva proprio dal fatto che per esempio sul sito di arsimago se vado a guardare la scheda dell'arresto che ho trovato non mi si parla di un tempo di scadenza ne sul diluito ne sul concentrato. Sul fissaggio invece sono estremamente dettagliati.
Arresto e fix, una volta usati, possono essere rimessi nella bottiglia da 1 litro insieme alla soluzione rimasta.
Ok grazie, quindi è meglio fare comunque un litro. Mi è anche più comodo.

Altra cosa che non mi è chiara è il discorso agitazione continua obbligatorio con la lab box a 300ml, non riesco a capire se in questo caso devo accorciare i tempi di sviluppo. Ad esempio ho sviluppato un paio di rullini con il monobagno ed erano fortemente sovraesposti ma potrei aver cannato l'esposizione io.

Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 9502
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: Dubbi diluizione e riutilizzo chimici

Messaggio da chromemax »

Col monobagno l'agitazione influisce poco o niente ma anche con gli sviluppi normali l'aumento di contrasto è abbastanza modesto e se scannerizzi direi anche ininfluente.

Avatar utente
NiMo8114
appassionato
Messaggi: 6
Iscritto il: 05/09/2019, 11:16
Reputation:

Re: Dubbi diluizione e riutilizzo chimici

Messaggio da NiMo8114 »

chromemax ha scritto:Col monobagno l'agitazione influisce poco o niente ma anche con gli sviluppi normali l'aumento di contrasto è abbastanza modesto e se scannerizzi direi anche ininfluente.
E allora ho cannato sicuramente l'esposizione, grazie dell'aiuto!

Avatar utente
_Alex_
esperto
Messaggi: 177
Iscritto il: 24/11/2015, 20:08
Reputation:
Località: Genova

Re: Dubbi diluizione e riutilizzo chimici

Messaggio da _Alex_ »

In linea MOLTO di massima (e' meglio controllare i bugiardini, come ti ha detto chromemax, ti sto dando solo indicazioni tanto al chilo), i chimici di arresto e fissaggio durano 2 anni in confezione sigillata dal produttore, dai sei mesi ad un anno dopo che sono stati aperti.

Se hai bisogno di 300ml io ne farei 500 e li metterei in bottiglia da 500ml. Quando sviluppi prendi la bottiglia e metti quanto ne entra nella tank, alla fine rimetti tutto nella bottiglia.

Per controllare se sono ancora attivi, nei bagni di arresto i produttori sono soliti aggiungere un colorante: finche' e' arancio il chimico e' attivo, quando diventa blu e' da buttare.
Ad onor del vero lo stop si potrebbe saltare e fare un bagno di 30sec in acqua corrente, risparmiando i soldi di un chimico e restando un filo piu' eco friendly, e' consigliato anche da S. Anchell nel suo famoso libro "Darkroom cookbook".
Tieni presente che io non ho mai sviluppato il colore, ma nella mia limitata esperienza col bianconero non vedo nessuna differenza.

Il fix si testa con la coda della pellicola, cerca in giro come si fa, e' molto semplice.

Per quanto riguarda il contrasto associato alla scansione non sono molto d'accordo con chromemax:
io faccio il processo ibrido con uno scanner semipro (Nikon SC4000) ed un monitor che copre lo spazio colore AdobeRgb.
La separazione dei toni in fase di sviluppo influisce molto sulle possibilita' di intervento in postproduzione: grana a parte, la Trix in D76 1+1 mi da' molti piu' dati utili su cui lavorare rispetto a quando la svilupp(av)o in Rodinal 1+50 ed operazioni come l'aumento di contrasto ne risentono molto (in Rodinal ho un grigiore diffuso davvero sgradevole).

Anche in altri ambiti mi sono accorto che lo scanner ha potenzialita', ma non e' la panacea per tutti i mali.
Ad esempio, e' vero che riesce a raccogliere dati in zone molto dense, ma il limite si raggiunge comunque senza troppi sforzi e la scansione resta lattiginosa anche solo con una Hp5+ esposta a 400 e sviluppata in Rodinal 1+50.
Oppure, si riescono a recuperare dati nelle ombre quando si sottoespone, ma si guadagna circa 1/3 di stop, poi si aumenta solo la grana in maniera inaccettabile. Ad esempio, se tu esponi la Trix a 250 in D76 1+1 con ingranditore a testa diffusa (ipotesi, non ricordo che ingranditore hai), io posso permettermi 320, ma a 400 le foto fanno gia' schifo.
Con la sovraesposizione, curando di ridurre drasticamente lo sviluppo, ho un po' di margine in piu', almeno 1,5 stop, ma se sovrasviluppo, anche a fronte di sottoesposizione, perdo subito le alte luci ed ho bianco senza dettagli, oltre a montagne di grana nelle ombre.

Avatar utente
Softbox
esperto
Messaggi: 182
Iscritto il: 26/04/2017, 17:18
Reputation:

Re: Dubbi diluizione e riutilizzo chimici

Messaggio da Softbox »

@ Alex : visto che scannerizzi, posso chiederti la tua combinazione preferita pellicola sviluppo in alto contrasto.
Sto provando dicerse combinazioni ma non vedo grosse differenze.

Ps = Sullo stop S.Anchell può dire la sua, ma se A.Calabresi dice di farlo, io lo fò. :-)

Avatar utente
_Alex_
esperto
Messaggi: 177
Iscritto il: 24/11/2015, 20:08
Reputation:
Località: Genova

Re: Dubbi diluizione e riutilizzo chimici

Messaggio da _Alex_ »

L'accoppiata che mi ha dato le maggiori soddisfazioni è [email protected] in D76 1+1, se potessi scatterei solo con quello.

Ho preparato lo sviluppo suggerito da Gainer per sostituire il D76 togliendo il solfito di sodio, ma non l'ho ancora provato con la Trix e sono molto curioso.
Ho fatto la formula più semplice:
-200ml acqua a 50-70°
-5g Carbonato di sodio (la soda solvay che si trova al supermarket), fa da buffer ed ambiente alcalino per sostenere lo sviluppo
-2g Vitamina C (Acido ascorbico, non ascorbato di sodio), fa da conservante (come il solfito di sodio, ma molto più efficiente) ed è superadditivo con i fenoli, tranne l'idrochinone
-0,02g Fenidone (ho fatto una soluzione di alcool denaturato al 2%, ne prendo 1ml con la siringa) è l'agente di sviluppo, può essere sostituito con 0,2g di metolo
-Acqua fino a 250ml
Diluire 1+1 per sviluppare la carta (ma non stampando non conosco i tempi) e 1+3 per le pellicole, usando i tempi del D76 stock.
Diluito non si conserva bene, io mi sono fatto mezzo litro di stock (raddoppiando i chimici) e l'ho diviso in 3 bottiglie ambrate di vetro da 150ml, riempiendo a tappo ne entrano 166ml a bottiglia circa, ho buttato solo 1-2ml.

Con l'[email protected] la grana è talmente sottile che lo scanner non la vede, mentre con Rodinal e D76 si distingue chiaramente. Esporre a 100 sarebbe stato meglio, considerando che andava scansita.

Avatar utente
Softbox
esperto
Messaggi: 182
Iscritto il: 26/04/2017, 17:18
Reputation:

Re: Dubbi diluizione e riutilizzo chimici

Messaggio da Softbox »

Grazie per le dritte, proverò con quanto mi hai suggerito, per trovare le differenze.
Intendo triX e fp4 in d76, il rivelatore fai da te, la lascio come variabile futura.

Rispondi