primi passi con le stampe

Discussioni su ingranditori e tecniche di stampa

Moderatori: chromemax, Silverprint

Avatar utente
hema
appassionato
Messaggi: 22
Iscritto il: 09/08/2019, 19:01
Reputation:

primi passi con le stampe

Messaggioda hema » 23/09/2019, 15:28

nei giorni precedenti avevo guardato con attenzione didattica il video di Andrea (silverprint) in cui spiega molto bene come procedere a fare dei provini a contatto e successiva stampa fine-art,
da quel video però mi erano sorti alcuni dubbi e gli avevo scritto in privato..
mi ha suggerito di parlarne in ambiente pubblico qui sul forum così da poter dare consigli che potrebbero essere utili anche ad altri..
propongo quindi qua le domande che mi erano venute in mente.

Ciao Andrea, mi permetto di darti del tu...
ho visto il tuo video e devo dire che è stato davvero una manna dal cielo per quanto riguarda l'avvicinarsi alla stampa..
ho alcune domande da principiante da farti, sperando abbia del tempo da dedicarmi.
nel video dici che utilizzi il tempo dettato dal metronomo per non avere l'inerzia della lampada.. proprio adesso che avevo finito di costruire il timerino.. :wall:
dici inoltre che parti a far le strisce di negativo dopo un tempo che tu ritieni corretto e al terzo provino dici inoltre che questo tempo cambierà perchè al variare del contrasto varia anche il tempo..
per le "parti più chiare" intendi ciò che nella foto dovrà essere il bianco della carta oppure un area di ipotetica zona 7-8 e per le parti scure intendi ciò che si ha deciso di metter in zona 4 nell'esposizione?
riusciresti a fare un esempio?? sulle istruzioni dei filtri ilford ho letto che il tempo raddoppiava solamente con filtri oltre il 4.
con che diaframma è utile partire a stampare?? se ad esempio ad obiettivo tutto chiuso ho tempi che stanno comunque sotto i 10", l'errore è stato in fase di sviluppo/esposizione della pellicola??
che sviluppo e carte consigli per iniziare?
ha senso imparare con le carte rc economiche oppure una volta che si passa alle baritate bisogna rivedere tutto il processo?
grazie mille!!!

ovviamente nulla può sostituire l'efficacia di un corso fatto di persona.. il mio sarebbe solo un tentativo di capire i rudimenti di base, purtroppo gli automatismi da "macchina impostata su automatico e via" non li hanno messi negli ingranditori.. :wall: :wall: :wall: :wall: :wall:



Advertisement
Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11622
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: primi passi con le stampe

Messaggioda Silverprint » 23/09/2019, 18:53

Il timer lo userai comunque per l'esposizione, è utile. Per il provino scalare invece è più comodo il metronomo.

Per iniziare farai un provino scalare con tante strisce, da 3 a 36" per es. Fatto questo primo provino se il tempo per ottenere densità medie adeguate è molto lungo aprirai un po' il diaframma, se è troppo breve, viceversa. L'esposizione è influenzata dalla densità del negativo, dalla grandezza della proiezione, dalla potenza della lampada, dal contrasto usato e dalla sensibilità della carta. Il solo tempo di esposizione, viste le variabili in gioco, non indica nulla.

I filtri sono calibrati in modo da avere un tono che non cambi (troppo) al variare del contrasto, però questo tono è più vicino ad un tono medio che agli estremi della gamma tonale dove va regolato il contrasto per cui in pratica l'esposizione varierà sempre variando il contrasto. Usando i filtri in gelatina varia meno sui toni chiari e più su quelli scuri, con la testa colore, oltre alla variazione dovuta al cambio di contrasto, c'è quella dipendente dall'assorbimento variabile dei filtri. Coi filtri in gelatina dal grado 4 in poi dovrai aumentare maggiormente l'esposizione, ma non raddoppiare come suggerito.

Il contrasto lo regoli sui toni dell'immagine, non rigidamente su una certa zona. Se per esempio vorrai fare una immagine tendenzialmente scura, dove i toni chiari siano un grigio medio, il contrasto lo regolerai tra i toni più scuri e quello. Etc.

Alcune RC molto economiche sono terribili. Ma la Ilford MG IV, la Adox MCP e La Foma Fomaspeed Variant vanno bene. A me piacciono i rivelatori Agfa e il Dektol, ma per iniziare vanno bene un po' tutti, magari tralasciando quelli "eco" che possono essere più difficili da usare.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
28zero
guru
Messaggi: 339
Iscritto il: 05/02/2018, 23:29
Reputation:
Località: Bari

Re: primi passi con le stampe

Messaggioda 28zero » 24/09/2019, 0:08

Perché gli sviluppi "eco" sono più difficili da usare?

Inviato dal mio Redmi 4 utilizzando Tapatalk



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11622
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: primi passi con le stampe

Messaggioda Silverprint » 24/09/2019, 1:09

28zero ha scritto:Perché gli sviluppi "eco" sono più difficili da usare?


Perché si può far fatica ad ottenere densità elevate e quindi si possono fare valutazioni errate del contrasto ed in fase di test sulla carta.

Per usarli bene bisogna avere occhio fino e la capacità di intervenire sulla diluizione e sul fattore.
Insomma non vanno bene per iniziare.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Advertisement
Avatar utente
28zero
guru
Messaggi: 339
Iscritto il: 05/02/2018, 23:29
Reputation:
Località: Bari

Re: primi passi con le stampe

Messaggioda 28zero » 24/09/2019, 8:33

Silverprint ha scritto:Perché si può far fatica ad ottenere densità elevate e quindi si possono fare valutazioni errate del contrasto ed in fase di test sulla carta.

Per usarli bene bisogna avere occhio fino e la capacità di intervenire sulla diluizione e sul fattore.
Insomma non vanno bene per iniziare.


Perfetto, io per ricominciare ho preso uno sviluppo "eco" . Ora si chiariscono un po' di cose, spero. Ho tempi di comparsa di 12-14 secondi (in estate con più di 30 gradi di temperatura ambiente). Ho fatto il test dell'accoppiata carta rivelatore con la MG IV RC e i fattori utilizzabili sono: minimo 8 e massimo 14. Con fattori più bassi lo sviluppo non è uniforme, con quelli più alti non vedo differenze. Potrei dare parte della responsabilità al rivelatore? In ogni caso ne prenderò subito uno "normale", anche per provare le differenze.


Inviato dal mio Redmi 4 utilizzando Tapatalk



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11622
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: primi passi con le stampe

Messaggioda Silverprint » 24/09/2019, 9:11

28zero ha scritto:...Potrei dare parte della responsabilità al rivelatore?


Sì. Certamente.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
28zero
guru
Messaggi: 339
Iscritto il: 05/02/2018, 23:29
Reputation:
Località: Bari

Re: primi passi con le stampe

Messaggioda 28zero » 24/09/2019, 9:36

Silverprint ha scritto:Sì. Certamente.


Grazie

Inviato dal mio Redmi 4 utilizzando Tapatalk



Avatar utente
Panterarosa
appassionato
Messaggi: 4
Iscritto il: 08/09/2019, 18:25
Reputation:

Re: primi passi con le stampe

Messaggioda Panterarosa » 24/09/2019, 13:43

Buon pomeriggio, se possibile, mi piacerebbe sapere perchè le preferenze vanno su rivelatori Agfa e Dektol.
Ho sempre usato Ilford; anche se ho ripreso da poco l'attività in c.o. mi piacerebbe sperimentare.
Grazie



Avatar utente
DanieleLucarelli
guru
Messaggi: 1152
Iscritto il: 12/08/2010, 16:56
Reputation:
Località: Livorno
Contatta:

Re: primi passi con le stampe

Messaggioda DanieleLucarelli » 24/09/2019, 16:26

hema ha scritto:...
nel video dici che utilizzi il tempo dettato dal metronomo per non avere l'inerzia della lampada.. proprio adesso che avevo finito di costruire il timerino.. :wall:
...


La funzione Provino a contatto del Timerino che stai costruendo non risente del problema dell'inerzia della lampada perché non spegne l'ingranditore ogni step ma ti avvisa con un segnale acustico quando spostare la maschera di cartoncino.
Il vantaggio rispetto al metronomo è che scegli la precisione che ti pare e che funziona anche con progressione geometrica. :D





  • Advertisement

Torna a “Ingranditori”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite