Domanda per gli espertoni di sensitometria

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: chromemax, Silverprint

Avatar utente
graic
superstar
Messaggi: 6572
Iscritto il: 03/10/2012, 17:15
Reputation:

Domanda per gli espertoni di sensitometria

Messaggio da graic »

Le ultime discussioni approfondite sulla misura della densità e sul sistema BTZS mi hanno abbastanza appassionato e,vorrei metterle in pratica, però non posseggo un densitometro. E allora: si costruisce, la cosa sembra non difficile, l'idea è quella di seguire un progetto messo a punto da un signore della NASA per applicazioni astrofotografiche.
1990JBAA__100___79N.pdf
(223.03 KiB) Scaricato 40 volte
In realtà il progetto è abbastanza semplice e io ho intenzione di aggiornarlo con l'uso di tecnologie un pò più moderne, cambindo tutti i componenti tranne il famoso BPW21 di cui abbiamo avuto modo di parlare in una altra occasione.
C'è però una cosa che io non comprendo ed è a questo proposito che faccio la domanda, perchè per la sorgente di luce del densitometro lui usa un led VERDE? Ad occhio io mi sarei orientato su un led bianco, vi è un motivo tecnico per fare la misura col verde? oppure magari lo hanno usato perchè allora era l'unico tipo che si trovava della potenza giusta? E nel caso che la misura standard si faccia col bianco l'uso del verde comporta variazioni ed errori nella misura?
Ringrazio in anticipo chi mi potrà dare delle indicazioni in merito


Saluti
Gianni


La situazione è grave ma non seria.

Telegram Vieni a scoprire il canale telegram di analogica.it - tantissime offerte su materiale fotografico analogico nuovo ed usato Offerte materiale analogico


Avatar utente
-Sandro-
superstar
Messaggi: 7004
Iscritto il: 13/08/2010, 16:25
Reputation:
Località: Genova

Re: Domanda per gli espertoni di sensitometria

Messaggio da -Sandro- »

Perché l'occhio umano è più sensibile al verde che agli altri colori, se consulti la curva V-Lambda su cui si tarano gli esposimetri vedrai che è una sorta di gaussiana col picco sul verde (555nm).
TUTTAVIA visto che di densitometri ne ho avuti diversi, e li ho smontati e ritarati tutti, posso dirti che nessuno usa luce verde, ma bianca: lampadina ad incandescenza (modelli specifici con filamenti corti da microscopia).
Al più sono presenti un filtro IR-CUT verde chiaro (ma molto chiaro), un filtro per la linearizzazione alla curva V-lambda (il 106 della wratten) ed eventuali ND di aggiustaggio, oppure set di filtri colorati nel caso il densitometro sia destinato all'analisi del materiale a colori.
Ubi maior minor cessat.

Pagina Facebook LFL
Listino LFL
Blog

Avatar utente
graic
superstar
Messaggi: 6572
Iscritto il: 03/10/2012, 17:15
Reputation:

Re: Domanda per gli espertoni di sensitometria

Messaggio da graic »

Quindi se uno vuol provare conviene orientarsi su dei led bianchi, probabilmente la scelta allora è stata per avere più luce, quel progetto è della fine anni '80 non c'erano ancora i led di potenza.
Saluti
Gianni


La situazione è grave ma non seria.

Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 11241
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: Domanda per gli espertoni di sensitometria

Messaggio da chromemax »

Probilmente è come dici.
I densitometri sono strumenti di misura e in quanto tali sottoposti a standard (ad esempio l'heiland non è conforme agli standrd iso, però fa il suo lavoro). Per le pellicole in BN la lettura delle densità è prevista sia effettuata in modalità "diffuse" e "visual", cioè con un sistema di illuminazione simile a quella di un ingranditore a luce diffusa (semplificazione orrenda ma facilmente comprensibile) e con lampada ad incandescenza con CT 2850K filtrata con un filtro che simula la risposta dell'occhio umano (il wratten 90 o il 106... vado a memoria per cui potrei sbagliare sui dati). Tutto questo chiaramente per fornire dei dati omogenei, coerenti e confrontabili, a prescindere dagli specifici contesti di misurazione.
Dato che nessuno di noi qui è ingegnere fotografico presso una ditta produttrice di materiale sensibile e che l'eventuale uso del densitometro è per esclusivo uso "fotografico" e non di laboratorio, qualsiasi strumento di misura della luce in grado di fornire letture ripetibili potrebbe essere utilizzato per estrapolare una serie di dati che, dopo essere stati confermati ed eventualmente corretti "sul campo", possono essere utili per un confronto di emulsioni o sviluppi.

Avatar utente
graic
superstar
Messaggi: 6572
Iscritto il: 03/10/2012, 17:15
Reputation:

Re: Domanda per gli espertoni di sensitometria

Messaggio da graic »

Quindi da quello che ho capito, a proposito del filtro, lo si usa per correggere la tonalità troppo calda, della lampada a incandescenza, quindi con un led bianco freddo o medio dovrei andare bene.
A proposito di led, un off topic interessante, cercando le specifiche dei led CREE ho scoperto che la casa adesso produce anche lampadie stndard ma di alto livello dichiarano illuminazione omnidirezionale e accensione e spegnimento istantaneo, data la qualità generale dei prodotti CREE è da crederci chissa quando arriveranno in Italia? Varra sicuramente la pena provarli sugli ingranditori https://www.creelighting.com/products/indoor
Saluti
Gianni


La situazione è grave ma non seria.

Avatar utente
colonial
guru
Messaggi: 345
Iscritto il: 06/01/2015, 16:29
Reputation:
Località: Hermosillo Mex

Re: Domanda per gli espertoni di sensitometria

Messaggio da colonial »

Occhio che la maggior parte dei led bianchi ha una composizione spettrale un po' strana...

Avatar utente
graic
superstar
Messaggi: 6572
Iscritto il: 03/10/2012, 17:15
Reputation:

Re: Domanda per gli espertoni di sensitometria

Messaggio da graic »

Visto che ulti mamente ho un problema agli occhi, che fin quando non mi opero mi ipedisce sia di fotografare che di stampare. Mi son dedicato ad altro sempre attinente. Ho ripreso in mano il progetto del densitometro e sono a buon punto. Fi faccio vedere un pò di foto dell'oggetto che ho messo su
Il sistema con la testina di misura sollevata:
open.jpg
La testina porta un sensore digitale di luminosità TAOS TLS2561 con risoluzione di 65536 (16bit) che viene illuminato attraverso l'oggetto da misurare dalla luce di un led bianco che passa attraverso un foro di 3mm, in pratica una versione un pò modernizzata di quello presente nel modulo della NASA che avevo postato. Il supporto del campione è un pannello a led svuotato di tutto il suo contenuto tranne la lastra il pexi opalino che serve per sorreggere e poter illuminare il campione.
Un paio di immagini durante la misura dell wedge Stouffer T4105
Stouf_1.jpg
Stouf_32.jpg
Il sistema è "quasi finito" i perfezionamenti che intendo fare sono
a) la taratura della scala in modo che dia direttamente il valore sello step della wedge corrispondente al campion, operazione semplice ma noiosa in quando per fare una cosa precisa va costruita sperimentalmente una lookup table.
b) scatolamento del tutto, specialmente la parte arduinica, cosa molto ardua data la mia nota imbranatura manuale.
Saluti
Gianni


La situazione è grave ma non seria.

Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 11241
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: Domanda per gli espertoni di sensitometria

Messaggio da chromemax »

Ma il led è dentro la scatola giusto? Non usi come illuminazione la tavoletta luminosa dove appoggia il densitometro. Hai già fatto delle misure per capire se funziona come dovrebbe?
Bel lavoro comunque, compllimenti!

Avatar utente
graic
superstar
Messaggi: 6572
Iscritto il: 03/10/2012, 17:15
Reputation:

Re: Domanda per gli espertoni di sensitometria

Messaggio da graic »

Il led è molto intenso ed è dentro la scatola, opportunamente schermato, così come è schermato il sensore quando è chiuso, inoltre la corrente del led è regolata per cui l'intensità luminosa di test è (o almeno dovrebbe essere) rigorosamente costante. La tavoletta luminosa sotto l'ho sistemata per illuminare tutto il campo in modo da potr scegliere agevolmente i punti di misura, Dalle prove fatte sembra funzioni come deve, comunque vedremo meglio dopo la taratura, se funziona la wedge poi non bisogna utilizzarla più.
Saluti
Gianni


La situazione è grave ma non seria.

Avatar utente
graic
superstar
Messaggi: 6572
Iscritto il: 03/10/2012, 17:15
Reputation:

Re: Domanda per gli espertoni di sensitometria

Messaggio da graic »

La parte più difficile è stata la costruzioone della base, inizialmente avevo usato una scatola per impianti elettrici con il coperchio sostituito da un plexiglas opalino, però era venuto bruttissimo, poi mi è venuta l'idea del pannello led, ne ho comprati diversi fino a trovarne, nel negozio dei cinesi, uno che si riusciva a smontare completamente lasciando solo lo schermo opalino. Da lì sono andato liscio
Saluti
Gianni


La situazione è grave ma non seria.

Telegram Vieni a scoprire il canale telegram di analogica.it - tantissime offerte su materiale fotografico analogico nuovo ed usato Offerte materiale analogico


Rispondi