Ilford Multigrade 600, si recupera?

Discussioni su ingranditori e tecniche di stampa

Moderatori: chromemax, Silverprint

Avatar utente
giubacchio
appassionato
Messaggi: 17
Iscritto il: 14/07/2014, 19:49
Reputation:

Ilford Multigrade 600, si recupera?

Messaggio da giubacchio »

Ciao a tutti,
è da parecchio che non navigo queste acque, ma sono di ritorno in quanto a breve avrei lo spazio per allestire una camera oscura e tornare un pò a giocare con la stampa analogica.

A questo proposito, sono entrato quasi per caso in possesso di un ingranditore Ilford Multigrade 600, e volevo chiedere il vostro parere circa il suo eventuale "salvataggio", in quanto è mancante dell'unità di controllo Ilford Multigrade 600C. Esiste secondo voi la possibilità di trovare un ricambio "equivalente"? In alternativa, è possibile risalire a schemi elettrici e piedinature dei connettori?

Riguardo al sistema, è equipaggiato con diffusore MG 69/805 e portanegativi Bimaneg 6x6. Non sono sicuro però di quale sia il modello effettivo dell'ingranditore: ha le fattezze (ed il colore) del Durst Laborator 1200, ma non ha le levette rosse che vedo nelle foto online.

Vi allego qualche foto, scommetto che per voi non sarà un problema identificarlo.

Grazie mille,
Giulio
Allegati
1715624055858_r.jpg
1715624055824_r.jpg
1715624055788_r.jpg
1715624055761_r.jpg



Telegram Vieni a scoprire il canale telegram di analogica.it - tantissime offerte su materiale fotografico analogico nuovo ed usato Offerte materiale analogico


Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 13180
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Faenza
Contatta:

Re: Ilford Multigrade 600, si recupera?

Messaggio da Silverprint »

La Ilford MG-600 è la Durst Multigraph rimarchiata.

Trovare i ricambi è difficile, così come è difficile ripararlo.

È un sistema closed loop in cui la luce viene monitorata e corretta durante l'esposizione.
Il tutto è regolato da motori passo passo e dal timer (computer) della centralina.
Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it
[email protected]

Avatar utente
giubacchio
appassionato
Messaggi: 17
Iscritto il: 14/07/2014, 19:49
Reputation:

Re: Ilford Multigrade 600, si recupera?

Messaggio da giubacchio »

Ciao Andrea, si queste informazioni le avevo già carpite: esiste tra l'altro un vecchio topic in questo forum riguardante lo stesso oggetto, dove tu menzionavi i diversi ingranditori adatti ad essere montati sula testa Ilford 600H. Stavo appunto cercando di capire i dettagli di quella in mio possesso, così come della possibilità di "pezzare" la mancanza dell'unità di controllo.

Giulio

Avatar utente
Coloretoscano
appassionato
Messaggi: 13
Iscritto il: 19/05/2022, 12:05
Reputation:

Re: Ilford Multigrade 600, si recupera?

Messaggio da Coloretoscano »

Buongiorno, io ho appena preso un Multigraph con centralina e tutto pare funzionare bene ma in fase di stampa quando imposto un tempo sulla centralina, alla pressione del pulsante per avviare l'esposizione in realtà parte un un tempo diverso, inoltre , pur variando il tempo impostato se viene cambiato il grado della carta, il tempo allo start cambia ancor più in maniera massiccia. Sapete se per caso è il computer della centralina che gestisce tutto questo tenendo conto di fattori diversi oppure posso pensare che è una anomalia ? Purtroppo non ho provato ancora a fare delle stampe perchè prima buttar via carta e tempo volevo capire se è un difetto di funzionamento oppure lo deve fare. Qualcuno sa darmi una spiegazione ? GRAZIE !

Avatar utente
bernardosalines
guru
Messaggi: 314
Iscritto il: 28/03/2020, 23:51
Reputation:

Re: Ilford Multigrade 600, si recupera?

Messaggio da bernardosalines »

Non sono un massimo esperto, ma posso dire che lo fa: è una centralina che tiene conto anche dell'invecchiamento della lampada e della sua perdita di efficienza, per cui compensa allungando il tempo di esposizione. Modifica il tempo anche in funzione della filtratura. Ma aspettiamo qualcuno più esperto.

Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 13180
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Faenza
Contatta:

Re: Ilford Multigrade 600, si recupera?

Messaggio da Silverprint »

Il manuale va studiato, molto, molto a fondo. Non facile capirlo perché nel tentativo di rendere l'oggetto user friendly (non lo è) ne occulta il funzionamento.

Un sistema "closed loop" funziona in maniera forse non troppo intuitiva... In ogni caso una fotocellula misura l'output di luce a anche il colore della stessa e adatta il "tempo" di esposizione di conseguenza.

Ho messo tempo tra virgolette perché è fuorviante pensarlo come tempo espresso in secondi, pensatelo come "unità di esposizione", se varia la luce per dare le stesse unità di esposizione bisogna variare la durata di ognuna di queste unità, oppure aumentare il tempo.
Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it
[email protected]

Avatar utente
Coloretoscano
appassionato
Messaggi: 13
Iscritto il: 19/05/2022, 12:05
Reputation:

Re: Ilford Multigrade 600, si recupera?

Messaggio da Coloretoscano »

Grazie Andrea, ora è un pò più chiaro... nel frattempo avevo letto anche il post "durst Multigraph" attraverso il quale ne avevo intuito il funzionamento.
Però le istruzioni allegate alla macchina, originali ed in italiano, sono molto scarne ... non sono riuscito a trovare in rete un manuale o comunque una descrizione del funzionamento e/o dell'operatività del 805 Multigraph più dettagliata ed esaustiva ...
se qualcuno mi delle un'indicazione dove trovarla glie ne sarei grato.
Valter

Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 13180
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Faenza
Contatta:

Re: Ilford Multigrade 600, si recupera?

Messaggio da Silverprint »

Non credo esista...

Il funzionamento si basa su dati IsoR ed IsoP memorizzati nei vari canali carta.
Puoi intervenire nel menù ed inserire altri dati, ma é piuttosto complicato. Oppure, se non erro, puoi inserire della variazioni sul canale e memorizzarle.

Sono 20 anni che non ne maneggio uno...

È una macchina fatta per fare produzione, non stampa manuale da amatori.
Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it
[email protected]

Avatar utente
Coloretoscano
appassionato
Messaggi: 13
Iscritto il: 19/05/2022, 12:05
Reputation:

Re: Ilford Multigrade 600, si recupera?

Messaggio da Coloretoscano »

Certo Andrea,
Condivido il fatto che sia una macchina da produzione e non da amatore, tuttavia il sitema mi garantisce costanza di esposizione e la sonda è molto precisa. Io non mi sono trovato male quando me lo hanno fatto provare. Posso anche usarlo come mi hai insegnato tu, impostando il filtraggio voluto manualmente ( in "F.light") e fare provini scalari usando il metronomo. Tuttavia sarebbe molto pratico, vista la precisione della sonda, ottenere valori da inserire nel sistema di calibrazione per avere risultati di stampa già prossimi a quello migliore ottenibile.
Per questo poter ottimizzare un programma anche se già preinpostato, per un certo tipo di carta sarebbe il massimo. Però ogni programma "paper" riporta dei dati richiamabili premendo contemporaneamente il tasto "Burn" e il tasto "Grade" che possono essere variati ma poi ... come faccio ad ottimizzare il Contrasto, il filto Giallo, il filtro Magenta, e la Comp-D per ogni grado da 00 a 5 per una carta specifica?
Per esempio, tra i dati riportati alla fine del manuale per svariati tipi di carte, mancano quello della Fomabron Variant marca FOMA che, peraltro su tuo consiglio, ho adottato e mi piace molto (soprattutto sui neri). Mi piacerebbe conoscere un workfloow per ricavare questi dati attraverso dei test. Qualcuno conosce qualche proceduyra per questo ?
Grazie infinite ragazzi

Valter

Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 12155
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: Ilford Multigrade 600, si recupera?

Messaggio da chromemax »

I valori ISO-R e ISO-P della carta sono pubblicati sui datasheet.

Telegram Vieni a scoprire il canale telegram di analogica.it - tantissime offerte su materiale fotografico analogico nuovo ed usato Offerte materiale analogico


Rispondi