Rivelatore Tri-x 400 - Lezioni di fotografia

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: chromemax, Silverprint

Avatar utente
Federico Pari
fotografo
Messaggi: 62
Iscritto il: 05/09/2017, 15:36
Reputation:

Re: Rivelatore Tri-x 400 - Lezioni di fotografia

Messaggioda Federico Pari » 23/09/2017, 12:21

Ok, come dicevo nel messaggio di presentazione, il mio successivo post sarebbe stato qui :)

Mi sono letto una volta e mezzo tutte le 64 pagine della discussione (quindi sono a circa pagina 30 della seconda lettura) , diciamo quindi che la questione "esporre per le ombre - sviluppare per le luci" dovrebbe essermi chiara, compresi i motivi per cui si procede cosi'.

Ho realizzato l'esperimento suggerito da silverprint, o meglio, ho solamente fatto le foto, esposte sulle ombre con la SE e con ampio bracketing, forse anche troppo ( * )... e devo svilupparle coi tempi "a scalare". E qui ho un dubbio, perche', rileggendo, una volta si e' suggerito di sviluppare partendo da meta' dei tempi da bugiardino corrispondenti alla SE e un'altra partendo dai tempi proposti per la IE "nominale". Fermo restando che sono tempi indicativi, quale scegliere e perche'?

Le pellicole sotto test sono la delta 400 e la 3200, e qui mi sorge una domanda sulla diluizione: ho sempre usato rodinal 1+50, opzione esistente nel bugiardino della delta 400 ma non della delta 3200 (qui sono indicati i tempi per la diluizione 1+25), ma, quando ho utilizzato rodinal 1+50 per 20' per la 3200 esposta con IE 3200, i risultati non mi sono dispiaciuti affatto, nonostante fossero scene ad alto contrasto (notturne); perdonatemi ma al tempo non avevo ancora letto (su questa discussione o in un'altra non mi ricordo) il cazziatone di silverprint "quando capirete che per una scena ad alto contrasto NON va bene uno sviluppo compensatore..." :D

Ha senso, dunque, partire dalla meta' del tempo che avevo gia' provato con la 3200 usando 1+50?

Giusto per buttare carne al fuoco, avrei a disposizione anche l'FD della ars-imago, usato un paio di volte con la delta 3200 con tempi e diluizioni da bugiardino, pero' mi e' piaciuta di piu' com'e' uscita dal rodinal 1+50 20'

Il motivo di questa domanda deriva dal fatto che vorrei concentrarmi su un solo rivelatore, una sola diluizione e una sola tipologia di carta.

Grazie per le risposte :)

( * ) ho sottoesposto le ombre fino a -3 stop con la delta 400 e fino a -2 stop con la 3200 (con questa non potevo andare oltre con due dei miei corpi macchina, che non vanno sotto a 1/500...) e sono arrivato a +3 di esposizione. Ho scelto di non limitare l'esposizione delle ombre a -2 stop e di scendere fino a -3 (con la delta 400) per avere in mano anche la simulazione di cio' che succede a mettere le ombre in una zona piu' bassa; e' corretto o crea solo confusione? :D



Advertisement
Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11065
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Rivelatore Tri-x 400 - Lezioni di fotografia

Messaggioda Silverprint » 24/09/2017, 10:39

Ciao Federico, benvenuto.

La Ilford, di solito, usa come riferimento per i tempi suggeriti un contrasto piuttosto alto.
Di solito, nel senso che vale sempre, ma non per la Delta 3200. :)
Per cui io partirei dalla metà per la 400 e dal tempo suggerito per la 3200.

Il Rodinal 1+50 può essere adatto alla 400 (1+25 non lo proverei neanche), fatto salvo verificare come si comporti agli alti livelli di esposizione e che non si perda troppa sensibilità. Lo vedo molto meno adatto per la 3200 che, essendo pensata per i tiraggi spinti, è una pellicola tendenzialmente morbida e anche (di solito) lenta a svilupparsi. Per cui nel caso 1+25 andrebbe meglio, sempre che la grana non ti appaia eccessiva, e che non si perda di sensibilità (non avrebbe senso). L'Ars-Imago FD va di solito molto bene per i tiraggi, infatti in alcuni casi, specialmente con molte 400 iso, il contrasto risulta un po' basso e la compensazione marcata. Non sempre però, con certe pellicole il contrasto che si ottiene tende ad essere alto, per cui bisogna provare. Anche in questo caso per la 3200 è consigliabile usarlo (come suggerito) con una diluizione minore (1+19).

Tendere all'uso di un solo rivelatore mi pare una buona idea, specialmente all'inizio, però con le pellicole scelte non consiglierei né il Rodinal, né l'FD come unico rivelatore. La Delta 400 può avere una curva "insellata", ovvero toni medi e bassi con pendenza decisamente meno marcata di quella che si ha a livelli maggiori di esposizione (a dispetto di quanto dovrebbe fare la tecnologia core-shell... :( ). Il Rodinal, specialmente 1+25 tende a produrre curve dall'andamento simile, per cui i negativi, anche se sviluppati per un tempo che dia contrasto adeguato potrebbero essere difficili da stampare. Nel caso quindi meglio 1+50, verificando però che la compensazione non sia eccessiva, vale a dire che venga mantenuta la capacità di differenziare adeguatamente i toni agli alti livelli di esposizione. La 3200 è una pellicola dalla resa molto particolare, ma anche lei può avere una curva del genere.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
Federico Pari
fotografo
Messaggi: 62
Iscritto il: 05/09/2017, 15:36
Reputation:

Re: Rivelatore Tri-x 400 - Lezioni di fotografia

Messaggioda Federico Pari » 24/09/2017, 12:07

Silverprint ha scritto:Ciao Federico, benvenuto.


Grazie :D

La Ilford, di solito, usa come riferimento per i tempi suggeriti un contrasto piuttosto alto.
Di solito, nel senso che vale sempre, ma non per la Delta 3200. :)
Per cui io partirei dalla metà per la 400 e dal tempo suggerito per la 3200.


ok

Nel caso quindi meglio 1+50, verificando però che la compensazione non sia eccessiva, vale a dire che venga mantenuta la capacità di differenziare adeguatamente i toni agli alti livelli di esposizione. La 3200 è una pellicola dalla resa molto particolare, ma anche lei può avere una curva del genere.


bene, allora per ora provero' rodinal 1+50, anche se non sarebbe consigliabile, tenendo d'occhio la compensazione.

Il fatto e' che la grana mi piace assai (la cerco proprio, mi ha sempre dato un'idea di...sensazione tattile; nelle foto con molta grana i soggetti mi sembra quasi di poterli toccare, soprattutto nelle foto di un autore che amo molto; forse sono matto :D )

Spero di non andare troppo OT, ma per fare capire che tipo di resa mi piace, allego una scansione di un negativo di una delta 3200 sviluppata a 1+50, corretta su PS per simulare il piu' possibile cosa mi e' uscito dalla stampa (che ho provato a scansionare col mio scanner piano, ma e' uscita una robaccia)

http://oi65.tinypic.com/2s8lkls.jpg
Immagine

Edit: scusate ho editato il post perche' ho fatto un pasticcio col copia/incolla :((

Edit2: ho cambiato il link alla foto, ora dovrebbe andare (nell'altro aggiungeva https anziche' http e non so perche')
Ultima modifica di Federico Pari il 24/09/2017, 12:23, modificato 1 volta in totale.



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11065
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Rivelatore Tri-x 400 - Lezioni di fotografia

Messaggioda Silverprint » 24/09/2017, 12:11

Il link non funziona...

Se ti piace la grana però dovresti sostituire la Delta 400 con qualcosa dalla emulsione tradizionale. La Kodak Tri-X col Rodinal non è male.
La Delta 3200 invece ha grana vistosa comunque.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
Federico Pari
fotografo
Messaggi: 62
Iscritto il: 05/09/2017, 15:36
Reputation:

Re: Rivelatore Tri-x 400 - Lezioni di fotografia

Messaggioda Federico Pari » 24/09/2017, 12:29

Silverprint ha scritto:Il link non funziona...


ora dovrebbe funzionare; scusate il macello, ieri sera ho voluto fare il giovane e si vedono le conseguenze... :((

Se ti piace la grana però dovresti sostituire la Delta 400 con qualcosa dalla emulsione tradizionale. La Kodak Tri-X col Rodinal non è male.


Fatta la dovuta tara sul mio metodo di lavoro, che seguiva rigorosamente la logica della media (quindi era a casaccio :D ), l'ho provata tirata a 800, ma mi piace di meno; probabilmente ci tornero' sopra :-?



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11065
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Rivelatore Tri-x 400 - Lezioni di fotografia

Messaggioda Silverprint » 24/09/2017, 12:34

Nell'immagine postata si vedono più rumore ed artefatti di scansione che grana, però. :)


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
Federico Pari
fotografo
Messaggi: 62
Iscritto il: 05/09/2017, 15:36
Reputation:

Re: Rivelatore Tri-x 400 - Lezioni di fotografia

Messaggioda Federico Pari » 24/09/2017, 13:16

Silverprint ha scritto:Nell'immagine postata si vedono più rumore ed artefatti di scansione che grana, però. :)


Naturalmente si', era per tentare di dare un'idea della quantita' :)

Naturalmente la stampa ha la grana vera, e ci mancherebbe che non fosse cosi', altrimenti 65 pagine di fatiche a cosa sarebbero servite? :)) :))

Grazie di nuovo per il confronto comunque :ymapplause:



Avatar utente
Federico Pari
fotografo
Messaggi: 62
Iscritto il: 05/09/2017, 15:36
Reputation:

Re: Rivelatore Tri-x 400 - Lezioni di fotografia

Messaggioda Federico Pari » 11/10/2017, 20:23

Do un veloce aggiornamento sul procedere del mio esperimento: i 3 rullini di delta 3200 sono sviluppati, 1 di delta 400 e' sviluppato. Ho cominciato a stampare qualche confronto della stessa scena sulla delta 3200 sviluppata coi 3 tempi diversi (per ora una a contrasto medio e con le ombre messe in zona III). Nonostante le prove siano state poche, si capiscono un sacco di cose...anzi...se ne capisce solo una, che e' la sola che serve: chi non fa questo esperimento e' matto e ho detto tutto [-(

Piu' avanti, se volete, altri aggiornamenti :)



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11065
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Rivelatore Tri-x 400 - Lezioni di fotografia

Messaggioda Silverprint » 11/10/2017, 21:45

Federico Pari ha scritto:... chi non fa questo esperimento e' matto e ho detto tutto [-(


Grande Federico! :ymapplause:

Buon lavoro e tienici aggiornati!


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
Lollipop
esperto
Messaggi: 292
Iscritto il: 31/10/2017, 22:33
Reputation:

Re: Rivelatore Tri-x 400 - Lezioni di fotografia

Messaggioda Lollipop » 31/10/2017, 23:06

@
Avatar utente
Silverprint
, come mio primo post, dopo quello di presentazione, vorrei ringraziarti del prezioso tutorial: mi è stato davvero di grande aiuto.
Seguo te e tutto il forum con grande attenzione.





  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite