Tri-X 400 - contrasto insufficiente

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: Silverprint, chromemax

Avatar utente
gip5487
fotografo
Messaggi: 47
Iscritto il: 17/03/2013, 13:38
Reputation:
Località: Catania
Contatta:

Tri-X 400 - contrasto insufficiente

Messaggioda gip5487 » 11/03/2014, 18:42

Salve a tutti. Ieri mi sono cimentato in un piccolo esperimento, esponendo una Kodak Tri-X 400 a 200 ISO. Dopo essermi documentato sulle varie modalità di sviluppo, ho optato per un immersione in Rodinal 1+100 per 30 minuti. Come da indicazioni, ho agitato il tank solo per il primo minuto per poi lasciarlo riposare per i restanti 29 (lo so; è un metodo piuttosto anomalo). Essendo uno sviluppo a diluizione 1+100, come consigliato in diverse discussioni, ho effettuato anche un pre-bagno di 3 minuti. Evidentemente l'agitazione per il solo primo minuto è risultata insufficiente a fornire il giusto contrasto alla pellicola. Gurdandola, è possibile notare come essa abbia colto tutti i dettagli della scena, ma anche come essi siano completamente privi di neri pieni (che poi sarebbero bianchi). Presumo che il negativo sia instampabile (passerebbe troppa luce) ma vorrei comunque avere un parere in merito. Magari sapere se qualche agitatina del tank in più avrebbe potuto portare al risultato desiderato. Allego due scatti. Uno della pellicola incriminata e uno con la medesima pellicola, posta a confronto con uno dei negativi che ho stampato tempo fa, con risultati soddisfacenti.ImmagineImmagine



Advertisement
Avatar utente
Luca Ghedini
guru
Messaggi: 671
Iscritto il: 02/02/2012, 15:26
Reputation:

Re: Tri-X 400 - contrasto insufficiente

Messaggioda Luca Ghedini » 11/03/2014, 18:57

Lo "stand"... se lo conosci lo eviti :-)
Scherzi a parte, 11/12 minuti in D76 1+1 o 7 minuti in Studional 30 + 1 e dovresti avere dei negativi discreti.
Ciao


Luca Ghedini - Bologna (San Lazzaro di Savena)

Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 9412
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: Tri-X 400 - contrasto insufficiente

Messaggioda chromemax » 11/03/2014, 19:04

Hai voluto provare lo stand... :ymdevil: :ymdevil:
Lo stand è roba buona per gli scanner o per situazioni molto particolari.
I negativi sembrano debolucci ma non mi pare siano instampabili, in un ingranditore a condensatori con una gradazione dura escono fuori delle buone stampe imho, anzi mi sembrano un po' troppo duri quelli che hai messo a confronto.
Se vedi che è difficile cavarne fuori qualcosa di buono puoi provare a rinforzarli virandoli al selenio (una soluzione di viraggio al selenio 1+2 o 1+3 per 15-20 minuti a 20-24 gradi); una mezza/trequarti di gradazione in più si recupera. Altri sistemi di rinforzo (che poi di fatto è rimasta la rialogenazione e il risviluppo dato che gli altri sistemi sono un bel po' tossici) li sconsiglio soprattutto in 35 mm, in genere la grana ne risente parecchio.



MarcoLeoncino

Re: Tri-X 400 - contrasto insufficiente

Messaggioda MarcoLeoncino » 11/03/2014, 19:04

Penso che ti risponderanno quelli che hanno piu' esperienza di me, ma, comunque vorrei chiederti una cosa: se i negativi che avevi sviluppato tempo fa li avevi stampati con successo (quella col cane?) perche' hai deciso di usare un metodo cosi' diverso (come si chiama, sviluppo stand?). Come hanno detto tante volte lo sviluppo stand non è il massimo per la stampa sotto l'ingranditore... E poi mi sembra di capire che le foto del negativo col cane sono state fatte in una giornata soleggiata, mentre le altre in una giornata con cielo coperto. Mi sembra normale che, a prescindere, il contrasto sia diverso.
In ogni caso, per regolare il contrasto, sarebbe piu' opportuno usare sempre lo stesso schema per l'agitazione (fattore che influisce sul contrasto e che non è sempre riproducibile con precisione assoluta) e giocare sul tempo e sulla diluizione del rivelatore (fattori che influiscono sul contrasto, ma che si possono ripetere con precisione). My 2 cents....



Advertisement
Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11668
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Tri-X 400 - contrasto insufficiente

Messaggioda Silverprint » 11/03/2014, 19:06

Premesso che secondo me lo sviluppo stand è comunque una barbarie, con la Tri-x lo è ancora di più. Lo è di più perché la Tri-x ha la spalla piuttosto precoce e bloccare ulteriormente le alte densità con uno sviluppo super compensatore non mi pare una buona idea.
Personalmente con la Tri-x opto per rivelatori abbastanza energici e con agitazione frequente. Col Rodinal già ad 1+50 la compressione dei toni alti è evidente.

Comunque il negativo è sotto-esposto e un po' sotto-sviluppato. Probabilmente la sotto-esposizione è in parte dovuta ad una perdita di sensibilità causata dalla modalità di sviluppo e forse da un quantitativo di chimico insufficiente. Il sottosviluppo c'è, ma così a occhio, se l'esposizione fosse stata corretta non sarebbe stato tanto evidente.

Ad ogni modo, sono meglio questi di quelli che ti sembrano venuti bene che invece sono decisamente sovra-sviluppati. ;)


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
gip5487
fotografo
Messaggi: 47
Iscritto il: 17/03/2013, 13:38
Reputation:
Località: Catania
Contatta:

Tri-X 400 - contrasto insufficiente

Messaggioda gip5487 » 11/03/2014, 19:18

L'esposizione sulla scena era corretta. A quel che dite, il negativo sarebbe addirittura stampabile. Ma tornando allo sviluppo: quindi una diluizione rodinal 1+50 e agitazione frequente sarebbe più "sicura"?

La "rinfozatina" con viraggio al selenio sembra interessante, se non mi accentua troppo la grana.



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11668
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Tri-X 400 - contrasto insufficiente

Messaggioda Silverprint » 11/03/2014, 19:39

gip5487 ha scritto:L'esposizione sulla scena era corretta.

Non mi sembra. Come hai calcolato l'esposizione?

1+50 è sicuramente più sicuro, ma se non vuoi grana evidente, non dovresti usare il Rodinal.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
gip5487
fotografo
Messaggi: 47
Iscritto il: 17/03/2013, 13:38
Reputation:
Località: Catania
Contatta:

Tri-X 400 - contrasto insufficiente

Messaggioda gip5487 » 11/03/2014, 20:43

Più che altro non voglio grana "eccessiva". Per l'esposizione mi sono affidato all'esposimetro della mia Contax 139, che non ha mai avuto problemi di lettura.

Comunque farò una prova confrontando, a parità di tempi e pellicola, l'esposizione degli scatti realizzati dalla mia Yashica, con quelle della Contax... Non vorrei che l'otturatore abbia perso colpi. Certo sarebbe strano. Un otturatore malfunzionante non dovrebbe tendere alla sovraesposizione?



Avatar utente
bafman
superstar
Messaggi: 1912
Iscritto il: 04/06/2012, 22:25
Reputation:
Località: MO
Contatta:

Re: Tri-X 400 - contrasto insufficiente

Messaggioda bafman » 11/03/2014, 22:30

gip5487 ha scritto:Per l'esposizione mi sono affidato all'esposimetro della mia Contax 139, che non ha mai avuto problemi di lettura.
se questo significa che ti fidi di quello che ti dice a prescindere dalla scena inquadrata, dal contrasto e dal resto direi che puoi cominciare a farti qualche domanda... non su quello (che pure devi sapere cosa e come legge), ma sugli esposimetri in genere.

gip5487 ha scritto:Non vorrei che l'otturatore abbia perso colpi. Certo sarebbe strano. Un otturatore malfunzionante non dovrebbe tendere alla sovraesposizione?
...perchè mai? rompine uno e vedi quando le tendine non partono neppure come sottoespone. B-)



Avatar utente
gip5487
fotografo
Messaggi: 47
Iscritto il: 17/03/2013, 13:38
Reputation:
Località: Catania
Contatta:

Re: Tri-X 400 - contrasto insufficiente

Messaggioda gip5487 » 11/03/2014, 22:45

Come puoi vedere dalla porzione di negativo sopra mostrata, faccio sempre un minimo di sequenze a forcella. Oltretutto, se lo scatto fosse sottoesposto, avrei dovuto perdere tutti i dettagli del campo, giusto? Per quel che riguarda il "contrasto" della scena; erano circa le 14, il cielo era coperto e filtrava una bella luce morbida. In vita mia mi son trovato poche volte davanti a una scena così "equilibrata". Se non posso affidarmi all'esposimetro in situazioni simili... Magari il digitale mi ha un po' impigrito.





  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti